Celiachia e intolleranza al nichel:difficile da gestire

Celiachia e intolleranza al nichel
Commenti: 0 - Stampa

Celiachia e intolleranza al nichel vanno quasi sempre più di pari passo, ovvero un numero sempre maggiore di celiaci risulta essere anche intollerante o allergico a nichel

Per fare un breve ripasso ricordiamo che la celiachia è infiammazione cronica dell’intestino tenue che avviene nei soggetti predisposti dopo l’ingestione di glutine. Nei celiaci il glutine provoca una reazione autoimmune, per cui il sistema immunitario aggredisce i villi intestinali, che si appiattiscono sino a rendere impossibile l’assimilazione delle sostanze nutritive essenziali e causando nei soggetti sintomatici una serie di disturbi gastrointestinali.

Per tutti, sintomatici e asintomatici,  abbiamo una serie di disturbi anche gravi come anemia per carenza di ferro, amenorrea, osteoporosi, problemi collegati alla fertilità e fecondità, carenza di vitamine e minerali, dermatite erpetiforme, e intolleranza al lattosio

L’unica cura per la malattia celiaca è una dieta priva di glutine per tutta la vita, che significa eliminare grano, segale, orzo, farro, kamut,  spelta e tutti i loro derivati. È da evitare anche l’avena proveniente da campi o lavorazioni promiscue con cereali contenti glutine.

Celiachia e intolleranza al nichel : e ora cosa mangio?

In pratica si dovrebbero eliminare quasi tutti i piatti della grande tradizione alimentate italiana che è strettamente legata alla farina di frumento: pasta, pane, pizza, dolci.

Ovviamente in un paese come l’Italia, con una grande cultura del cibo, e una forte tradizione culinaria si è cercato il modo per sostituire la farina di grano e attualmente è il paese con maggiore e migliore offerta di cibi senza glutine.

La soluzione è stata trovata con miscele di farine e amidi senza glutine: di mais, riso, soia, legumi e altri.

In tutti questi mix e conseguentemente nella quasi maggioranza dei prodotti senza glutine è fortemente presente il mais, sia sotto forma di farina che di amido, spesso si usa la soia, così come la farina di mandorle e di legumi.

Tutti cibi ad alto contenuto di nichel.

Quindi se da una parte si è risolto il problema legato alla celiachia, dall’altro tornano i sintomi quali nausea, meteorismo, dolori addominali, diarrea, costipazione e/o manifestazioni cutanee dovute all’intolleranza al nichel che viene assorbito in dosi elevate attraversi i prodotti senza glutine.

Il nichel è un metallo ubiquitario, costituisce circa lo 0,008% della crosta terrestre, lo si trova ad alte dosi in:

  • Cacao e cioccolato
  • Semi di soia
  • Farina d’avena, farina di mais, farina di soia
  • Noci, mandorle, arachidi, nocciole
  • Legumi freschi e secchi
  • Rabarbaro, cipolle, spinaci, asparagi, pomodori, funghi
  • Margarina
  • Pere, kiwi, uva, prugne etc
  • Lievito in polvere
  • Liquirizia
  • Cibo e bevande in lattina
  • Integratori
  • Pesce azzurro, come tonno, aringhe, salmone, sgombro
  • Crostacei

È presente anche se in misura minore in

  • Cavolfiore, cavolo, lattuga, carote
  • Riso raffinato
  • Marmellata (se fatta in casa con gli alimenti consentiti semaforo verde)
  • Vino, birra
  • The e camomilla
  • Verdura (leggi qui)
  • Frutta (leggi qui)

Con queste premesse fare una dieta senza glutine, diventa veramente difficile: le risorse più comuni per sostituire il glutine, come il mais e la soia, sono da evitare o da consumare in modo molto limitato.

Una notizia positiva è che di tutto il nichel ingerito, solo un 1-10% viene assorbito e quindi con una dieta a rotazione si potrebbe facilitare l’eliminazione del nichel accumulato e conseguentemente un miglioramento della gestione dei sintomi dell’intolleranza.

Celiachia e intolleranza al nichel sono un connubio da studiare

I prodotti che hanno una minore concentrazione di nichel sono:

  • Carne e pollame
  • Uova
  • Pesci freschi o surgelati ad eccezione del pesce azzurro.
  • Formaggi freschi e stagionati
  • Latte e i suoi derivati (ricotta, yogurt).
  • Verdura
  • Frutta
  • Cereali o pseudocereali, come quinoa, amaranto, chia
  • Patate senza buccia
  • Olio extravergine di oliva
  • Riso
  • Acqua

In pratica il quantitativo medio di nichel che può essere assunto quotidianamente è pari a circa 250 microgrammi e quindi magari una piccola fettina di torta al cioccolato ce la si può concedere ogni tanto, soprattutto dopo aver fatto una dieta a ridotto contenuto di nichel-

Ovviamente tutto dipende da come il proprio organismo si reagisce e dalla sintomatologia che è molto soggettiva, quindi la mia raccomandazione è sempre quella di non autodiagnosticarsi e farsi seguire da un medico esperto in intolleranze alimentari e allergie e con lui monitorare sempre le nostre reazioni per analizzare bene quali sono i cibi che generano le reazioni peggiori.

Con la conoscenza degli alimenti possiamo mangiare con gusto

Per quanto riguarda i sostituti della farina, farina di riso e la pasta di riso sono un grande aiuto, la fecola di patate aiuta ad addensare ma va utilizzata con parsimonia. Sono tanti i prodotti che possono essere d’aiuto per la sostituzione.

Sono da eliminare le farine dieto terapeutiche senza glutine che contengono mais e soia (farina e amido) e tutti i prodotti industriali gluten free che hanno queste miscele come ingrediente.

Indubbiamente la combinazione di celiachia e intolleranza al nichel è una condizione non facilissima da gestire, per chi è soggetto a entrambe le patologie consiglio di organizzare un menù settimanale, di mangiare secondi di carne o pesce quando si mangia fuori e infine di essere curiosi: ci sono tanti ingredienti nuovi da scoprire, come la farina di canapa e l’amaranto. Il miglio è un’altra alternativa da inserire nella dieta a basso contenuto di nichel una volta ogni tanto.

Sono sapori nuovi, ma vi assicuro, altrettanto gustosi. Essere celiaci  e dover seguire una dieta a basso contenuto di nichel e magari senza lattosio è un’impresa che all’inizio sembra titanica. Ma ce la potete fare!

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Intolleranza al riso

Intolleranza al riso, un disturbo raro ma invalidante

Le cause dell’intolleranza al riso L’intolleranza al riso esiste, sebbene non sia tra le più diffuse. D’altronde, quando si parla di intolleranza alimentare, il pensiero corre a ben altre...

Intolleranza alle solanacee

Intolleranza alle solanacee, come combatterla al meglio

Cosa sono le solanacee? Per comprendere i rischi e i meccanismi che stanno dietro all’intolleranza alle solanacee è necessario capire cosa si intenda per solanacee. Il termine è, infatti,...

Rotolo di focaccia con salame

Gli insaccati e i salumi sono sempre gluten-free?

Alimenti gluten-free, una questione delicata Tra gli insaccati, i salami sono davvero privi di glutine? Il dubbio emerge sempre quando si scopre di essere celiaci. D’altronde la paura più grande...

utensili da cucina

Utensili da cucina: attenzione alla contaminazione

Organizzarsi con gli utensili da cucina per evitare la contaminazione dei cibi? Come evitare la contaminazione degli utensili da cucina? Come organizzarsi al meglio per evitare che il glutine possa...

News su Celiachia e intolleranza al glutine

News su Celiachia e intolleranza al glutine

Un'intolleranza sempre più diffusa tra adulti e bambini. News su Celiachia e intolleranza al glutine. La celiachia rappresenta un’intolleranza sempre più diffusa, motivo questo per essere al...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-04-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti