bg header
logo_print

Pollo con Umeboshi, una specialità giapponese

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pollo con Umeboshi
Ricette per intolleranti, Cucina Giapponese
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4/5 (3 Recensioni)

Umeboshi: il condimento orientale a base di prugne

Oggi vi propongo il pollo con Umeboshi. Già sapete che mi piace cercare nuovi ingredienti di altre culture e sapete quanto sia innamorata della cucina asiatica.  Questo ingrediente, forse un po’ difficile da pronunciare, sono in realtà delle particolari albicocche (che assomigliano di più alle nostre prugne) molto utilizzate in Giappone e in Cina.  Questo frutto viene raccolto durante la fase di maturazione e poi viene sottoposto a un processo di essiccazione e di fermentazione in cui viene aggiunto il sale.

La fermentazione, che può durare settimane o mesi, avviene con le foglie di shiso, un’erba aromatica che conferisce il caratteristico colore rossastro. Il risultato di tutta questa elaborazione sono dei frutti dal sapore acido e al tempo stesso salato. Queste prugne possono essere consumate in diversi modi, sia da sole che in combinazione con altri ingredienti.

Nella cucina giapponese, ad esempio, vengono usate per creare salse ma anche per condire stufati e altri piatti. Secondo alcuni, questo alimento è un buon rimedio per alcuni disturbi come l’affaticamento o problemi intestinali e digestivi.

Ricetta Pollo con Umeboshi

Preparazione Pollo con Umeboshi

Mettete a marinare il pollo nella salsa di soia, nel frattempo preparate il riso mettendo un bicchiere di riso basmati e 2 cucchiai di acqua in un pentolino, coprite e fate cuocere a fuoco basso per circa 10 minuti, poi spegnete e lasciate coperto.

Mettete un po’ di olio in una pentola antiaderente e fate rosolare bene da tutti i lati i fusi di pollo che avrete tolto dalla marinata.

Aggiungete le cipolle tagliate a fette fatele rosolare leggermente, mettete l’aceto di riso, lo zucchero di canna, lo zenzero tagliato a lamelle e mezzo bicchiere di salsa di soia che avrete recuperato dalla marinata e 4 Umeboshi a tocchetti.

Coprite e fate cuocere a fuoco basso per circa 20 minuti, se serve aggiungete poca acqua.

Appena pronto mettete il riso in una ciotolina per ogni commensale e impiattate mettendo 2 fusi per piatto le cipolle e aggiungendo 1 Umeboshi.

Ingredienti Pollo con Umeboshi

  • 8 fusi di pollo
  • 2 cipolle rosse
  • 6/8 Umeboshi
  • 1 bicchiere di salsa di soia
  • 1 radice di zenzero fresco
  • 1 bicchiere di riso basmati
  • 4 cucchiai di aceto di riso
  • 2 cucchiaini di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva

L’alternativa alle solite ricette: il pollo con Umeboshi

Oggi vi propongo il pollo con Umeboshi, cipolle, zenzero, salsa di soia e riso basmati, una ricetta per cucinare il pollo in maniera diversa dal solito. Una ricetta un po’ orientale elaborata con ingredienti che probabilmente chi è solito cucinare i piatti della tradizione italiana non sarà molto abituato ad usare. Tuttavia, sono sicura che conquisterà anche i più scettici. È arrivata l’ora di mettersi alla prova!

In più, si tratta di una pietanza perfetta anche per chi soffre d’intolleranza al glutine e al lattosio. Nonostante ciò, c’è un ingrediente che potrebbe causare problemi, la salsa di soia.

Dovete fare molta attenzione a cercare una che non contenga glutine o direttamente scegliere un ingrediente molto simile che non preveda l’utilizzo della farina: la salsa di soia Tamari. Leggere sempre le etichette dei prodotti che compriamo ci permetterà di evitare qualsiasi problema.

Che cosa sono le Umeboshi?

Già in passato vi abbiamo parlato del condimento a base di Umeboshi, un vero toccasana per la digestione. L’argomento vi ha incuriositi talmente tanto che abbiamo ritenuto essenziale un approfondimento. Per altro, ormai lo sapete bene, il Giappone ed il suo bagaglio di tradizioni e ricette ha su di noi un particolare fascino. Le umeboshi sono un frutto tipico giapponese, una specie di prugna salata dal colore rosso intenso.

Fin dai tempi più antichi, le umeboshi venivano apprezzate per le loro proprietà medicali soprattutto perché alcalinizzanti e capaci di aiutare il fegato e le funzioni epatiche. Generalmente vengono essiccato sotto sale, fino ad amplificare il suo sapore acido e salato. Esistono molte varietà di umeboshi, che variano lievemente per sapore, colore e grinzosità.

Umeboshi

Come vengono essiccate?

Le umeboshi, come detto, vengono tradizionalmente essiccate. La raccolta, generalmente a fine giugno, avviene quando i frutti sono ancora verdi ed al massimo grado d’acidità. I frutti acerbi vengono lavati e tenuti a mollo per una notte, così da privarli del retrogusto amaro. Dopo di che vengono messi in appositi contenitori, a strati, ricoperti di sale e schiacciati da un peso.

Qui le prugne umeboshi vengono lasciate fermentare al buio in un luogo fresco. Così facendo il frutto sviluppa fermenti e batteri benefici dell’acido citrico ed al contempo si inibisce la proliferazione di batteri dannosi. Non a caso, i giapponesi sono veri esperti della fermentazione controllata. I frutti, così conservati, vengono lasciati a stagionare per almeno 12 mesi.

Umeboshi

Le proprietà medicinali delle umeboshi

Le umeboshi sono un antico rimedio contro la fatica, venivano perfino introdotto nelle borracce d’acqua a tale scopo e per purificarle. Secondo i sostenitori della dieta alcalina, le umeboshi sono uno degli alimenti alcalinizzanti per eccellenza. Questi frutti sono ricchissimi di acido citrico ed acido fosforico ed è proprio questa componente acida che ha paradossalmente un effetto alcalinizzante. Il loro effetto è particolarmente tangibile in caso di nausee della gravidanza, mal d’auto, mal di mare, problemi di stomaco e nausee generiche. In questi casi, infatti, l’assunzione di umeboshi è in grado di ristabilire l’equilibrio interno del nostro organismo, attenuando questi disturbi.

Efficaci per contrastare i primi sintomi del raffreddore, l’anemia, la dissenteria ed in senso di stanchezza, le umeboshi è un ottimo rimedio per molti mali. Particolarmente interessante è anche il suo effetto di contrasto ai problemi della pelle ed in particolare agli eczemi. Per i giapponesi, le umeboshi sono l’equivalente della nostra “mela al giorno”, in quanto sembrerebbe avere la stessa capacità di “togliere il medico di torno”!

Gli altri ingredienti: zenzero e riso basmati

Uno degli altri ingredienti fondamentali in questa ricetta è lo zenzero. È una spezia che si utilizza spesso per creare tisane ma anche in diverse pietanze, soprattutto in combinazione con la salsa di soia.

Questa radice ha un sapore piuttosto piccante che è in grado di creare contrasti unici, se usata nelle giuste quantità. Anticamente, lo zenzero veniva utilizzato per curare diversi malanni. In ogni caso, è una spezia con tantissime proprietà, visto che è ricca di vitamine e sali minerali e favorisce la digestione.

Oltre al vivace condimento di questo pollo con Umeboshi, utilizzeremo un tipico accompagnamento orientale: il riso basmati. Non potete sbagliarvi, visto che questo tipo di riso ha una forma molto particolare, fine e allungata. In più, è alla base di molti piatti orientali, fra cui quelli indiani.

Per chi non è abituato a cucinare questo tipo di ingrediente, la cottura può essere complessa, per questo vi consiglio di seguire con attenzione i passi contenuti nella ricetta. Buon appetito!

Ricette tipiche giapponesi ne abbiamo? Certo che si!

4/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di fiori di banano con fagiolini

Insalata di fiori di banano con fagiolini, un...

Parliamo dei fiori di banano Vale la pena parlare dei fiori di banano, che sono i veri protagonisti di questa insalata con fagiolini. Il nome non è creativo, ma molto descrittivo. Stiamo parlando...

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...