Lollipop di Parmigiano Reggiano e semi, fusione top

Lollipop di Parmigiano Reggiano
Commenti: 0 - Stampa

Un aperitivo invitante

Avete mai pensato di deliziare i vostri ospiti servendo loro dei lollipop di Parmigiano Reggiano e semi? Non temete, la ricetta che andremo a preparare oggi è molto semplice e i tempi di preparazione sono pressoché contenuti. Per questo motivo, si adatta molto bene alle esigenze di chi vuole preparare un piatto gustoso ma al tempo stesso veloce. E non dimentichiamoci che gli ingredienti dei lollipop di Parmigiano Reggiano e semi oltre ad essere molto appetitosi sono anche nutrienti e sani, in pratica l’ideale per tutta la famiglia. Inoltre, si tratta di una ricetta perfettamente adatta sia agli intolleranti al glutine sia agli intolleranti al lattosio già che prevede l’utilizzo di ingredienti quali il Parmigiano Reggiano e i semi di zucca, girasole e sesamo nero.

Prepariamo i lollipop di Parmigiano Reggiano e semi

I lollipop sono dei deliziosi stuzzichini, nel nostro caso a base di formaggio Parmigiano Reggiano, che ricordano molto la forma del lecca-lecca. Potrete utilizzarli come segna-posto per rendere la vostra tavola ancora più originale o, in alternativa, come croccante e sfizioso sostituto del pane. Vi posso asicurare che conquisterete tutti con i lollipop al Parmigiano Reggiano e semi!

Iniziamo a soffermarci sul Parmigiano Reggiano, precisando che esso non contiene né lattosio né galattosio. Nelle ore immediatamente successive alla caseificazione, infatti, avviene un rapido sviluppo di lattobacilli, che fermentano tutto il lattosio presente nella cagliata in circa 6-8 ore. Anche il galattosio, che si forma dal lattosio, è metabolizzato rapidamente e nel giro di 24-48 ore scompare completamente.

Lollipop di Parmigiano Reggiano e semi

Nella nostra ricetta è stagionato 48 mesi perciò è altamente digeribile e si adatta alla dieta di tutti , adulti e bambini, anziani e in più donne incinte; basti pensare che spesso è il solo alimento che non provoca nausea. Il Parmigiano Reggiano, che contiene proteine, vitamine e sali, è una fonte di energia incredibile; non solo, questo formaggio è un valido alleato nel rafforzamento delle nostre ossa, previene le malattie e, udite udite, aiuta a perdere peso. Infatti, stimolerebbe la perdita di grasso e il dispendio calorico a riposo. In aggiunta, il Parmigiano Reggiano vanta un alto indice di sazietà. Potrete consumare il Parmigiano Reggiano nella vostra dieta dimagrante, soprattutto in abbinamento alle verdure. Ad esempio, insieme a carciofi e funghi crudi, il Parmigiano Reggiano agevola la diuresi e riduce la ritenzione idrica, responsabile di gonfiori e cellulite localizzata.

Le proprietà benefiche di Parmigiano Reggiano e semi

Veniamo ora al secondo ingrediente della nostra ricetta: nei lollipop di Parmigiano Reggiano non possono mancare i semi che, nel nostro caso, sono di zucca, girasole e sesamo nero. A dispetto delle loro dimensioni i semi sono davvero ricchi di proteine, fibre vegetali e acidi grassi essenziali. Ciò li rende in grado di aiutare il nostro organismo nella prevenzione di alcune delle malattie più gravi. I semi di zucca, girasole e sesamo nero arricchiscono la nostra alimentazione aggiungendo sapore e gusto ai nostri piatti; proprio come nel caso della ricetta che prepareremo oggi: i lollipop di Parmigiano Reggiano e semi.

Ed ecco la ricetta dei lollipop di Parmigiano Reggiano e semi

 Ingredienti:

  • 200 gr di Parmigiano Reggiano 48 mesi Malandrone1477
  • semi di zucca , di girasole e sesamo nero

Preparazione

Grattugiate il parmigiano, dividendolo in tre piattini e versate una cucchiaiata di semi differente.

Con l’aiuto di un coppapasta formate dei dischi di formaggio e semi su una placchetta.

In seguito, inserite gli spiedini, fateli cuocere nel forno a microonde per un minuto.

Lasciate raffreddare e poi servite.

Buon appetito!

5/5 (466 Recensioni)
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Malandrone 1477

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino e anguria, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino e anguria, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino e anguria è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato, dal sapore insolito Il tortino con prosciutto e melone disidratato prende ispirazione dal celebre prosciutto e melone, un antipasto di origine ispanica...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti