bg header
logo_print

Coppa al mango e cocco, un dessert esotico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Coppa al mango e cocco
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 50 min
cottura
Cottura: 00 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 6 persone
Stampa
Array
5/5 (5 Recensioni)

Coppa al mango e cocco, un dessert colorato e morbido

La coppa al mango e cocco è un dolce al cucchiaio dal sapore particolare e dal carattere spiccatamente esotico. Allo stesso tempo spicca per una texture consistente, cremosa e solo leggermente granulosa. Si distingue inoltre per la completa compatibilità con le esigenze di chi soffre di intolleranze alimentari. E’ un dessert senza glutine, dunque può essere consumato dai celiaci, inoltre è senza lattosio, in quanto richiede uno yogurt delattosato, che può essere consumato dagli intolleranti a questa sostanza. Infine questo tipo di dolce contiene pochissimo nichel, una qualità molto rara vista l’abbondanza di questa sostanza negli alimenti. Il procedimento è molto particolare, in quanto permette di ottenere la consistenza di un sorbetto o di un gelato senza ricorrere ad appositi macchinari.

Le due componenti principali, ovvero lo yogurt addolcito e il mango fatto a cubetti, vanno induriti nel freezer. Poi vanno frullati assieme e conservati ancora una volta in congelatore. La fase finale vede la decorazione con mango candito e cocco rapè. Da questo dessert emergono nitidamente i sapori del cocco e del mango. Il primo aggiunge dolcezza, il secondo un tocco acidulo e allo stesso tempo rinfrescante. Sono entrambi frutti esotici, dunque presentano tratti nutrizionali simili. Va detto, però, che il cocco è decisamente più calorico ed anche più ricco di potassio.

Ricetta coppa al mango

Preparazione coppa al mango

Per preparare la coppa al mango e cocco dovrete partire dal mango. Sbucciate e tagliate il mango a dadini, infine mettetelo nel congelatore. Poi addolcite lo yogurt con lo sciroppo di topinambur e lo zucchero, infine versatelo in 2 o 3 stampi e fatelo riposare in freezer. Dopo un paio d’ore sia lo yogurt che i cubetti di mango dovrebbero essere abbastanza duri. Frullateli per bene azionando a intermittenza il frullatore, fino ad ottenere un composto cremoso.

Mi raccomando, il frullatore deve avere una buona potenza e il boccale deve essere in vetro. Ora rovesciate il frullato in una vaschetta e fate riposare in freezer per altri 30 minuti. Trascorso questo lasso di tempo distribuite il composto nelle coppe, usando una spatola per gelato. Infine decorate con cocco rapè e mango candito. Il vostro dolce al mango e cocco è pronto!

Ingredienti coppa al mango

  • 300 gr. di polpa di mango
  • 300 ml. di yogurt consentito
  • 50 ml. di sciroppo di topinambur
  • 1 cucchiaio di zucchero Eridania
  • q. b. di cocco rapè
  • q. b. di mango candito.

Fate attenzione allo zucchero da utilizzare

Lo zucchero gioca un ruolo fondamentale per questa coppa al mango e cocco, dunque fate attenzione a quale scegliere. Io vi consiglio il nuovo zucchero di Eridania, un brand molto famoso e apprezzato che non manca di rinnovarsi. Il nuovo zucchero di Eridania spicca per il basso indice glicemico, che indica il livello di zuccheri nel sangue. Se è troppo alto può provocare problemi e portare a patologie più serie come il diabete. Proprio per questo i diabetici devono stare molto attenti a questo valore. Va detto, poi, che alti livelli di glicemia sono correlati a un precoce senso della fame, un dettaglio importante per chi sta sostenendo diete dimagranti.

Lo zucchero Eridania a basso indice glicemico conserva comunque tutto il potere dolcificante degli zuccheri. Per variare e aggiungere un po’ di sapore, vi consiglio di addolcire lo yogurt anche con lo sciroppo di topinambur. Fate attenzione comunque alle dosi, infatti basta un cucchiaio di zucchero e 50 ml. di sciroppo per 300 ml. di yogurt.

Coppa al mango e cocco

Una decorazione davvero incantevole

Questo dessert in coppa si arricchisce di una decorazione molto gradevole, che incide a livello di texture e di sapore. Per la precisione, una volta distribuito il dessert nelle coppe da portata, vanno aggiunti il cocco rapè e il mango candito. Il cocco rapè è un derivato della polpa di cocco. Questa viene prima disidratata e poi grattugiata in modo grossolano, quasi fosse un formaggio ben stagionato. Il cocco rapè racchiude tutto il sapore della polpa di cocco e dolcifica visto che deriva dal frutto in forma concentrata.

Per quanto concerne il mango candito potete acquistarlo già pronto o prepararlo in casa. Candire la frutta è molto semplice. Si tratta infatti di cuocere la frutta tagliata a pezzettini in acqua e zucchero. Anche in questo caso occorre prestare la massima attenzione alle dosi. In particolare è bene che l’acqua e la frutta abbiano lo stesso peso, mentre lo zucchero deve pesare la metà. Per esempio, se volete candire mezzo chilo di frutta, dovrete utilizzare mezzo litro di acqua e 250 gr. di zucchero.

Come preparare lo sciroppo di topinambur?

La ricetta della coppa al mango e cocco è molto semplice. L’unico elemento di difficoltà è dato dalla preparazione dello sciroppo di topinambur. Per la preparazione di questo sciroppo va utilizzato un chilo di topinambur, da lavare e sbucciare con cura. La radice va tagliata a cubetti e sminuzzata nel frullatore.La fase successiva prevede la cottura, che va realizzata a più riprese. Viene fatto bollire per 5-6 minuti, poi va lasciato raffreddare e infine viene bollito di nuovo.

Si ripete l’operazione per 5-6 volte, fino a quando il tutto non si trasforma in sciroppo. L’ultimo fase prevede anche l’aggiunta di un po’ di succo di limone. Il procedimento, come avete visto, non è molto complicato. E’ comunque molto diverso da quello di molti altri sciroppi, che vedono la partecipazione attiva dello zucchero. In questo caso l’unica fonte di sentori dolci è proprio il topinambur.

Ricette dolci al cucchiaio con mango ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...