Confettura di guava, confettura diversa dalle altre

Confettura di guava
Stampa

Le peculiarità della confettura di guava

La confettura di guava non è una confettura come le altre. D’altronde, a suggerirlo è il nome stesso, che richiama chiaramente all’ingrediente principale. Si tratta di un frutto che pochi conoscono, in quanto non è molto diffuso in Italia. Il guava è un frutto “caraibico”, coltivato e consumato da sempre nell’America centrale e meridionale. E’ anche un frutto speciale, in quanto coniuga versatilità, gusto e valore nutrizionale, parametri in cui eccelle senza ombra di dubbio. La polpa è burrosa, e può ricordare quella di un avocado acerbo o di una pera particolarmente matura, mentre il gusto è dolce con chiari sentori esotici.

Per quanto sia difficile da descrivere, in quanto realmente diversa da qualsiasi altro frutto, ad alcuni ricorda la pesca, valorizzata da richiami alla vaniglia e alla menta. Il colore è molto singolare, la buccia è verde acceso, mentre la polpa è a volte rossa a volte rosa, a seconda del grado di maturazione. Tecnicamente il guava, utilizzato nella nostra confettura, è un frutto grasso, un po’ come l’avocado. Tuttavia, l’apporto calorico non è eccessivo: 100 grammi di prodotto contengono infatti solo 68 kcal. Per quanto riguarda il valore nutrizionale siamo su livelli di assoluta eccellenza. In primis, abbonda di vitamina C, più di quanto non lo facciano gli agrumi, arance comprese.

Contiene anche molte vitamine del gruppo B, stesso discorso per i sali minerali, con esplicito riferimento al fosforo, al manganese e al potassio. Come dicevo, tecnicamente è un frutto grasso, i grassi che contiene, però, fanno bene alla salute. Un esempio è dato dagli acidi omega tre, che impattano positivamente sull’apparato cardiovascolare, sulla funzione visiva e sulla funzione cognitiva. Il guava è inoltre consumato dalle popolazioni locali quasi come fosse un alimento terapeutico. Infatti, è un toccasana contro il vomito, la dissenteria e le infezioni dell’apparato digerente.

Quale zucchero utilizzare per la nostra confettura?

Quando si parla di confettura, inclusa anche la nostra variante di guava, emerge sempre qualche dubbio sullo zucchero da utilizzare. Come sperimentano tutti coloro che producono confetture, lo zucchero non è assolutamente un alimento di contorno, infatti incide molto sul gusto. Dunque, fate molta attenzione allo zucchero che utilizzate. Di norma sarebbe consigliato impiegare uno zucchero neutro, in modo che emerga il sapore dell’ingrediente principale. In questo caso, però, consiglio lo zucchero di canna. Esso, infatti, contiene i residui di melassa, proprio perché è poco raffinato, dunque particolarmente indicato per questo tipo di confettura.

Confettura di guava

In questo modo, secondo me, si valorizza il gusto del guava, senza coprirlo. Per quanto riguarda la grana dello zucchero, vi consiglio il semolato che si scioglie meglio, ma vi invito comunque ad evitare le grane particolarmente grosse. Per il resto limitatevi alle dosi che vi indicherò tra poco. Il guava è dolce di suo, dunque occorre fare attenzione alla quantità di zucchero, se non volete una confettura eccessivamente dolce.

Il prezioso contributo del lime

La presenza del lime potrebbe far storcere il naso per la nostra confettura di guava. Anzi, a chi non se ne intende di confetture, qualsiasi agrume potrebbe sembrare fuori luogo tra gli ingredienti di questo genere di preparazione. E invece si tratta di una presenza necessaria, un tocco di acidità, senza esagerare ovviamente, mette equilibrio alla confettura e scongiura una resa eccessivamente dolce, che alla lunga potrebbe stancare.

Ebbene, in genere si opta per del normale succo di limone. Tuttavia, in questo caso, io consiglio di utilizzare il lime. La ratio di questa scelta è semplice: sostituire un sapore tradizionale con un sapore esotico, in modo da rispettare lo “spirito” e il senso di questa confettura, che appunto vuole essere una variante esotica di quelle tradizionale. Il risultato è comunque ottimo, anche con il lime, e si concretizza in un sapore invitante e allo stesso tempo equilibrato.

Ecco la ricetta della confettura di guava

Ingredienti per 2 vasetti:

  • 120 ml. di acqua naturale;
  • 6 guava rosse;
  • 60 gr. di zucchero semolato di canna;
  • 2 cucchiai di succo di lime.

Preparazione:

Per la preparazione della confettura di guava iniziate sterilizzando e igienizzando sia i vasetti che i tappi. Poi lavate i guava con accuratezza e tagliate via le estremità. Ora tagliateli a pezzi piccoli (senza sbucciarli) e inseriteli nel mixer aggiungendo l’acqua. Attivate il frullatore e sminuzzate per bene il tutto, poi passate il frullato di acqua e guava attraverso un colino a maglie molto strette per eliminare eventuali semini. Inserite la polpa così trattata in un tegame e versateci anche lo zucchero di canna.

Mescolate con cura, poi fate cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti, senza dimenticarvi di mescolare ogni tanto. Passata la mezz’ora, integrate con il succo di lime, mescolate nuovamente e fate andare la cottura fino a quando il composto non risulterà leggermente compatto e consistente. Mettete la confettura nei vasetti quando è ancora calda, chiudete e capovolgeteli. Infine fate raffreddare la confettura in questa posizione.

CONDIVIDI SU

Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


16-12-2019
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti