Crostata con marmellata di mandarini per la colazione

Crostata con marmellata di mandarini
Commenti: 0 - Stampa

Una crostata gustosa al delicato sapore d’agrumi

Con questa crostata con marmellata di mandarini e ricotta il buongiorno si vede dal mattino! Non vi assicuriamo che questa delizia possa sopravvivere alla colazione ed arrivare anche come bis a merenda perché di solito va a ruba, tanto da finire in dieci minuti! Talvolta non riusciamo nemmeno a farla raffreddare completamente che già vanno via i primi pezzi.

Insomma, il successo è assicurato con questo dolce. La crostata piace davvero a tutti, tanto più che con questa doppia farcitura di marmellata e ricotta, otteniamo una cremosità extra ed ancor più godereccia, mentre la frolla di base resta consistente ma non troppo dura. In una parola, perfetta! Ed anche se a vederla non lo immaginereste, questa crostata è tutt’altro che tradizionale perché abbiamo scelto solo ingredienti senza glutine e possibilmente biologici.

E ancora più buona con la marmellata artigianale!

Se avete una marmellata fatta in casa o magari di produzione artigianale, la nostra crostata con marmellata di mandarini e crema di ricotta è la ricetta ideale per valorizzarla. Lo strato di ricotta delicato non copre il sapore degli agrumi, ed anzi funge da protezione in cottura, prendendo il calore direttamente e lasciando la marmellata morbida e densa.

Sul nostro blog potrete leggere e testare diverse ricette per marmellate e confetture, sfogliatele tutte e scegliete la vostra preferita. Seguendo le indicazioni di questa preparazione base, potrete personalizzare a piacere il vostro dessert e servirlo non solo a colazione ma quando preferite! Se siete invitati a cena da amici, ad esempio, la crostata è il dolce ideale da portare come omaggio perché veloce da preparare, gustoso e facile anche da trasportare!

Crostata con marmellata di mandarini

Crostata con marmellata di mandarini e ricotta: una dolce tentazione gluten free

Se cercate su queste pagine un buon dolce senza glutine, semplice da preparare ma buonissimo, questa crostata con marmellata di mandarini e ricotta è decisamente la scelta giusta. Per prepararla abbiamo scelto della farina di quinoa, che presenta proprietà nutrizionali significative. In particolare, nutrendoci di quinoa ci garantiamo un buon apporto proteico, fibra alimentare, fosforo, magnesio, ferro e calcio, ossia una buona dose di sali minerali essenziali per il funzionamento del nostro organismo.

Sottolineiamo che la quinoa non è propriamente un cereale, bensì uno pseudo-cereale d’origine sudamericana. Nella nostra tradizione culinaria, la quinoa è ancora poco sfruttata e riconosciuta ma sempre più oggetto di curiosità e ricette, soprattutto in chiave gluten free. Utilizzata in purezza, questa farina è poco adatta alla lievitazione ma è comunque piuttosto versatile ed utilizzabile nel caso di pasta, biscotti e schiacciate.

In questa preparazione l’abbiamo abbinata a dell’amido di riso e dello zucchero di canna bianco. Il risultato è una frolla facilmente lavorabile, che con altrettanta facilità possiamo decorare con delle forme di pasta ritagliate a stelline. Perché anche l’occhio vuole la sua parte e con una presentazione così sembra tutto anche più buono!

Ed ecco la ricetta della crostata con marmellata di mandarini e ricotta:

Ingredienti per 4/6 persone: 

per la base:

  • 180 gr. di farina di quinoa
  • 75 gr. di amido di riso
  • 120 gr. di zucchero di canna bianco
  • 80 gr. di uova
  • 80 gr. d’olio di riso
  • q. b. di scorza di limone grattugiato

per il ripieno:

  • 150 gr. di ricotta consentita
  • 25 gr. di zucchero di canna
  • 1 albume
  • 1 vasetto di marmellata di mandarini

Preparazione:

Per preparare la crostata con marmellata di mandarini e ricotta, dedicatevi in primis all’impasto della base. Mettete tutti gli ingredienti indicati in una terrina ed impastateli a mano fino ad ottenere impasto omogeneo e compatto per la pasta frolla. Ricoprite il panetto ottenuto con della pellicola per alimenti e mettete il tutto a riposo in frigo per circa 2 ore. Trascorso il tempo indicato, accendente il forno e pre-riscaldatelo a 180°.

Con un mattarello infarinato, stendete 2/3 dell’impasto fino ad uno spessore di circa 1-2 cm. Dovrete ottenere una base tonda, adatta ad una tortiera di circa 28 cm. Prima di appoggiare la base nella tortiera, foderate la teglia con della carta sagomata, inumidita e strizzata. Con questo passaggio vi assicurerete una rivestitura perfettamente aderente. Adagiate dunque con attenzione la base di frolla.

Intanto, in una coppetta pulita dedicatevi al ripieno. Lavorate la ricotta con lo zucchero ed aggiungete l’albume. Lavorate questi ingredienti fino ad ottenere una consistenza cremosa e vaporosa. Bucherellate con una forchetta la base di frolla e ricopritela con uno strato di marmellata di mandarini.
Sopra la marmellata, con un sac à poche, distribuite la crema di ricotta precedentemente preparata. Lavorate la porzione d’impasto di frolla lasciata da parte in precedenza, stendetela e tagliatela a forma di stella con un coppa-pasta per biscotti.

Adagiate la decorazione sulla ricotta. Con questo doppio strato di farciture mettete, infine, la crostata nel forno. Saranno necessari circa 30-35 minuti. Prima di sfornare assicuratevi che la crostata sia cotta uniformemente. Lasciate raffreddare leggermente e servite. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta al pandan

Torta al pandan, un magnifico dessert colorato

Torta al pandan, un’idea per una merenda fuori dal comune La torta al pandan, o pandan cake, è un dolce che rende molto sul piano estetico. Lo potete notare dalla foto, infatti si distingue per...

plumcake con fichi e Skyr 

Plumcake con fichi e Skyr, una merenda perfetta

Un dolce gustoso e nutriente per la merenda. Il plumcake con fichi e Skyr è un’idea gustosa e genuina per una merenda che possa allietare i pomeriggi e consentire di recuperare le energie, o...

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-01-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti