Allergia ai tessuti e all’abbigliamento

allergia ai tessuti
Commenti: 0 - Stampa

Perché i vestiti possono creare allergia?

Allergia ai tessuti e all’abbigliamento: quali sono le cause e come risolverla. Secondo le statistiche Istat, nell’anno 2016 nel nostro Paese il 10,7% della popolazione risultava affetta da malattie allergiche croniche e tra le varie allergie, anche i vestiti e l’abbigliamento possono essere fattori scatenanti. Non tutti, infatti, fanno particolare attenzione alla composizione dei capi che acquistano.

Può accadere dopo aver indossato abiti molto colorati, aderenti e realizzati in fibra sintetica, che si scatenino delle reazioni cutanee allergiche che appartengono alla categoria delle cosiddette dermatiti da contatto. Anche in questi casi il responsabile potrebbe essere il nichel soprattutto se  sono presenti  bottoni o cerniere, ma anche quando il tessuto è di scarsa qualità.

In questi casi è meglio preferire abiti privi di parti metalliche o se possibile acquistare prodotti con l’etichetta nichel tested.

Ci sono poi dei materiali potenzialmente allergizzanti come le fibre sintetiche – lycra, nylon, perlon, filanca – utilizzate per produrre numerosi altri capi. Pur essendo un materiale naturale, come anche la lana vergine, può scatenare manifestazioni cutanee nei soggetti predisposti, in particolare i pazienti affetti da dermatite atopica o chi soffre di allergie agli acari.

Ci sono anche altre fibre usate per il confezionamento degli indumenti che, per il particolare trattamento chimico a cui sono sottoposte, come ad esempio la tintura, che possono provocare reazioni allergiche in molte persone.

La dermatite causata da prodotti tessili viene clinicamente indicata come dermatite allergica da contatto (DAC), che poi si suddivide a sua volta in dermatite da contatto irritante, l’orticaria da contatto e la dermatite da contatto.

Alcune reazioni però non derivano dalla tipologia di tessuto, ma dal tipo di detergente impiegato nei lavaggi che, nel momento in cui entra a contatto con la pelle, può provocare delle reazioni allergiche.
Allergia ai tessuti

Allergia ai tessuti : come risolvere il problema

I sintomi più comuni causati dall’allergia da tessuti sono: bruciore e prurito, ragadi, desquamazione, gonfiore o arrossamento della pelle e nei casi più acuti possono comparire  bolle cutanee. Ma come si può risolvere questo problema?

In caso di presunta allergia nei confronti di un tessuto o di un capo d’abbigliamento, è importante rivolgersi ad un dermatologo che, attraverso appositi test, approfondirà la reale causa del disturbo.

In ogni caso per prevenire l’allergia da contatto, è consigliabile acquistare capi d’abbigliamento fatti con tessuti naturali e biologici, prediligere il sapone di Marsiglia ed evitare il più possibile l’ammorbidente, e di fare il bucato in lavatrice piuttosto che a mano per riuscire ad eliminare al meglio il detersivo.

Allergia ai tessuti : quale test o esame conviene fare

Quando si intuisce di essere allergici ad un tessuto o ad un determinato capo, è necessario rivolgersi ad un esperto dermatologo che saprà prescrivere il test su cui orientarsi.

I 2 test più usati sono il Prick test e il Patch test. Il primo consiste nell’applicare su una superficie cutanea (solitamente l’avambraccio) alcune gocce di allergene purificato e controllare la reazione dermatologica dopo 15-20 minuti;

Il Patch test è una esame dove viene applicato un cerotto contenente gli allergeni da testare al livello del dorso che deve essere mantenuto in sede per circa 72 ore, al termine delle quali il medico verificherà l’esito;

Una volta individuata la sostanza responsabile dell’allergia, oltre ad evitare contatti con essa, il dermatologo prescriverà l’applicazione di creme direttamente sulla pelle o l’uso di antistaminici da prendere per bocca e nei casi più seri a farmaci contenenti cortisone.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Intolleranza al riso

Intolleranza al riso, un disturbo raro ma invalidante

Le cause dell’intolleranza al riso L’intolleranza al riso esiste, sebbene non sia tra le più diffuse. D’altronde, quando si parla di intolleranza alimentare, il pensiero corre a ben altre...

Intolleranza alle solanacee

Intolleranza alle solanacee, come combatterla al meglio

Cosa sono le solanacee? Per comprendere i rischi e i meccanismi che stanno dietro all’intolleranza alle solanacee è necessario capire cosa si intenda per solanacee. Il termine è, infatti,...

Intolleranza al frumento

Intolleranza al frumento, cosa c’è da sapere

Intolleranza al frumento e allergia L’intolleranza al frumento non è certamente tra le intolleranze più conosciute, infatti non figura tra quelle salite alla ribalta di recente. Eppure, al pari...

Sensibilita all alcol

Sensibilità all’alcol: una condizione da non sottovalutare

Cos’è la sensibilità all’alcol La sensibilità all’alcol è una condizione più diffusa di quanto si possa pensare. Anche perché molti la fraintendono, derubricando i disturbi a una...

Biancheria intima

Biancheria intima : allergici ed intolleranti attenzione

Gli errori da evitare per il benessere delle parti intime con la biancheria intima La biancheria intima spesso è un acquisto così banale che spesso la scelta si basa sulla bellezza del capo più...

rasatura della barba senza irritazioni

Allergia al nichel : rasatura della barba senza...

Rasatura della barba: come dire addio a irritazioni L’azione della rasatura della barba espone gli uomini allergici al nichel a rischi per la propria pelle da valutare e prevenire in qualsiasi...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti