Coccoretti del Belgio, dolce tipico europeo

Coccoretti del Belgio
Commenti: 0 - Stampa

Cosa sono i coccoretti del Belgio e perché sono così buoni

Nonostante il nome faccia trasparire un’origine belga, in verità i coccoretti del Belgio sono un dolce omogeneamente europeo, molto consumati certo nel paese del Benelux, ma anche in Francia e in Germania. Sono davvero buoni, nonostante vengano preparati con una manciata di ingredienti. A dispetto di buona parte dei dolci della medesima categoria, infatti, non contengono né burro né rossi d’uovo. Lo zucchero, c’è da dire, è presente in dosi massicce, soprattutto nella variante “a velo” ma è troppo poco per definire questo dolce calorico. Tra l’altro sono anche molto semplici da preparare e non richiedono grandi competenze in cucina.

L’unica grande difficoltà è determinata dalla forma. E’ bene, infatti, che i coccoretti acquisiscano in fase di preparazione una forma a cupolina il più possibile regolare. Ciascuno ha il suo metodo, ma in questa ricetta ne presento in particolare due. Di questi uno prevede l’impiego di una tazzina. Ad ogni modo, per tagliare la testa al toro potete utilizzare le pinze da gelato, quelle per ricreare le classiche boules. Un consiglio che mi sento di dare già da subito riguarda il trattamento degli albumi che vanno montati a neve, ma evitando comunque di creare un composto troppo debole. Inoltre, dovreste usare esclusivamente uova fresche e a temperatura ambiente.

I tanti pregi della farina di cocco

Uno degli ingredienti principali dei coccoretti del Belgio è la farina di cocco. Non è un’aggiunta tarda, magari in sostituzione della farina di grano. Da sempre, questi squisiti dolcetti vengono realizzati con la farina di cocco, che tra le altre cose è motivo di ispirazione al nome dei dolcetti; anzi, è il vero valore aggiunto di una ricetta semplice e gustosa. La farina di cocco è una farina molto particolare, che nulla ha a che vedere con le altre. In primis conserva i sentori del frutto, che permangono anche a seguito del trattamento e della cottura. Inoltre, anche se è una farina piuttosto grassa, contiene elementi che fanno bene alla salute.

Coccoretti del Belgio

Per esempio, è davvero ricca di oligoelementi e fibre. Quest’ultimo aspetto, tra l’altro, ne decreta la digeribilità, che supera quella delle altre farine. C’è da dire poi che, a dispetto della quantità di carboidrati davvero elevata, la farina di cocco si caratterizza per un basso indice glicemico, dunque può essere consumata con relativa serenità anche da chi soffre di diabete. Ovviamente, è del tutto priva di glutine, sostanza che d’altronde caratterizza soprattutto gli elementi cerealicoli. I coccoretti del Belgio sono dunque dolcetti che possono essere consumati anche dai celiaci e da chi soffre di intolleranza al glutine.

Il ruolo del rum nei coccoretti

Il rum gioca un ruolo importante nella preparazione dei coccoretti del Belgio. Sia chiaro, non è affatto raro che un superalcolico o più banalmente un liquore venga utilizzato per preparare dei dolci, rum in testa. Tuttavia, se nella maggior parte dei casi il ruolo del rum si limita alla creazione di una bagna, nella fattispecie dei coccoretti del Belgio interviene in modo differente. Infatti, contribuisce alla realizzazione dell’impasto, integrandosi veramente a fondo della ricetta, al pari dell’albume, dello zucchero e della farina di cocco. Un ruolo simile, tra l’altro, è ricoperto dal succo di limone, che rafforza il sapore e offre dei sentori leggermente aciduli.

Il rum fa male? Se lo chiedono coloro che nutrono riserve nei confronti dei liquori, almeno quando vengono utilizzati in cucina. La risposta dipende da due fattori: in primis, dalle quantità (d’altronde è pur sempre un alcolico ad alta gradazione); secondariamente dalla qualità del rum stesso. Io vi consiglio di utilizzare solo rum di marca, anche se costano un po’ di più. Come ho giù detto, il rum conserva quasi intatto il suo sapore, nonostante venga inserito proprio nell’impasto.

Ecco la ricetta dei coccoretti del Belgio

Ingredienti per 6-8 coccoretti:

  • 250 gr. di farina di cocco;
  • 125 gr. di zucchero a velo + due cucchiai;
  • 125 gr. di zucchero semolato;
  • 1 cucchiaio di rum bianco;
  • 3 albumi;
  • 1 cucchiaio di succo di limone;
  • 1 pizzico sale.

Preparazione:

Per la preparazione dei coccoretti del Belgio iniziate ricavando l’albume dalle uova (che devono essere molto fresche) e in una ciotola molto profonda cominciate a montare a neve. Aggiungete la farina di cocco, lo zucchero semolato, lo zucchero a velo, un goccio di rum (basta un cucchiaio) e il succo di limone. Mescolate tutti questi ingredienti e fate riposare il composto in modo che si reidrati, ma in un ambiente non eccessivamente umido. Adesso dovete formare i coccoretti.

Avete a disposizione due strade, o utilizzate la pinza per le boules da gelato o usate una tazzina tonda da caffè, rivestita all’interno con della pellicola (per evitare che l’impasto crudo si attacchi). Posizionate i coccoretti ancora crudi su una teglia ben rivestita con la carta da forno e cuocete in un forno preriscaldato a 170 gradi per 20 minuti. Ad ogni modo, sfornateli solo quando avranno acquisito la necessaria doratura. Decorate con un’abbondante spolverata di zucchero a velo e servite.

2.7/5 (3 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

kebab

Il kebab, una versione casalinga

Come preparare il kebab in casa La ricetta di oggi può essere considerata come una specie di panino kebab fatto in casa a base di carne. Molti storceranno il naso di fronte a questa espressione,...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-04-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti