Ragù senza pomodoro adatto per i nichelini

ragu senza pomodoro
Commenti: 0 - Stampa

Ecco com’è buono il ragù senza pomodoro

Ragù senza pomodoro adatto per i nichelini. Avevo voglia di una pastasciutta come non mi capitava da mesi… Buona, fumante e profumata! Ma, ahimè, ho dovuto inventare un ragù senza pomodoro, un po’ particolare, ma perfetto per potermi togliere questo sfizio. Infatti, uno degli alimenti che fa dannare gli intolleranti al nichel è il pomodoro!!!! È amato dalla stragrande maggioranza delle persone, e anche da me, ma ho dovuto metterlo da parte.

So che molti di voi mi capiscono. Tuttavia, non dobbiamo abbatterci e, a ritirarci su di morale, c’è appunto questa ricetta. Ho avuto l’idea di provare un’alternativa al classico ragù, perlomeno per simulare il colore, e il risultato ha superato ampiamente le mie aspettative!!!

Il sugo di oggi

Ho provato a farlo sia con le olive verdi che con le olive nere e mi è piaciuto in egual modo. Quindi, dopo aver provato questa ricetta, potrete sperimentare anche voi tutte e due le soluzioni. Ci ho condito sia le tagliatelle con la farina di canapa che ho preparato nei giorni scorsi, che i tagliolini di kamut e i sedani di farro…. e tutto è andato più che bene!

ragu senza pomodoro

Il ragù senza pomodoro che ho preparato è piaciuto a tutti. Oltre alle olive, ho usato i peperoni, l’aglio, il rosmarino, la salvia, il brodo di carne, la carne di manzo, la pancetta e luganega. Pertanto, potrete capire che il piatto è risultato a dir poco sfizioso, ma anche ricco di nutrienti, in particolare di del gruppo B e di proteine. Si è rivelato anche abbastanza calorico ma, si sa, quando ci vuole… ci vuole!

Grazie a questi ingredienti, si tratta di un primo completo, che può essere presentato come piatto unico, ovviamente accompagnato dalla pasta che più preferite. È saziante, energetico e anche particolarmente carico di minerali e vitamine. Perciò, sicuramente il vostro palato lo amerà, ma anche il vostro organismo. Tuttavia, come ho detto, si tratta di uno sfizio sostanzioso: proprio come il ragù tradizionale, non è un primo da portare in tavola troppo spesso.

Per tutti, un buon piatto di pasta con il ragù senza pomodoro

Naturalmente, è un sugo adatto a chi soffre di intolleranza al nichel, ma questo non vieta agli altri di assaporarlo con un gran piacere. Quindi, potrete offrire questo condimento a tutti e soddisfare anche gli ospiti più sofisticati.

Se volete provare il ragù senza pomodoro, non vi resta che procurarvi tutti gli ingredienti, prediligendo i prodotti di qualità, e seguire le modalità di preparazione!

Ingredienti per 4/6 persone

  • 1,5 kg. di peperoni rossi
  • 200 gr. olive verdi o nere denocciolate
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 rametto di rosmarino
  • qualche foglie di salvia
  • 500 ml di brodo di carne
  • 250 gr. di carne di manzo
  • 100 gr. di pancetta
  • 100 gr. di luganega (salsiccia fresca)
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale

Preparazione

Grigliate i peperoni nel forno e quando la pelle esterna si sarà ben abbrustolita,  sigillateli in un foglio di carta da forno in modo che il vapore aiuterà ad asportare facilmente la pellicina.

Appena saranno tiepidi sbucciateli, togliete i semini e tagliateli a pezzi e frullateli fino ad ottenere una crema liscia e densa quasi da sembrare una passata di pomodoro.

Tritate le olive verdi o nere. Tritate finemente aglio, salvia e rosmarino e mettetele a scaldare in un tegame antiaderente senza condimento.

Unite la carne trita di vitello, la salsiccia e la pancetta e fate rosolare a fiamma alta mescolando continuamente con un mestolo di legno. Sfumate con il vino bianco, lasciatelo evaporare, salate e bagnate il tutto con un mestolo di brodo caldo e continuate la cottura per circa 1 ora aggiungendo, se necessario, il brodo.

Trascorso questo tempo aggiungete le olive tritate e il sugo di peperoni e ultimate la cottura ancora per circa 30 minuti.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Mazzancolle su crema di piselli

Mazzancolle su crema di piselli, un piatto raffinato

Mazzancolle su crema di piselli, un piatto pensato per deliziare Le mazzancolle su crema di piselli sono una pietanza dall’elevato valore nutrizionale, semplice da realizzare e apprezzabile da...

pate

Il patè, una preparazione che valorizza gli antipasti

Un po’ di storia sul patè Il patè è una preparazione che fa parta integrante di molte tradizioni culinarie. Non ultima, quella italiana, sebbene offra il meglio di sé nella cucina francese. Il...

Colcannon

Colcannon, il piatto tipico della festa di San...

Colcannon, una zuppa dallo spirito irish Oggi vi presento il colcannon, una pietanza tradizionale, generalmente preparata per celebrare al meglio il St. Patrick’s day. Per affrontare la stagione...

Salsa pebre

Salsa pebre, un condimento dai colori sgargianti

Salsa pebre, il condimento dei barbecue cileni La salsa pebre è un condimento all’apparenza strano, infatti è considerata una salsa, ma allo stesso tempo si caratterizza per una grana...

Salsa chipotle

Salsa chipotle, un condimento cileno per carne e...

Salsa chipotle, un condimento che racchiude molti sapori La salsa chipotle è uno degli orgogli della cucina cilena. Incarna perfettamente i principi della tradizione locale, che consistono in...

Salsa merken

Salsa merken, condimento cileno molto apprezzato

Salsa merken, piccante ma non solo La salsa merken, proprio come suggerisce il nome, è realizzata con il merken. Quest’ultimo è un condimento a base di peperoncini, sale e spezie, tra i più...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-09-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti