Spezzatino di manzo con i carciofi, un secondo nutriente

Spezzatino di manzo con i carciofi
Commenti: 0 - Stampa

Spezzatino di manzo con i carciofi, un secondo gustoso e speziato al punto giusto

Lo spezzatino di manzo con i carciofi è un secondo davvero sfizioso, che appartiene a pieno titolo alla migliore tradizione italiana. Gli ingredienti sono semplici, genuini e speziati in modo equilibrato. Il procedimento non è complesso, o per meglio dire è alla portata di tutti, anche di chi non ha molta esperienza in cucina. Tuttavia, è piuttosto lungo, soprattutto per quanto concerne la cottura della carne, che consta di varie fasi.

A proposito della carne, potete scegliere sostanzialmente tra tutti i tagli da spezzatino. Tuttavia, io propongo la guancetta di manzo, un taglio pregiato ma allo stesso tempo reperibile. Esso si caratterizza per una quasi totale assenza di grassi, che contribuisce ad abbassare notevolmente l’apporto calorico di questo piatto. Inoltre, la consistenza è sufficientemente tenera, mentre il gusto è corposo ma non pungente. L’apporto proteico, infine, è sostanzialmente identico ai tagli nobili del manzo, dunque si pone su livelli di eccellenza.

Il contributo della cipolla rossa di Tropea

La ricetta dello spezzatino di manzo con i carciofi chiama in causa molti alimenti, buona parte dei quali di origine vegetale. Un ruolo importante è ricoperto dalle cipolle, la cui funzione va oltre quella di mero supporto per il soffritto. Certo, vanno imbiondite nell’olio, ma contribuiscono in modo determinante alla resa organolettica dello spezzatino. Per questo motivo, consiglio di utilizzare una delle varietà più squisite che il territorio italiano offre, ossia la cipolla rossa di Tropea.

Spezzatino di manzo con i carciofi

La cipolla rossa di Tropea spicca per il sapore delicato e allo stesso tempo aromatico, è perfetta per le insalate o per le preparazioni complesse come il nostro spezzatino. Il colore rosso è dato dall’abbondante concentrazione di antocianine, sostanze presenti anche nel radicchio rosso e nelle melanzane. Le antocianine esercitano una funzione antiossidante, che impatta positivamente sulla salute dell’apparato cardiocircolatorio e contribuisce a prevenire il cancro. Per il resto, apportano il consueto carico di vitamine e sali minerali, a cui fa da contraltare un apporto calorico del tutto trascurabile.

Tutta la bontà dei carciofi

Nonostante il ruolo ricoperto dalla cipolla di Tropea, il condimento più importante dello spezzatino di manzo è rappresentato dai carciofi. I carciofi sono un ortaggio popolare, capace di valorizzare le pietanze più eleganti. Si sposano alla perfezione con le carni tenere, come nel caso di questo spezzatino, inoltre non pongono alcuna difficoltà in fase di cottura. Più complessa è invece l’operazione di pulitura, che vede la rimozione delle foglie più coriacee e della “barbetta” interna, nonché una fase di ammollo in acqua e limone più o meno prolungata.

I carciofi sono anche ortaggi salutari, che spiccano per le buone proprietà nutrizionali. Il riferimento è in particolare alla concentrazione di sali minerali, di potassio e di ferro. La vitamina C è presente in quantità non trascurabili, mentre l’apporto calorico è davvero basso (22 kcal per 100 grammi). Del carciofo si apprezza l’impatto sulle attività del fegato, infatti contribuisce all’eliminazione delle tossine e ottimizza la secrezione biliare. Importante è anche l’impatto sulla digestione, vista la loro quantità di fibre superiore alla media.

Ecco la ricetta dello spezzatino di manzo con i carciofi:

Ingredienti per 4 persone:

  • 700 gr. di spezzatino di guancetta di manzo,
  • 6 carciofi,
  • succo di 1 limone,
  • 4 pomodori pelati,
  • 1 cipolla rossa di Tropea,
  • 2 cucchiai di capperi sott’aceto,
  • 1 cucchiaio di curcuma in polvere,
  • mezzo bicchiere di vino bianco,
  • 1 mestolo di brodo,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale e pepe rosa.

Preparazione:

Prima di iniziare, vi faccio una piccola premessa. La guancetta di manzo è perfetta per lo spezzatino, ma potete optare anche per altri tagli di carne come il cappello del prete, la tasca, la polpa di collo o di pancia. Ad ogni modo, per la preparazione dello spezzatino di manzo con i carciofi iniziate eliminando dalla carne qualsiasi filamento duro, che renderebbe lo spezzatino troppo coriaceo. Dopodiché, tagliate la guancetta in modo da ricavare dei bocconcini di circa 2-3 centimetri, che si ammorbidiranno adeguatamente in fase di cottura.

Ora sbucciate i carciofi privandoli delle foglie più dure esterne, poi tagliateli in due e rimuovete la barbetta interna; infine fateli a fette sottili. Trasferite i carciofi in un contenitore con una soluzione di acqua fredda e limone, e lasciateli in ammollo per circa 10 minuti. Scaldate l’olio extravergine d’oliva in una pentola e imbionditeci la cipolla tritata, poi unite i pezzi di manzo, i capperi e i pelati sminuzzati.

Fate dorare la carne, poi sfumate il tutto con il vino bianco. Continuate a cuocere, poi regolate con un po’ di sale e di pepe rosa, mescolando spesso. La prima fase della cottura deve durare all’incirca mezz’ora, integrando lo spezzatino con un mestolo di brodo bollente. Ora aggiungete i carciofi e versate un altro po’ di brodo se necessario, infine cuocete per altri 20 minuti. Poco prima di spegnere il fuoco, versate la curcuma sciolta con un po’ d’acqua. Mescolate il tutto e servite il piatto caldo.

5/5 (476 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti