Pastel de nata, una delizia tipica del Portogallo

Pastel de nata
Commenti: 0 - Stampa

Perché il pastel de nata è così buono

Il pastel de nata o pastel de Belém o Pasteis de nata è un dolce tipico del Portogallo, ma poco conosciuto all’estero ed è un peccato in quanto è davvero delizioso. Questo dolce è in grado di competere con la migliore pasticceria italiana, compresa quella del sud Italia (cui potrebbe fare da richiamo, vista la presenza della sfoglia). Chi prova per la prima volta il pastel de nata rimane sorpreso.

In primis perché è semplicemente squisito, secondariamente perché, a un primo assaggio, è impossibile intuirne gli ingredienti. Il vero punto di forza del pastel de nata sta infatti nella sua particolare crema a base di uova e panna, che è frutto di tanti ingredienti sapientemente abbinati. Sono farciti con una crema che è simile a una crema pasticcera ma più ricca.

E’ raro trovare in italia una pasticceria che sappia realizzare dei pastel de nata. Si trovano, com’è giusto che sia essendo un prodotto tipico, quasi esclusivamente in Portogallo e in alcune zone della Galizia spagnola. Tuttavia, nessuno vi vieta di realizzarli a casa. Anche perché la ricetta non è poi così complicata e gli ingredienti sono abbastanza reperibili.

La fase cruciale della preparazione, ovviamente, è la creazione della crema. Quella più complicata, paradossalmente, è la cottura in forno: affinché i pastel de nata risultino perfetti, la cottura va terminata in un momento preciso, ovvero quando la superficie è diventata scura, ma non del tutto.

Il ruolo della panna delattosata

Il segreto della ricetta di pastel de nata che vi propongo oggi, una variante che si discosta leggermente dalla ricetta originale portoghese, è l’impiego della panna delattosata. E’ una panna pastorizzata digeribile anche da chi è intollerante al lattosio o ha difficoltà a digerirlo.

Infatti il lattosio viene scomposto nei due zuccheri che lo costituiscono: così la panna può tornare a rendere squisite le tue ricette e  che si presta alle più svariate preparazioni. E sì, anche a quelle tipiche di altre tradizioni culinarie come i pastel de nata, dolci nazionali del Portogallo.

Pastel de nata

Ciò la rende consumabile (e rende consumabile il pastel de nata) anche a chi soffre di intolleranza al lattosio, disturbo che si caratterizza per un’incidenza drammatica e che può abbassare drasticamente la qualità della vita. Il processo di estrazione del lattosio, ci tengo a precisare, non segue dinamiche chimiche o marcatamente industriali, bensì la tradizione. Dunque, non altera in alcun modo il sapore, che appare genuino e fedele alla variante normale, e ne le qualità organolettiche. Dunque, andate sul sicuro e realizzare il pastel de nata con la panna Accadì.

Maizena: quali sono le sue proprietà nutrizionali

Se avete spulciato la lista degli ingredienti, sicuramente la vostra curiosità sarà stata catturata dalla maizena, un alimento di cui pochi hanno sentito parlare. Dal nome sembra quasi un ingrediente esotico, magari reperibile soprattutto in Portogallo, forse responsabile del sapore così particolare del pastel de nata.

E invece no. La maizena è semplicemente un tipo di amido di mais. In particolare, è un amido ricavato dalla parte interna dei chicchi, che sono appunto ricchissimi di mais. Come tutti gli amidi, viene utilizzato per rendere i dolci più soffici in qualità di addensante. Una caratteristica fondamentale, dal momento che la presenza della sfoglia potrebbe rendere questo dolce eccessivamente croccante.

Ciò non toglie che la maizena abbia comunque le sue proprietà nutrizionali. E’ innanzitutto senza glutine, dunque può essere consumata anche dagli intolleranti a questa sostanza e dai celiaci. E’ anche un alimento a bassissimo indice glicemico, dunque è compatibile con i regimi alimentari dei diabetici.

La maizena, poi, vanta anche proprietà lenitive ed emollienti. Ovviamente, queste proprietà passano spesso in secondo piano dal momento che viene utilizzata, come già specificato, esclusivamente come amido, soprattutto nelle preparazioni dolciarie (che devono essere caratterizzate da una certa dolcezza). La maizena, nonostante non sia conosciutissima, è comunque facilmente reperibile.

Se andate in vacanza a Lisbona dovete assolutamente provare ad assaggiare I pasteis de nata. Secondo la rete i posti migliori dove provarli sono:

  • Fabrica dos Pastéis de Belém
  • Pastelaria Santo António:
  • Fabrica da Nata

Ecco la ricetta del pastel de nata o pastéis de nata:

Ingredienti:

  • 250 gr. di pasta sfoglia consentita,
  • 4 tuorli d’ uova,
  • 125 gr. di panna fresca consentita,
  • 125 gr. di latte intero consentito,
  • 50 gr.di zucchero semolato,
  • 8 gr. di maizena,
  • 8 gr. di amido di riso,
  • la scorza grattugiata di 1 limone,
  • 1 pizzico di cannella in polvere.

Preparazione:

Per realizzare il pastel de nata iniziate preparando la crema.  Versate in una ciotola i tuorli, lo zucchero, la scorza di limone bio, la cannella e mescolate. Aggiungete anche la panna e il latte, mescolando accuratamente per evitare la formazione dei grumi (o per scioglierli) fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Trasferite la crema in un pentolino e cuocetela finché non si addensa, poi lasciate raffreddare. Ora occupatevi della pasta.

Stendete la base di pasta sfoglia sul piano di lavoro , ritagliate dei dischi con un bicchiere e, con questi, foderate degli stampi per muffin. Rimuovete, semplicemente tagliandola, la pasta sfoglia che straborda dagli stampini. Inserite la crema negli stampi e pareggiatela. Cuocete in un forno preriscaldato a 250 gradi per 15 minuti circa, o almeno fino a quando la crema non apparirà leggermente scura. A questo punto togliete immediatamente dal forno e fate raffreddare. Date una spolverata con una miscela di zucchero a velo e cannella.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

kebab

Il kebab, una versione casalinga

Come preparare il kebab in casa La ricetta di oggi può essere considerata come una specie di panino kebab fatto in casa a base di carne. Molti storceranno il naso di fronte a questa espressione,...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-04-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti