Sfiziose pipe rigate con tonno, pomodori, piselli e olive

pipe rigate con tonno
Commenti: 0 - Stampa

Pipe rigate con tonno, pomodori, piselli e olive: piatto d’alta qualità.

Per preparare queste pipe rigate con tonno, pomodori, piselli e olive nere non ci siamo accontentati di una pasta qualsiasi. Per rendere questa ricetta compatibile con le esigenze alimentari previste dalla celiachia, abbiamo selezionato – ovviamente – una pasta senza glutine. Questo formato non lo conoscete? È ora di rimediare! Le pipe sono una pasta perfetta per qualsiasi tipo di salsa o condimento, proprio perché la forma a gomito che le caratterizza è in grado di riempirsi di gusto. Questo è possibile grazie alla duplice apertura, in alto ed in basso, e ad un’ampia curva interna. Saltando in padella questa pasta col suo condimento la lasciamo insaporire ancora di più con un risultato davvero interessante!

In particolare la pasta Massimo Zero, che trovate in calce, è figlia di un’azienda italiana specializzata in prodotti senza glutine, un’eccellenza che vi invitiamo a conoscere. L’altissima qualità dei prodotti di questa azienda, nata e presente nel cuore dell’Alto Adige, conserva caratteristiche di purezza artigianale non comuni. Se cercate dunque di raggiungere la Top Quality con i vostri piatti gluten free, non potete perdere questa specialità, per altro – lo sottolineiamo ancora – tutta italiana e con ingredienti italiani.

pipe rigate con tonno

Non la solita pasta al tonno!

La pasta al tonno rappresenta per molti il piatto della salvezza, una di quelle pietanze da spadellare in pochi minuti e da completare con una scatoletta appena aperta. L’estrema semplicità della classica pasta e tonno è tale da essere il tipico piatto da studenti fuori sede che, secondo stereotipo radicato, sono poco avvezzi ai fornelli. Oppure, perché no, un piatto scelto dagli uomini single o che per una sera devono cucinare da soli.

Spesso, quindi, una pietanza che rievoca scenari tristi e solitari, poco elaborati. Al contrario, una pasta al tonno, se fatta con i giusti ingredienti e le giuste premure, può essere un piatto completo, gustosissimo e persino Top Quality! Non ci credete? Provate a sperimentare queste pipe rigate con tonno, pomodori, piselli ed olive nere, semplici si ma dal sapore equilibratissimo e ricco.

I piselli sono, insieme alle lenticchie, i legumi di cui si hanno notizie pili antiche: oltre che negli scavi di Halicat in Turchia (5500 a. C.) sono stati ritrovati nelle tombe dei Faraoni e nelle rovine di Troia. Erano anche alimenti familiari nel- 1′ antica Roma, nonostante non fossero tenuti in gran conto.

I piselli secchi sono disponibili nelle varietà lisce o rugose, gialle o verdi (quest’ultime più frequenti in Italia), e si trovano in commercio interi o sgusciati e spezzati. Il loro consumo nel nostro Paese è piuttosto limitato (come purè), mentre è più diffuso nei Paesi anglosassoni (come zuppa, pudding) e ancora di più in India.

Il consumo maggiore di piselli si ha sotto forma di semi allo stato immaturo, freschi o surgelati, un tipo di alimento che, per la sua composizione (elevato contenuto in acqua), rientra nel gruppo degli ortaggi.

Buona anche fredda

Le pipe rigate con tonno, pomodori, piselli e olive nere sono un piatto per tutte le stagioni. Un primo che possiamo gustare, a preferenza, tiepido, caldo o addirittura freddo come un’insalata di pasta.

Le sue caratteristiche ed il suo sapore rimangono pressocché inalterati anche se la conserviamo per un po’ o magari la portiamo, in un contenitore ermetico, in un ufficio o in un pic nic.

Ed ecco la ricetta delle pipe rigate con tonno e pomodori:

Ingredienti per 4 persone:

  • 280 gr. di pipe rigate Massimo Zero
  • 210 gr. di tonno sott’olio in vaso di vetro
  • 200 gr. di pisellini
  • 200 gr. di filetti di pomodoro
  • 100 gr. di olive nere denocciolate
  • 1 scalogno
  • qualche fogliolina di origano fresco
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

In una pentola con abbondante acqua lievemente salata, lessate i pisellini per un totale di circa 25 minuti. Sgocciolate poi il tonno. Ripulite, sbucciate ed affettate lo scalogno, mettendone poi le fettine ad appassire in una pentola con un po’ d’olio. Scolate i piselli ed aggiungeteli alla padella. Unite i filetti di pomodoro e lasciate insaporire il tutto per 7 minuti.

A questo punto, sbriciolate il tonno con una forchetta e mettete in cottura nella padella. Aggiungete le olive nere ed insaporire con del pepe a piacere. Infine lessate la pasta, scolatela al dente e versatela nella pentola con il condimento. Spadellate nel sugo e profumate il tutto con foglie di origano fresco.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


13-05-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti