bg header
logo_print

Spezzatino con carote e porri per la salute degli occhi

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Spezzatino con carote e porri
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4/5 (2 Recensioni)

Lo spezzatino con carote e porri, una delizia calda tutta da assaporare

Come preparare lo spezzatino con carote e porri comodamente a casa vostra? Niente di più facile! Oggi, infatti, vi guiderò nella preparazione di una ricetta semplice, davvero gustosa, ricca d’ingredienti sani che strizzano l’occhio al nostro organismo –  e soprattutto ai nostri occhi, in grado di soddisfare anche gli appetiti più insaziabili.

In questi freddi mesi invernali, non c’è niente di meglio di un caldo secondo piatto per ritrovare la pace dei sensi anche a tavola. Adatto anche agli intolleranti al glutine, lo spezzatino con carote e porri è il piatto must da proporre a tutti i vostri ospiti, dagli adulti ai bambini.

Ricetta spezzatino con carote

Preparazione spezzatino con carote

  • Passate i cubetti di carne di vitello nella farina di riso.
  • Tagliate i tre porri mondati a rondelle piuttosto spesse, usando anche un pezzetto della parte verde, e metteteli ad appassire con l’olio extra vergine di oliva.
  • Unite quindi la carne di vitello e lasciatela colorire bene da tutti i lati, poi regolate di sale.
  • Bagnate la carne di vitello con 4 dl di brodo e lasciatela cuocere a fiamma bassa per 30 minuti, unendo altro brodo quando necessario.
  • Nel frattempo, tagliate le carote e il sedano mondati a bastoncino, lessateli per 5 minuti.
  • In seguito, uniteli alla carne aggiungendo la passata di pomodoro, un pizzico di sale e una presa di pepe.
  • Fate cuocere il tutto per altri 15 minuti, bagnando ancora con poco brodo.
  • Servite spolverizzando con altro pepe nero. Buon appetito!

Ingredienti spezzatino con carote

  • 650 gr. di spezzatino di vitello
  • 3 porri
  • 500 gr. di carote
  • 150 gr. di sedano
  • 2 bicchieri di passata di pomodoro
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 bicchiere di brodo
  • 1 cucchiaio di farina di riso
  • q. b. di sale e di pepe nero.

Occhio alla vista, un secondo piatto che fa bene alla salute

La ricetta dello spezzatino di vitello con carote e porri prevede l’impiego di un discreto numero di ingredienti. Tra questi, le carote e i porri. Mi soffermo proprio su questi due elementi per sottolinearne i benefici dal punto di vista nutrizionale e per le ricadute positive sulla salute del nostro organismo, in particolare per quella della nostra vista.

I porri contengono la luteina, sostanza di origine naturale, nota per le sue proprietà antiossidanti e protettive sulla vista. Questo carotenoide aiuta, infatti, a proteggere gli occhi dalla cataratta e dalla degenerazione maculare. Anche lo zolfo, minerale presente in quest’ortaggio autunnale-invernale, è efficace nel contrastare alcuni tipi di maculopatia.

Anche le carote, grazie alla presenza del betacarotene e della vitamina A, si prendono cura dei nostri occhi.

BAVIERA spezzatino carote porri sedano

Il sedano, una verdura sottovaluta

Il sedano usato nello spezzatino con carote fa bene all’organismo, alla linea e anche al portafoglio. Lo dimostrano anche delle ricerche scientifiche che consigliano di assumerne quantità maggiori, anche quotidianamente. In aggiunta, anche il sedano contiene molte vitamine che possono giocare un ruolo fondamentale per la salute degli occhi, grazie alla Vitamina E ed alla presenza di antiossidanti.

Non avete più scuse, d’ora in avanti, avrete molti motivi in più per mangiare questi cibi e per condividerli, in piatti sani e gustosi con i vostri cari, partendo dal mio spezzatino con carote e porri.

La carne di vitello fa male alla salute?

La ricetta dello spezzatino con carote ci da l’opportunità di parlare della carne rossa, a tal proposito vi invito a dare un’occhiata anche alla ricetta dello spezzatino di vitello con piselli. Attorno alla carne rossa si fa un gran parlare, spesso in senso negativo, dunque è bene fare chiarezza sull’impatto che la carne di vitello esercita sulla salute. Se si guarda alle proprietà nutrizionali si scopre che in realtà il vitello regala parecchie soddisfazioni. Non è molto calorica, con le sue 170 kcal per 100 grammi. Non è nemmeno così grassa, in quanto apporta 8 grammi di lipidi per etto, tuttavia questi grassi sono insaturi e quindi potenzialmente dannosi. Inoltre, è presente anche una certa quantità di colesterolo.

Il trucco però sta nell’applicare un approccio prudente, basta consumare la carne di vitello con moderazione per trarre da essa molti benefici e ridurre al minimo gli effetti collaterali. Non bisogna dimenticare, infatti, che è ricca di proteine, vitamine del gruppo B e importanti sali minerali come il ferro e il magnesio.

Spezzatino con carote e porri, il segreto è il brodo

La lista degli ingredienti dello spezzatino con carote comprende anche il brodo. Il brodo funge ovviamente da supporto alla cottura, ma in realtà il suo impatto è molto più esteso e profondo di quanto si possa immaginare. Il brodo permette alla carne di conservare la sua morbidezza, in quanto insaporisce con i suoi sentori vegetali e garantisce una cottura omogenea. Ovviamente la cottura deve avvenire a fiamma bassa, se possibile bassissima.

Per questa ricetta potreste avvertire la necessità di utilizzare il classico dado, che in effetti si configura come una soluzione pratica e veloce. Vi consiglio tuttavia di preparare il brodo in casa, in quanto vi consente di avere pieno controllo sul sapore e sulla densità. A tal proposito potete fare riferimento a questa ricetta su come preparare un brodo vegetale leggero e genuino. Ovviamente, se soffrite di allergia o sensibilità al nichel, fate attenzione agli ingredienti ed effettuate le dovute sostituzioni.

Perché abbiamo usato la farina di riso nello spezzatino con carote?

La farina di riso gioca un ruolo importante in questo spezzatino con carote e porri. In particolare copre la carne tagliata a cubetti per essere rosolata e poi cotta nel brodo. Perché utilizzare la farina di riso? La farina è necessaria in quanto consente alla carne di cuocere a fuoco moderato in maniera omogenea e, allo stesso tempo, assorbire bene gli aromi degli altri ingredienti.

Per quanto concerne la farina di riso, il suo pregio principale consiste nell’assenza di glutine, che la rende compatibile con le necessità dei celiaci. Rappresenta però una scelta apprezzabile da tutti, in quanto nutriente e leggera. Le note “cerealicole” non si impongono su quelle corpose della carne, garantendo al piatto un certo equilibrio anche dal punto di vista organolettico e gustativo.

Va detto, poi, che la farina di riso vanta delle ottime proprietà nutrizionali. Contiene meno grassi rispetto alle farine tradizionali e apporta proteine e sali minerali. Certo, contiene anche meno proteine, ma è uno scotto che si paga volentieri. Infine, conserva un po’ di amido nonostante l’inevitabile fase di macinazione, il ché favorisce una texture omogenea ed uniforme. Tale effetto risulta decisivo nella preparazione di composti e impasti, ma esercita un impatto anche quando funge da copertura (come in questo caso).

FAQ sullo spezzatino con carote

Cosa fare per ammorbidire lo spezzatino?

Per rendere morbido lo spezzatino è necessario cuocerlo nella giusta quantità di brodo vegetale e utilizzare la fiamma bassa. Inoltre, è bene lasciare il coperchio per tutto il tempo di cottura.

Quale pentola usare per lo spezzatino?

Per preparare lo spezzatino dovreste utilizzare una pentola larga e dai bordi non troppo alti. Il motivo è semplice: la carne non deve sovrapporsi per evitare una cottura poco omogenea e quindi un risultato sgradevole in termini di gusto e consistenza.

A cosa serve infarinare la carne?

L’infarinatura della carne è utile per renderla più croccante all’esterno, ma soprattutto per coniugare una cottura omogenea con un ottimale assorbimento di liquidi, sapori ed aromi.

Quando si mette il sale nello spezzatino?

Il sale andrebbe aggiunto in una fase precoce della ricetta. Alcuni lo aggiungono prima della cottura, alcuni appena dopo una prima rosolatura. In realtà vanno bene entrambi i metodi.

Ricette di spezzatino ne abbiamo? Certo che si!

4/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di tacchino e fagiolini

Insalata di tacchino e fagiolini, una ricetta light...

Perché preferire il tacchino al pollo? Spesso preferire il tacchino al pollo è una questione di gusto, ma non di rado la questione è oggettiva. In questa insalata di tacchino e fagiolini la...

Gamberi saltati al tamarindo

Gamberi saltati al tamarindo, un secondo agrodolce di...

Un focus sui gamberi Nonostante l’abbondanza di ingredienti e di abbinamenti arditi, i protagonisti della ricetta rimangono i gamberi saltati. I gamberi sono tra i crostacei più consumati, che si...

Baccalà in umido alla Veneta

Baccalà in umido alla Veneta, un gustoso piatto...

Origini e storia del baccalà in umido alla veneta Il baccalà in umido alla veneta è una delle più antiche e tipiche ricette della cucina veneta. Le origini di questo piatto risalgono al periodo...