bg header
logo_print

Lollipop di Parmigiano Reggiano, un antipasto delizioso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Lollipop di Parmigiano Reggiano
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 5 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Lollipop di Parmigiano Reggiano e semi, un’idea simpatica ed originale

I lollipop di Parmigiano Reggiano e semi sono frutto di un’idea creativa facile da preparare, nonché una soluzione che trasforma degli ingredienti usati per primi, secondi e contorni in una sorta di snack da passeggio. La ricetta rende infatti onore al suo nome e permette di creare dei “lecca lecca” al gusto di Parmigiano e semi. Alcuni di voi potrebbero pensare che il procedimento sia molto complicato, ma in realtà è alla portata di tutti.

Si tratta infatti di grattugiare il formaggio e di disporlo in tre ciotole. Poi si arricchisce ciascuna ciotola con una tipologia di seme particolare, che può essere di zucca, di girasole o di sesamo. Dopodiché arriva la parte divertente: si racchiude ciascun mix nel coppapasta, si infila uno spiedino e si cuoce al microonde. Bastano pochissimi minuti per trasformare il formaggio in una specie di crosta con i semi incastonati al suo interno.

Ricetta lollipop di Parmigiano Reggiano

Preparazione lollipop di Parmigiano Reggiano

Per preparare i lollipop di Parmigiano Reggiano procedete così. Grattugiate il parmigiano, dividendolo in tre piattini e versate una cucchiaio di semi differenti (semi di girasole, semi di zucca e semi di sesamo).

Con l’aiuto di un coppapasta formate dei dischi di formaggio e semi su una placchetta. In seguito, inserite gli spiedini, fateli cuocere nel forno a microonde per un minuto. Infine lasciate raffreddare e servite.

Ingredienti lollipop di Parmigiano Reggiano

  • 200 gr di Parmigiano Reggiano 48 mesi Malandrone 1477
  • q. b. di semi di zucca
  • semi di girasole e di sesamo nero.

Quale formaggio scegliere per i lollipop di Parmigiano Reggiano

Il protagonista dei lollipop di Parmigiano Reggiano è ovviamente il formaggio, che funge da base per questo tipo di snack. Il Parmigiano è il simbolo del made in Italy ed è probabilmente il formaggio più nutriente al mondo. Basta guardare alle sue proprietà nutrizionali per rendersene conto. E’ ricco di proteine come pochi altri altrimenti, anzi sotto questo aspetto è superato solo da alcune carni e pesci trattati (ad esempio il baccalà). E’ ricco anche di calcio, una sostanza fondamentale per la salute delle ossa e dei denti. Contiene anche la vitamina D, che potenzia il sistema immunitario.

Quale Parmigiano è opportuno utilizzare? Il consiglio è di premiare le lunghe stagionature, in quanto si trasformano in crosta più facilmente e acquisiscono una texture molto croccante. In particolare vi consiglio il Parmigiano Reggiano 48 mesi di Malandrone 1477, un caseificio che si distingue per la capacità di coniugare la lunga stagionatura con la conservazione dei sentori dolci, che in genere si perdono già dopo i 24 mesi.

Lollipop di Parmigiano Reggiano e semi

I semi di zucca, un ingrediente che valorizza

Ovviamente un aspetto fondamentale per la ricetta dei lollipop di Parmigiano Reggiano viene riservato ai vari tipi di semi. La lista degli ingredienti comprende i semi di zucca, di girasole e i semi di sesamo nero. In merito avete ampio margine di discrezione, quindi potete inserire i semi “oleosi” che più vi aggradano. I semi di zucca incidono molto sul sapore, anche perché sono tra i più sapidi e gustosi. Ovviamente andrebbero leggermente tostati in una padella antiaderente, è invece sconsigliabile usare il microonde in quanto vi è il rischio di bruciarli se non viene rispettata la giusta tempistica.

I semi di zucca sono nutrienti ma sono anche piuttosto calorici, come tutti gli alimenti della medesima categoria. D’altronde, oltre la metà della struttura dei semi è rappresentata da grassi. Va detto, però, che si tratta di acidi grassi benefici, che giovano soprattutto alla salute del cuore. Non mancano infine le proteine e ovviamente i carboidrati.

La leggerezza dei semi di girasole nei lollipop di Parmigiano Reggiano

Per la ricetta dei lollipop di Parmigiano Reggiano consiglio anche i semi di girasole, che rendono parecchio sotto il profilo del gusto. Il riferimento è ai sentori di nocciola che trasmettono i semi di girasole quando vengono tostati con perizia. Inoltre non coprono gli altri ingredienti ma li valorizzano, in quanto fungono da spezia leggera. I semi di girasole, come buona parte dei semi commestibili, vantano un discreto profilo nutrizionale. Il riferimento è all’abbondanza di vitamina E, che funge da antiossidante.

I semi di girasole sono anche più proteici della media: ogni 100 grammi di alimento 21 grammi sono di proteine. I semi di girasole sono molto grassi, ma contengono acidi grassi benefici, appartenenti alla categoria degli acidi grassi omega tre e degli acidi oleici. L’apporto calorico sfiora comunque le 600 kcal per 100 grammi, quindi è opportuno consumarli con moderazione.

Il potere nutrizionale del sesamo nero

In questo snack sfizioso troviamo anche il sesamo nero, un ingrediente che merita di “arricchire” i lollipop di Parmigiano Reggiano. Il sesamo nero si distingue per un aroma unico, chiamato in causa in molte ricette tradizionali e persino nella preparazione del pane. Il sesamo nero fa anche una discreta figura con le sue tonalità scure, che spiccano a prescindere dagli ingredienti con cui viene abbinato.

Nondimeno vanta un eccellente profilo nutrizionale. Si segnala un apporto calorico elevato, vicino alle 600 kcal per 100 grammi, compensato dall’abbondanza di grassi benefici e da una certa ricchezza in vitamine, sali minerali e fibre. Il riferimento è alle vitamine del gruppo B, che impattano sul metabolismo energetico, e alla vitamina E, che esercita un’azione antiossidante e preventiva sul cancro. Per quanto concerne i sali minerali troviamo il magnesio, il potassio, il ferro e il fosforo. Questi ultimi due sono coinvolti nelle performance della circolazione del sangue e in alcune essenziali funzioni cognitive, come memoria e concentrazione.

Ricette di snack ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Malandrone 1477

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie con melone bianco

Crostini di foie con melone bianco, un antipasto...

Quale foie utilizzare per avere dei deliziosi crostini maigre Non vi sarà sfuggito il termine “maigre” al posto del classico crostino di foie gras. Ebbene, non si tratta di un errore, ma del...

Arepas con perico venezuelano

Arepas con perico venezuelano, uno spuntino perfetto

Storia e importanza delle arepas in Venezuela Le arepas vantano una storia molto lunga. L'arepa è originaria del Venezuela, in quanto veniva preparata in epoca pre-colombiana dalle popolazioni...

Bruschette di pane danese con cervo

Bruschette di pane danese con cervo, un piatto...

Cosa sapere sulla carne di cervo Un altro protagonista di queste bruschette di pane danese è il cervo. A tal proposito vi consiglio di utilizzare la carne per arrosto, che è in genere più morbida...