bg header
logo_print

Romeu e Julieta, il dolce latino americano degli innamorati

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

romeu e julieta
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Cucina Brasiliana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 15 min
cottura
Cottura: 00 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (3 Recensioni)

Romeu e Julieta, un dolce buono e romantico

I Romeu e Julieta sono dolci della tradizione latino americana e in particolare brasiliana. Sono dedicati agli innamorati, come risulta evidente dal loro aspetto: sono a forma di cuore, colorati di un bel rosso granata e di un bianco giallognolo. Nella loro forma originale, preparata soprattutto in Brasile, sono realizzati con la pasta di guava e con un formaggio del posto, il queijo minas. I dolcetti stanno a simboleggiare l’unione tra uomo e donna. Nello specifico, la pasta di guava, dolce e soave simboleggia la donna. Il formaggio, dal sapore salato e intenso, simboleggia invece l’uomo. I Romeu e Julieta ricorrono in molte tradizioni latino americane, spesso con nomi diversi e persino con qualche variazione sul fronte degli ingredienti.

Spesso e volentieri la pasta di guava è sostituita da una pasta di mele cotogne, che sono consumate soprattutto nei paesi di lingua ispanica. Per il formaggio invece vengono scelti anche prodotti del posto. Il comune denominatore di tutti i Romeu e Julieta è dato dalla forma e dai colori. La forma è a cuore, mentre i colori variano tra le tonalità del rosso e del bianco. Sul piano del gusto i Romeu e Julieta sorprendono già dal primo assaggio. D’altronde la combinazione tra dolce e salato sortisce sempre un certo effetto, soprattutto per i palati non abituati alla commistioni di sapori diversi. La ricetta, comunque, è molto semplice, infatti si tratta di ritagliare la pasta di guava e il formaggio a forma di cuore. Poi si compone una specie di sandwich con la pasta di guava e il formaggio.

Ricetta romeu e julieta

Preparazione romeu e julieta

Per preparare i dolci Romeu e Julieta iniziate prendendo un coppapasta a forma di cuore, poi ritagliate sia la pasta di guava che il formaggio. Le fette di formaggio devono essere più sottili possibili, mentre le fette di pasta di guava dovrebbero avere uno spessore di un centimetro. Mi raccomando, prestate molta attenzione al ritaglio, le fette devono essere sovrapponibili.

Ora componete i Romeu e Julieta come se fossero dei sandwich. Nello specifico, le fette di formaggio devono essere racchiuse tra le fette di pasta di guava. A questo punto fateli riposare almeno 10-15 minuti in frigorifero prima di consumarli. In ogni caso più sono freddi e meglio è, sebbene alcuni li amino gustare a temperatura ambiente.

Ingredienti romeu e julieta

  • q. b. di pasta di guava
  • q. b. di queijo minas.

Cos’è la pasta di guava?

La pasta di guava, usata nel dolce Romeu e Julieta, è un impasto morbido tendente alla solidificazione se esposto a temperature basse (quelle del frigorifero). E’ realizzato a partire da un procedimento complesso, pur richiedendo solo tre ingredienti: guava, acqua e zucchero. In Centro – Sud America e in Spagna si trova in tutte le pasticcerie e anche nei supermercati. Dalle nostre parti è un po’ più raro, ma può essere acquistato nei punti vendita specializzati nei prodotti etnici. La pasta di guava spicca per la consistenza gradevole, sia nella forma morbida che in quella dura. Spesso conserva dei pezzettini di polpa al suo interno, che rendono complessa e piacevole la texture. Per quanto concerne il sapore è leggermente acidulo, ma in una chiave decisamente dolce.

Vale la pena approfondire il frutto anche sul piano nutrizionale. La guava spicca per l’abbondanza di vitamina C, ottima per il sistema immunitario e per accelerare l’assorbimento del ferro. Stesso discorso per i sali minerali, come il potassio, il calcio e il fosforo. La guava inoltre è ricca di fibre, come pochi altri frutti al mondo. L’apporto calorico è pari a 68 kcal, dunque elevato rispetto ai frutti “mediterranei”, ma inferiore alla maggior parte dei frutti esotici (l’avocado supera le 200 kcal).

Quale formaggio utilizzare?

Il formaggio perfetto per i Romeu e Julieta è il queijo minas, originario della regione brasiliana di Minas Gerais. Si tratta di un formaggio di latte vaccino dal sapore intenso, che richiama il latte crudo. E’ prodotto in due varianti: una variante poco stagionata, detta “Frescal”, e una variante mediamente stagionata, detta “Curada”. La prima ha un sapore molto più dolce e una consistenza morbida. La seconda è più salata e intensa. Per il Romeu e Julieta classico si utilizza il queijo minas curado. Una versione alternativa, comunque molto diffusa in Brasile, prevede l’utilizzo del Requejo, che è una sorta di formaggio cremoso dal sapore intenso. Viene impiegato quando si intende conferire ai Romeu e Julieta un sapore morbido.

Romeu e Julieta

Chi vuole preparare i Romeu e Julieta, almeno dalle nostre parti, si scontra in genere con la difficoltà a trovare uno di questi formaggi. Ebbene è possibile sostituirli con prodotti italiani, o almeno europei, che si possano avvicinare in quanto a sapore e consistenza. Per quanto concerne i Romeu e Julieta classici è possibile utilizzare la fontina o la mozzarella. Per i Romeu e Julieta “cremosi”, potete impiegare una crescenza, piuttosto che uno spalmabile dal sapore corposo. La pasta di guava invece è obbligatoria, senza di essa non ci possono essere Romeu e Julieta.

Come preparare dei Romeu e Julieta perfetti?

Preparare i Romeu e Julieta è un gioco da ragazzi, d’altronde basta ritagliare a forma di cuore il formaggio e la pasta di guava e comporre i dolcetti. Discorso diverso è prepararli bene, ovvero come vuole la tradizione brasiliana. In questo caso è bene prendere determinati accorgimenti, a partire dalla scelta degli ingredienti, che dovrebbero essere di qualità, originali e provenienti dal Brasile.

In secondo luogo fate molta attenzione al ritaglio. Le fette di formaggio devono essere sovrapponibili alle fette di pasta di guava, in modo da ottenere dei dolcetti regolari e belli da vedere. Di base questi deliziosi dolcetti vanno serviti freddi, dopo aver sostato almeno un quarto d’ora in frigorifero. Certo nessuno vi impedisce di apprezzarli a temperatura ambiente, ma il risultato non è lo stesso. Ad ogni modo, più rimangono in frigo e meglio è.

Ricette con guava ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...