logo_print

Tutto sulla salicornia, un interessante asparago del mare

salicornia
Stampa

Le principali caratteristiche della salicornia

La salicornia è una pianta che cresce selvatica lungo la maggior parte delle coste del Mediterraneo. In particolare prospera sul bagnasciuga, nei suoli sabbiosi e fangosi, a ridosso dell’acqua di mare. E’ anche nota come “asparago di mare”, infatti la sua forma ricorda quella del celebre ortaggio. Tuttavia, dal punto di vista biologico e anche organolettico ha poco a che vedere con gli ortaggi. Di base, appartiene alla famiglia delle amarantacee, si tratta della stessa famiglia di cui fanno parte l’amaranto e la quinoa. La salicornia si distingue per la presenza di un fusto molto carnoso e ricco di escrescenze, che assomigliano a dei rami veri e propri. Il suo colore può essere definito come un verde particolarmente brillante.

Per quanto concerne le dimensioni, la pianta può raggiungere e superare anche i 40 centimetri. Le foglie, in genere non commestibili, sono comunque carnose e si caratterizzano per un aspetto lamellare. La salicornia è una pianta dalle alterne “fortune”, almeno per quanto concerne l’alimentazione. Pur essendo diffusa un po’ dappertutto, è considerata un alimento degno di nota solo in specifici contesti. In Italia, per esempio, non è granché consumata, mentre ricorre in molte ricette della tradizione spagnola e, in misura minore, portoghese. Ovviamente, in quest’ultimo caso, si parla di salicornia “atlantica”, infatti il Portogallo non ha sbocchi sul Mediterraneo.

Il valore nutritivo di questa preziosa pianta selvatica

La salicornia è un alimento di tutto rispetto, per quanto di nicchia. Infatti, sia dal punto di vista organolettico che da quello nutrizionale regala più di qualche soddisfazione. In primis, nonostante la sua origine “quasi acquatica”, è straordinariamente ricca di fibre. Ciò, come sicuramente già saprete, favorisce il regolare transito intestinale e contribuisce a risolvere gli episodi più lievi di stipsi. Una caratteristica molto importante della salicornia, che la pone a un livello superiore rispetto a tante altre specie selvatiche, è l’eccezionale concentrazione di proteine. Dal punto di vista nutritivo, infatti, 100 grammi di prodotto contengono solo 13 grammi di proteine, una quantità simile a quella degli alimenti animali piuttosto che di quelli vegetali.

salicornia

Non è un caso che la salicornia venga consumata spesso dai vegani e da vegetariani, proprio in sostituzione della carne, dei latticini, delle uova eccetera. Un’altra caratteristica importante della salicornia è la ridotta presenza di grassi. Per giunta, i pochi che ci sono fanno parte della categoria dei “grassi buoni”. Il riferimento è agli acidi grassi omega tre, che generano un impatto positivo sull’apparato cardiocircolatorio, sulla funzione cognitiva e su quella visiva. Tale presenza qualifica la salicornia come uno dei pochi alimenti di origine vegetale a favorire la buona salute del cuore.

Cionondimeno, si caratterizza per una concentrazione molto elevata di vitamine e sali minerali. La salicornia, infatti, contiene tantissima vitamina C, betacarotene (che favorisce la produzione della vitamina A), potassio, magnesio e iodio. Contiene anche tantissimo sodio, vista anche la zona in cui cresce e prospera. Infine, si segnala un apporto calorico molto basso, pari a 65 kcal per 100 grammi di salicornia. Una cifra che appare irrisoria, soprattutto alla luce dello scarso peso specifico della pianta.

Come si consuma e come si cucina la salicornia

Per quanto la salicornia possa sembrare un alimento “alla portata di tutti”, nel suo consumo necessità di qualche accorgimento. Il riferimento è, in particolare, alle grandi quantità di sodio. Essa rende la salicornia molto salata. Per questo motivo, prima di qualsiasi preparazione, è bene lasciare in ammollo questo alimento per più di qualche ora, secondo un procedimento che ricorda la dissalazione dei capperi. Ovviamente, durante questa fase è bene cambiare l’acqua più volte. Vale comunque la pena di consumare la salicornia, alla luce delle proprietà nutrizionali che ho elencato precedentemente e di un sapore di fondo più che gradevole.

La salicornia può fungere da ingrediente principale, particolarmente adatto al consumo a crudo, tuttavia si usa lessare leggermente e condirla con olio e succo di limone. In questo modo, si trasforma in un contorno semplice ma pregiato. Soprattutto in Spagna, la salicornia così trattata viene posta sulle bruschette e trasformata nel classico antipasto “da Tapas”, tuttavia esistono ricette che vedono la salicornia come ingrediente per primi piatti, in particolare di spaghetti. A dire il vero, ricette di questo tipo sono diffuse più nella cucina italiana che in quella spagnola.

01-06-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti