bg header
logo_print

Bowl al tè matcha blu, una colazione corposa e colorata

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Bowl al te matcha blu
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 05 min
cottura
Cottura: 00 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.6/5 (9 Recensioni)

Bowl al tè matcha blu, un’idea ingegnosa e di gusto

La bowl al tè matcha blu o matcha smoothie bowl è un’idea valida per una colazione o può essere preparata per una merenda diversa dal solito. Lo si nota già al primo sguardo visto il suo colore suggestivo e tendente al blu. Il merito va proprio al tè matcha blu, un’alternativa valida al tè verde, che deve essere impiegato in polvere per mescolarsi al meglio con agli altri ingredienti. Il tè matcha è in genere verde brillante, ma assume questa tonalità grazie alla partecipazione della spirulina, un’alga a forte carattere saziante.

Il matcha è uno dei tè più salutari in assoluto in quanto contiene una quantità elevata di antiossidanti, delle sostanze che curano la rigenerazione delle cellule e aiutano a preve nire il cancro. Contiene anche tante sostanze che fanno bene al cuore. Non è un caso che i giapponesi, che ne sono grandi bevitori, siano uno dei popoli più longevi della terra. Ovviamente il tè matcha si fa apprezzare anche per il sapore, che è aromatico, tendente al dolce e delicato. Infatti viene spesso utilizzato per arricchire le bevande e persino il latte.

Ricetta bowl al tè matcha

Preparazione bowl al tè matcha

Per preparare la bowl al tè matcha blu ponete nel bicchiere del mixer il latte di mandorla, il cocco (lasciatene un cucchiaino da parte), l’arancia intera sbucciata, il dolcificante e il tè matcha. Fate riposare il tutto in frigorifero per un’ora. Trascorso questo lasso di tempo, frullate gli ingredienti fino ad ottenere un composto uniforme.

Poi versate il frullato in una grande ciotola e utilizzatelo come base. Infine arricchite la bowl con semi di chia, cocco rapè e cioccolato fondente. Servite e buon appetito.

Ingredienti bowl al tè matcha

  • 30 gr. di mandorle a scaglie
  • 1 arancia
  • 50 ml di latte di mandorla
  • 1 cucchiaio di dolcificante
  • 1 cucchiaino di tè matcha blu
  • 2 cucchiai di cocco rapè
  • 1 cucchiaino di semi di chia
  • 1 cucchiaino di cioccolato fondente tritato finemente.

Le proprietà del latte di mandorla

Il latte di mandorla gioca un ruolo fondamentale nella ricetta della bowl al tè matcha blu. Funge da base liquida, che a seguito di un ampio passaggio nel frullatore insieme agli altri ingredienti, si trasforma in un formidabile legante, capace di conferire una texture morbida al composto. Il latte di mandorla è uno dei più famosi tipi di latte vegetale, utilizzati in sostituzione del latte classico sia per abbracciare lo stile vegano che per evitare il lattosio, una sostanza a cui molti sono intolleranti.

L’assenza di lattosio non è l’unico pregio del latte di mandorla, infatti spicca anche per le proprietà nutrizionali, che sono presenti nell’alimento fresco. Il latte di mandorla contiene grassi benefici, che giovano al cuore e alla circolazione, abbassando il livello di colesterolo cattivo. Inoltre contengono la vitamina E, che esercita una funzione antiossidante, e i sali minerali come il fosforo e il magnesio. L’unico difetto è l’apporto calorico, che è abbastanza elevato, pari a 50 kcal per 100 ml.

Bowl al te matcha blu

Quale dolcificante utilizzare?

La ricetta della bowl al tè matcha blu necessita di un dolcificante, senza però specificare quale. Ciò significa che avete ampio margine di discrezione in merito. Il pensiero va in primis allo zucchero, che è il dolcificante più reperibile. A tal proposito potete optare per lo zucchero bianco, se desiderate un sapore neutro, oppure per lo zucchero bruno, se cercate sentori più complessi e caramellati.

Lo zucchero ovviamente non è l’unica alternativa, anzi non è nemmeno la più salutare, visto che contribuisce ad aumentare la glicemia (un valore pericoloso per i diabetici). Al suo posto potete invece utilizzare lo sciroppo di agave, che spicca per l’abbondanza di sali minerali e vitamine e per lo scarso impatto sulla glicemia. In alternativa potete andare sul classico e utilizzare il miele, che dà sempre grandi soddisfazioni. Se invece preferite un sapore delicato e non troppo pesante, che sa alla lontana di frutta, potete scegliere il fruttosio. In ogni caso fate attenzione a non esagerare: la bowl deve essere dolce, ma non in modo eccessivo per non coprire gli altri sapori.

Gli aromi della bowl al tè matcha

Un altro punto di forza della bowl al tè matcha blu è la presenza di molti aromi. Tra questi spicca il cioccolato fondente, che si utilizza in dosi minime e in una forma che ricorda quella delle spezie in quanto viene tritato e ridotto in polvere. Il cioccolato fondente impatta profondamente su questa ricetta in quanto spezza il blu lineare del matcha e aggiunge l’aroma inconfondibile del cacao. Vanno evidenziati, però, anche i pregi nutrizionali del cioccolato fondente, che sono superiori a quanto si possa immaginare. Infatti è ricco di antiossidanti, di sali minerali (come magnesio e potassio), di vitamina E e di sostanze che stimolano la produzione di dopamina, che impatta positivamente sull’umore.

L’unico difetto è l’apporto calorico, ma non è un problema in questo caso, visto che se ne utilizzano dosi davvero minime. In qualità di spezie intervengono poi i semi di chia, che contengono numerosi acidi grassi benefici, che fanno aumentare l’apporto calorico, ma che giovano al cuore. I semi di chia non sono comunque privi di fibre, che hanno il pregio di agevolare la digestione. Sono abbondanti anche in sali minerali, e in particolare di selenio, che funge da antiossidante e impatta positivamente sul sistema immunitario. A dispetto di altri “semi” contiene anche una ottima quantità di proteine, che pesano per il 18%. L’apporto calorico infine è sostenuto e sfiora le 600 kcal.

Ricette con matcha ne abbiamo? Certo che si!

4.6/5 (9 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pancakes senza burro

Pancakes senza burro, la colazione per chi ha...

Di cosa sa la farina di grano saraceno La vera protagonista della ricetta dei pancakes senza burro è la farina di grano saraceno. Fa parte dei cosiddetti “grani antichi”, ovvero quei cereali...

Loco moco

Loco moco, una corposa colazione hawaiana

Quale riso utilizzare per il loco moco? Benché non richieda chissà quale impegno, la cottura del riso è importante, d’altronde funge da base per l’intera ricetta. Occorre fare attenzione...

Ymerdrys con frutti di bosco

Ymerdrys con frutti di bosco, il dessert ricco...

Il gusto e le proprietà del pane di segale Il protagonista della ricetta del ymerdrys con frutti di bosco è ovviamente il pane di segale. Esso spicca per i sentori decisamente rustici ma allo...