Salsa di papaya e mango: un condimento esotico

Gli usi della salsa di papaya e mango

La salsa di papaya e mango è una soluzione molto particolare, esotica si potrebbe dire, per valorizzare piatti di vario genere. Si configura come un condimento di pregio, e coloratissimo, da applicare a carne e pesce, magari per produrre sentori agrodolci spiccati. Certo, si tratta di un approccio ardito, ma va preso in considerazione e provato, anche perché la salsa è davvero facile da preparare!

Ovviamente, anche consumata da sola, è molto buona. D’altronde sia la papaya che il mango sono frutti dolcissimi e molto gustosi, per giunta valorizzati (in questo caso) da spezie ed erbe aromatiche. Il riferimento è in particolare allo zenzero, che esercita una funzione equilibrante e, con il suo gusto amarognolo, contribuisce ad attenuare le noti dolciastre.

La papaya

La papaya è uno dei frutti più dolci in assoluto. Originaria dell’America Centrale, fa ormai parte da qualche secolo della dieta degli occidentali, e viene utilizzata non solo per il consumo di frutta fresca ma anche per la preparazione di sorbetti, gelati etc. La papaya, oltre a essere un frutto dal sapore unico e particolare, fa anche bene alla salute come testimoniano i suoi valori nutrizionali. Questo frutto, infatti, contiene concentrazioni elevate di vitamina C, vitamina E e vitamina A. Importante, poi, è la capacità della papaya di contrastare l’azione dei radicali liberi, e dunque di agire come antinvecchiamento.

Salsa di papaya e mango

La papaya, inoltre, vanta una proprietà singolare: è ricca di enzimi che stimolano l’assorbimento delle proteine. Questa azione è decisiva, soprattutto in una prospettiva di salute del sistema cardiocircolatorio, senza considerare l’effetto anti-artrite e anti-diabete.

E che dire del mango?

Papaya e mango spesso vengono accostati nella produzione dolciaria o in quella di gelati e sorbetti. Certamente, sono le somiglianze “cromatiche” ad aver garantito il successo a questo abbinamento, per quanto dal punto di vista del sapore le differenze siano sensibili. Ovviamente, mango e papaya sono due frutti completamente diversi, anche perché originari di zone distanti migliaia e migliaia di km tra di loro.

Ad ogni modo, il mango è un frutto che merita tutta l’attenzione, sia di chi ama consumare la frutta fresca, sia di chi intende realizzare salse per produzioni agrodolci. Inoltre, è un frutto salutare: è ricco di vitamine A, C, D e vitamine del gruppo B. Contiene, poi, il lupeolo, che è un antiossidante che genera effetti benefici sul pancreas e sul colon, senza contare la funzione antitumorale che emerge da recenti studi clinici.

Ecco la ricetta della salsa di papaya e mango

Ingredienti:

  • 250 gr. di polpa di papaya
  • 250 gr. di polpa di mango
  • 300 gr. di zucchero di canna
  • 120 gr. di acqua naturale
  • il succo di 2 lime
  • 3 cm di zenzero fresco
  • 1 pizzico di sale
  • Preparazione:

    Sbucciate sia la papaya che il mango per accedere alla polpa, poi rimuovete tutti i semi e tagliate a pezzi piccoli. Inserite in una padella la polpa dei due frutti e tutti gli altri ingredienti.

    Accendete la fiamma alta, portate a ebollizione, poi abbassate la fiamma e fate cuocere fino a quando la salsa non avrà iniziato il processo di gelificazione. In genere, sono necessari appena 30 minuti.

    Nota per celiaci o sensibili al glutine

    Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

    Nota per gli intolleranti al lattosio

    Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

    Nota per l’intolleranza al nichel

    Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *