logo_print

Crostata al limone , da preparare in compagnia!

Crostata al limone
Stampa

Una tenera carezza: la crostata al limone!

Tempo di festa vuol dire anche tempo di dolci preparati in casa, con tanta passione e tanto amore. Per le vostre mattine infreddolite o per i vostri pomeriggi in compagnia dei vostri pupetti, la crostata al limone è quello che ci vuole!

Delicata, leggermente acidula, soffice, dolcemente invitante, questo è uno dei miei dolci preferiti! La preparazione richiede impegno; i passaggi sono molteplici ma sono certa che prendendovi tutto il tempo che vi serve, con pazienza e calma, realizzerete una crostata al limone da veri pasticceri!

Limoni: ricchi di vitamina C, aiutano il sistema immunitario, migliorano la pelle e favoriscono la digestione.

Il grande protagonista di questa ricetta è sicuramente il limone, un agrume ricchissimo di proprietà e nutrienti. Innanzitutto, dovete sapere che i limoni sono i frutti dell’albero di limone (Citrus limon), una pianta della famiglia delle Rutaceae.

Il limone, per la ricchezza di antiossidanti in esso contenuti, è uno degli alimenti anticolesterolo per eccellenza, utile anche come anti-cancro. E ancora, il gruppo delle vitamine B è importante per l’equilibrio nervoso, per la nutrizione e per l’equilibrio della pelle. Infine, i limoni hanno proprietà antisettiche, toniche, fluidificanti, emostatiche, carminative, vermifughe e alcalinizzanti.

E un’ultima curiosità? In inverno, per difendervi dagli attacchi di influenza e raffreddore, impiegate il limone perché abbassa i livelli di istamina, composto organico che fa arrossare gli occhi e colare il naso.

Crostata al limone

Gomma di guar, un toccasana per l’apparato digerente e non contiene glutine

La gomma di Guar (o farina di guar) è presente in natura come costituente dei semi di una pianta erbacea delle leguminose, la Cyanopsis tetragonaloba, coltivata in Africa, Australia, India, Pakistan e Sud degli Stati Uniti. Questa pianta può avere diverse funzioni per l’alimentazione umana e animale ma ciò che maggiormente si utilizza di essa è il guar, ossia il fagiolo (o seme), dal quale si ricava la sua famosa sostanza gelificante: la gomma di guar.

Ciò che rende speciale questa gomma è la sua capacità di limitare la concentrazione di colesterolo LDL del 20% e di trigliceridi. Allo stesso modo riesce ad aumentare il livello di quello HDL (colesterolo buono), con il beneficio di limitare il rischio di problemi aterosclerotici e cardiovascolari. Inoltre, i processi fermentativi della farina di guar all’interno del nostro intestino possono originare acidi grassi a corta o media catena, favorendo la proliferazione di lattobacilli e bifidobatteri che migliorano la salute dell’apparato digerente. Molti suggeriscono di consumare farina di guar per attenuare i disturbi della sindrome del colon irritabile e del reflusso gastro-esofageo.

Una curiosità in più: oggi sul mercato possiamo trovare PHGG, in altre parole gomme di guar parzialmente idrolizzate che, a differenza di quella impiegata in ambito industriale, trova una sua applicabilità a livello nutrizionale.

Ed ecco la ricetta della crostata al limone

Ingredienti per 6 persone:

  • 210 gr di margarina Burrella,
  • 210 gr di zucchero semolato,
  • 420 gr di farina di riso consentita,
  • 5 uova,
  • 8 gr di gomma di guar,
  • la scorza grattugiata di un’arancia non trattata,
  • un pizzico di sale,
  • 30 gr di pinoli di cedro,
  • zucchero a velo consentito,
  • 1 uovo per spennellare,
  • farina di riso finissima per lo spolvero

Per le meringhe alla francese:

  • Albumi di 3 uova a temperatura ambiente,
  • 220 gr di zucchero a velo,
  • q.b. di succo di limone,

Per la lemon curd:

  • 200 ml di succo di limone,
  • 150 gr di zucchero,
  • 2 uova,
  • 1 tuorlo,
  • 20 gr di fecola di patate,
  • 1 baccello di vaniglia Tahiti

Preparazione della pasta frolla

Disponete la margarina e lo zucchero in una terrina, e lavorate questi ingredienti velocemente con le mani.Aggiungete poco per volta la farina di riso, miscelata in precedenza con la gomma di guar, e lavorate il tutto molto energicamente.A questo punto unite le uova, la scorza d’arancia e amalgamate bene gli ingredienti, incorporando man mano la farina e il sale.

Alla fine, impastate delicatamente per ottenere un composto omogeneo e compatto.Una volta che la pasta frolla sarà pronta, datele la forma di un panetto basso, avvolgetela nella pellicola trasparente e ponetela in frigorifero per almeno un’ora.

Preparazione meringhe

Separate i tuorli dagli albumi, versando questi ultimi nella tazza di una planetaria.Azionate la frusta a velocità media e versate metà dello zucchero insieme a qualche goccia di succo di limone.Montate a neve molto ferma.Dovete ottenere un composto lucido e spumoso.

Aggiungete il resto dello zucchero a velo e inglobatelo con una spatola mescolando molto delicatamente dal basso verso l’alto, per non smontare gli albumi.Trasferite il composto in un sac-à-poche con una bocchetta dentellata e formate dei ciuffi, di circa 3 cm di diametro, ben distanziati tra loro, su una teglia da forno rivestita con carta forno.

Cuocete in forno statico preriscaldato a 75°C per circa 4 ore: dovranno asciugarsi lentamente al forno.Non appena i vostri ciuffetti di meringa saranno ben asciutti, estraeteli dal forno e lasciate raffreddare completamente prima di staccarli dalla carta forno.

Preparazione lemon curd

Preparate i limoni spremuti e filtratene il succo in modo che non vi siano residui.Mettete le uova ed il tuorlo in una terrina e sbattetele con lo zucchero fino ad ottenere una crema chiara e spumosa.Aggiungete quindi i semini del baccello di vaniglia e, continuando a mescolare, versate a filo il succo dei limoni.

Mescolate il tutto in modo che risulti privo di grumi, dopo di che incorporate anche la fecola di patate. Trasferite il tutto in un pentolino e adagiatelo in una pentola più grossa contenente acqua per procedere ad una cottura a bagnomaria.

Lasciate cuocere continuando a mescolare fino a quando la crema non si sarà addensata. Una volta pronta trasferitela in una ciotola e mescolate fino a farla raffreddare.Copritela quindi e riponete la ciotola in frigorifero fino a farla raffreddare completamente.

Ora che avete la frolla, le meringhe e la lemon curd pronte preriscaldate il forno a 180 gradi. . Prendete lo stampo, imburrate e infarinatelo Stendete la frolla fino ad ottenere una sfoglia non troppo sottile.Rivestite lo stampo e stendete la frolla facendola ben aderire sul fondo e sui bordi. Ritagliate il bordo in eccesso.  Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta. Stendete un foglio di carta forno e coprite il fondo con dei legumi secchi. Infornate a 180 C per circa 15-20 minuti.

Una volta pronta la base eliminate la carta forno con i legumi ed infornate ancora per altri 10-15 minuti fino a quando la pasta frolla non sarà dorata.Sfornate e lasciate raffreddare.Farcite con la lemon curd e riponete in frigorifero per circa due ore.Servite con le meringhe.Buon dessert!


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


08-01-2019
Scritto da: Colombo Tiziana
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti