Gnocchi di ricotta allo zafferano per la Festa della Donna

Gnocchi di ricotta allo zafferano

Un primo speciale per persone speciali

Per la festa della donna abbiamo deciso di organizzare un menù in giallo e come primo gli gnocchi di ricotta allo zafferano con porri e speck sono l’ideale. Perché proprio questi gnocchi tra tutti i vari tipi possibili? Anzitutto perché sono un piatto diverso dal solito, ma ricchissimo di piacere e sapore. Il trait d’union in questo caso, tra le varie possibili pietanze dedicate all’8 Marzo, sono il giallo e la forma a palline che tanto ricorda le mimose.

Un po’ di fantasia non manca certo alle donne, quindi giochiamo con colori, forme e richiami per comporre piatti che possano sembrarci adatti all’occasione! Che ne dite? Avete voglia di festeggiare? Cominciate a convocare le donne più importanti della vostra vita e raccoglietele per la gran serata attorno ad una tavola imbandita! Sarà divertente, una volta tanto, dedicare del tempo a noi stesse in leggerezza e tranquillità.

Gnocchi di ricotta, un primo per il menù in giallo

Gli gnocchi di ricotta allo zafferano con porri e speck sono un primo sfizioso e ricco di sapore. La proposta è assolutamente senza glutine e senza lattosio, così da poter essere facilmente digeribile ed adatta a tutti, anzi a tutte se pensiamo all’occasione! Per l’8 marzo abbiamo deciso d’ideare diverse proposte per un menù in giallo, dedicato alla femminilità ed al gentil sesso in generale. Perché questa giornata possa essere un momento di riflessione sulla società attuale che ha ancora tanto da lavorare per un’effettiva parità, eppure al tempo stesso vogliamo sia una giornata di allegria, sorellanza ed affetto, in cui ognuna di noi possa riconoscersi e stare bene.

Gnocchi di ricotta allo zafferano

La cucina sa essere un potente anti-stress ed anche questo primo è perfetto a tale scopo! In più, ci piace sottolinearlo, ogni ingrediente è dotato delle sue proprietà nutrizionali e ci conviene conoscerle e sfruttarle sempre tutte. Ad esempio, lo zafferano è una spezia ricchissima di carotenoidi e vitamine, utile per curare i disturbi dell’umore con funzioni sedative, calmanti ed antispasmodiche.

Un piatto equilibrato nei suoi contrasti

Niente è meglio di un assaggio per scoprire i sapori di un piatto, per questo solo assaporando gli gnocchi di ricotta allo zafferano potrete comprenderne a pieno le potenzialità. Intanto, però, per farvi intuire di quale bontà stiamo parlando, voglio sottolineare la particolarità di questi gnocchetti morbidi e saporiti a base di ricotta.

Il gusto e la consistenza saranno ben diversi dai tipici gnocchi di patate, eppure – lo vedrete – la croccantezza non manca assolutamente a questo piatto grazie alle rondelline di porro ed ai cubetti di speck. Una leccornia fatta di sapori contrastanti, sapidi, rontondi e peculiari, che trovano un magico equilibrio tra loro come se fossero nati per essere cotti assieme.

Ed ecco la ricetta degli gnocchi di ricotta allo zafferano con porri e speck:

Ingredienti per 4 persone:

  • 420 gr. di ricotta freschissima delattosata,
  • 230 gr. di farina di riso,
  • 1 pizzico di sale fino,
  • 50 gr. di Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi grattugiato,
  • 1 pizzico di noce moscata grattugiata,
  • 1 bustina e 1/2 di zafferano.

Per il condimento:

  • q. b. di burro chiarificato,
  • 1 porro,
  • 70 gr. di speck a dadini,
  • alcune foglie di salvia.

Preparazione:

Per realizzare questi deliziosi gnocchi di ricotta allo zafferano con porri e speck, dedicatevi come prima cosa alla preparazione dell’impasto. Unite in una ciotola la ricotta con lo zafferano. Amalgamate bene ed insaporite con un pizzico di sale, Parmigiano grattugiato e noce moscata. Aggiungete la farina e mescolate tutti gli ingredienti assieme fino ad ottenere un composto morbido e malleabile. Se l’impasto dovesse sembrarvi appiccicoso, aggiungete dell’altra farina così da evitare che la ricotta possa rendere il composto eccessivamente morbido ed umido.

Ottenuta una palla di impasto compatta, mettetela a riposo protetta da un canovaccio pulito in una ciotola. Lasciate il tutto in un luogo fresco per circa mezz’ora. Trascorso il tempo indicato, riprendente l’impasto e dividetelo in porzioni, lavorando con le mani dei cilindretti spessi come un dito. Tagliate a tocchi e formate gli gnocchetti. Terminate l’operazione su tutto l’impasto e lasciate un po’ a riposo gli gnocchi su di un ripiano leggermente infarinato. Nel frattempo, mettete l’acqua a bollire con un po’ di sale. Lessate gli gnocchetti e dedicatevi al condimento.

Mondate il porro, lavatelo e riducetelo a rondelline sottili. In una padella con del burro, saltate il porro leggermente e spegnete la fiamma non appena diventa croccante. Prendete un’altra padella antiaderente e senza nessun grasso aggiunto, scottate i dadini di speck, così da renderli croccanti. Quando gli gnocchi di ricotta vengono su a galla, raccoglieteli per scolarli. Mettete gli gnocchi direttamente nella padella con il porro ed aggiungete una noce di burro ed alcune foglie di salvia. Aggiungete eventualmente, a necessità, alcune mestolate d’acqua di cottura per favorire la mantecatura. Impiattate aggiungendo lo speck croccante e delle foglie di salvia fresca. Servite ancora caldo e buon appetito!


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


03-03-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti