logo_print

Tatuaggi e piercing : pratica che cela rischi agli allergici

Tatuaggi e piercing
Stampa

Passione tatuaggi e piercing : quali sono i reali rischi per la salute?

Sono sempre di più i giovanissimi ed i meno giovani ipersensibili ed allergici che ogni anno decidono di decorare la propria pelle con un tattoo indelebile o di farsi un piercing al naso o all’orecchio.

Sebbene sia una moda sdoganata da diversi anni, non è esente da molti pericoli e rischi, specie per chi è intollerante al nickel o al glutine.

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, 13 italiani su 100 hanno almeno un tatuaggio e su un campione di 8000 persone tatuate, circa il 3% accusa problemi di infezioni più o meno gravi e di reazioni infiammatorie ed allergiche. Ma, quali sono i reali rischi per la salute?

tatuaggi e piercing

Tatuaggi e piercing mania: allarme allergie, infiammazioni e irritazioni alla pelle!

Tatuarsi significa imprimere attraverso gli aghi dei pigmenti colorati nei primi strati della pelle e l’inserimento intracutaneo degli inchiostri colorati potrebbe cagionare gravi reazioni allergiche o intolleranze impreviste. Per questo bisogna sapere che farsi un tattoo è un piccolo intervento chirurgico che impone al tatuatore il rispetto delle rigide norme igienico-sanitarie.

Ma, prima di prenotare una sessione di tattoo è importante conoscere i reali rischi per l’organismo umano.

  • Irritazioni: Piercing e tattoo possono provocare irritazioni alla pelle nel caso in cui le macchine e gli strumenti utilizzati dal tatuatore non siano perfettamente sterilizzati.
  • Reazioni allergiche cagionate dallo stesso lattice dei guanti del tatuatore, ma anche da uno scarso stato igienico delle attrezzature o degli inchiostri colorati
  • Epatite ed altre malattie infettive: si tratta di infezioni non locali ed ematiche (HIV, Epatite B e C, tetano, etc.). le patologie infettive sono riconducibili alla scarsa sterilizzazione ed alla carenza di pulizia delle attrezzature utilizzate
  • Infezioni: la ferita ancora aperta è suscettibile alla penetrazione di batteri e funghi e virus. La scarsa igiene è il motivo principale della comparsa dei sintomi delle patologie infiammatorie: gonfiore, rossore, dolore, etc. In questi casi, è bene rivolgersi al proprio medico di fiducia, il quale prescriverà l’utilizzo di una pomata antibatterica ad hoc.

Precauzioni e Prevenzione: ecco i buoni consigli prima di farsi un tattoo o un piercing!

Prima di fissare un appuntamento per fare un tatuaggio, è bene informarsi sulle licenze del tatuatore. Il professionista prima di operare con gli aghi deve lavarsi bene le mani ed indossare un paio di guanti in lattice, nuovi e monouso. Decorso un giorno dall’intervento, si deve applicare una pomata antibiotica, che consente di facilitare la guarigione della ferita aperta.

È bene prestare massima attenzione alla buona medicazione: la zona tatuata deve essere igienizzata e pulita quotidianamente utilizzando detergenti neutri per pelli intolleranti e sensibili, oltre che creme idratanti e non aggressive, prive di parabeni e di nichel.

tatuaggi e piercing

Tatuaggio vegan friendly o senza nichel: un’efficace soluzione per gli appassionati del tatuaggio

Per i soggetti intolleranti al nichel o per coloro che seguono un regime alimentare vegano, il tattoo vegan friendly è la soluzione efficace per soddisfare ogni particolare esigenza.

Il tatuaggio nichel free è la nuova frontiera per coloro che adorano decorare la propria pelle con un tattoo indelebile che non cagioni reazioni allergiche. Molti tatuatori per rispondere a queste nuove esigenze selezionano oculatamente i migliori inchiostri privi di AZO (ammine aromatiche). Ci sono inchiostri che sono conformi alle Normative della Comunità Europea e dermatologicamente testati sulle pelli sensibili.

Gli inchiostri nichel tested di alta qualità con pigmenti naturali garantiscono la massima qualità del disegno tatuato sulla pelle. Oltre ai neri ed ai blu, è reperibile sul mercato una gamma e varietà di tonalità cromatiche diverse.  Fra queste è compreso il rosso che è il colore che cagiona maggiori allergie.

E, allora perché dover rinunciare a farsi un tatuaggio? Nonostante l’attenzione crescente, la comunità scientifica consiglia a chi soffre di patologie dermatologiche,  eczemi e psoriasi di evitare le sedute di tatuaggi.

A noi donne si sa piace essere sempre al meglio, a volte è sufficiente un filo di trucco, altre sentiamo la necessità di correggere qualche piccolo difetto o imperfezione e per farlo possiamo ricorrere alla dermopigmentazione.  Ma attenzione perché il problema delle intolleranze è sempre in agguato! La dermopigmentazione è un trattamento che si basa sulla pigmentazione della pelle attraverso appositi pigmenti di colore che vengono inseriti in determinate aree come labbra, sopracciglia e cuoio capelluto, per dar vita al risultato estetico voluto.

Affidereste mail il vostro viso o il vostro corpo a qualcuno sapendo che potrebbe comprometterlo in modo permanente? Io personalmente mai! Per questo è importante rivolgersi esclusivamente a dei professionisti del settore. Come riconoscerli? Per questo esiste ATEC, Associazione Tatuaggio Estetico Correttivo, che garantisce la professionalità degli operatori che lavorano con scrupolo
e coscienza, in costante aggiornamento sulle normative vigenti e sull’utilizzo di pigmenti certificati e di alta qualità per non incorrere in spiacevoli reazioni allergiche.

0 commenti su “Tatuaggi e piercing : pratica che cela rischi agli allergici

  • Ven 23 Ott 2020 | Vanessa ha detto:

    Dove è possibile trovare o comprare gli inchiostri nichel free per tatuaggi?

    • Mer 28 Ott 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Spero di esserle d’aiuto dicendole che attualmente in commercio non esistono pigmenti completamente privi di nichel ma che tuttavia i pigmenti di qualità contengono una percentuale di nichel talmente bassa che è quasi impossibile scatenare una reazione allergica anche in soggetti altamente intolleranti. Per approfondire il tema in oggetto le consiglio di rivolgersi ad ATEC, Associazione Tatuaggio Estetico Correttivo, che grazie al Comitato Medico Scientifico di cui si avvale, potrà fare chiarezza su questo e altri aspetti delicati di questo settore.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti