Acqua con arance e lamponi, un mix di frutta detox

Acqua con arance e lamponi
Commenti: 0 - Stampa

L’acqua con arance e lamponi: bevanda ideale per un’azione drenante

L’acqua aromatizzata con arance e lamponi consente di ottenere una bevanda depurativa e rinfrescante, quindi consigliata anche per i periodi estivi. Il suo gusto delicato è già dolce e questo evita la necessità dell’aggiunta di zuccheri. Inoltre, è indicata per poter garantire un’azione depurativa mirata all’eliminazione delle tossine, così che la pelle acquisti un aspetto luminoso e ritrovi il suo benessere. Le arance, infatti, oltre ad essere ricche di vitamina C contengono molta pectina che è indicata per rimuovere tracce di metalli pesanti dall’organismo. Attraverso questa specifica funzione si favorisce un’azione drenante che interviene sul ristagno dei liquidi combattendo così efficacemente anche gli inestetismi della cellulite. Quest’ultima, infatti, è considerata una vera e propria malattia legata ad una ritenzione idrica marcata, oltre che ad una cattiva alimentazione, stress e vita sedentaria.

La presenza dei lamponi nella nostra acqua aromatizzata intensifica l‘effetto detox della bevanda, poiché sono dei validi diuretici che coadiuvano l’azione legata alla depurazione. Ovviamente si ottengono anche altri benefici compresi quelli che riguardano una migliore tonicità della pelle, che appare subito levigata e idratata. Ecco perché ad esso si associa una funzione antiage, un perfetto antiossidante che garantisce un adeguato rinnovo cellulare. Per ottenere l’acqua aromatizzata con arancia e lamponi è consigliabile un infusore oppure una caraffa in vetro. Gli ingredienti son entrambi gluten e lattosio free quindi tutti potranno dissetarsi e depurarsi con questa bevanda.

Le arance e le loro proprietà per un effetto drenante

Le arance, utilizzate nelle nostra acqua con arance e lamponi, sono un agrume alleato per mantenere il peso forma poiché la maggior parte della loro consistenza è formata da acqua. Ad essa si aggiunge fruttosio, minerali, sali minerali e la nota vitamina C. Ebbene sì la vitamina C è quella per la quale questo frutto è maggiormente conosciuto, sia per i suoi effetti antinfluenzali che per la capacità di migliorare le difese immunitarie. Ma non terminano qui i benefici, le arance sono un ottimo alleato antiossidante che, oltre a combattere l’invecchiamento cellulare, attivano il metabolismo. Questo accade grazie alla presenza di acido citrico che abbassa l’acidità e quindi favorisce i processi digestivi con un conseguente miglioramento della glicemia alta.

È proprio occupandosi di quest’ultima funzione che si riesce a controllare la fame, ottenendo anche un effetto saziante immediato. Ecco perché sono consigliate a coloro che devono seguire una dieta ipocalorica. E poi, l’elevata presenza di acqua in esse contenuta, favorisce l’effetto diuretico e la capacità di impedire la formazione di calcoli renali. Le arance, inoltre, evitano la pancia gonfia, stimolando il fegato e la bile per una corretta funzionalità che consente l’eliminazione mirata delle tossine. Oltretutto, essendo anche ricche di vitamina A, rafforzano la vista, e con la presenza del magnesio contribuiscono a proteggere le ossa.

Gli aranci sono probabilmente originari della Cina, ma dal periodo della dominazione araba vengono estesamente coltivati nel bacino mediterraneo, particolarmente in Sicilia e Calabria. Le numerose varietà possono venire raggruppate in due principali sottospecie: l’arancio dolce e l’arancio amaro (vedi). Le arance dolci. sono il frutto del Citrus aurantium (varietà dulcis) propriamente detto, e le sue varietà più comuni si distinguono in bionde e sanguigne, quest’ultime a loro volta suddivise nelle varietà moro, tarocco e sanguine/lo. Oltre ai frutti freschi, sono disponibili in commercio la polpa di arancia surgelata e il succo d’arancia concentrato, con o senza zucchero.

Le arance maturano da novembre a primavera inoltrata e alcune varietà addirittura all’inizio dell’estate. Scegliete arance compatte, piene; evitate quelle ammaccate, ammuffite o comunque danneggiate. Refrigerate le arance se intendete conservarle a lungo; tenetele a temperatura ambiente per periodi di conservazione più brevi. Le arance sono ricche di vitamina C ma contengono anche vitamina A e sali minerali.

I lamponi, un frutto goloso per un effetto depurativo efficace

I lamponi, utilizzati nella nostra acqua aromatizzata con arance e lamponi, sono un frutto di bosco che merita di essere apprezzato non solo per il loro delicato sapore, ma anche per le tante proprietà che presentano. Si tratta di un alimento che apporta all’organismo importanti quantità di vitamina A e C, oltre all’acido citrico, fruttosio e pectina. Per questo motivo gli si attribuiscono effetti antiossidanti tanto da essere anche uno dei fitoterapici di largo impiego. È attraverso la macerazione dei lamponi che si ottiene addirittura un’azione sull’apparato ormonale femminile regolarizzando il ciclo e diminuendo gli effetti indesiderati della sindrome premestruale. Inoltre, essendo composti per l’80 % di acqua, sono dei perfetti depurativi, ma anche rinfrescanti e diuretici. Contenendo poche calorie e pochi zuccheri sono consigliabili anche per chi è a dieta.

Ovviamente, la presenza dell’acido ellagico, è quella più incisiva poiché conferisce un eccelso potere antiossidante a questi frutti.  Nonostante i lamponi possano sembrare così piccoli, sono davvero un portento per il benessere dell’organismo. Infatti, coadiuvati anche dalla presenza di flavonidi, stimolano la digestione, contrastando l’azione dei radicali liberi e migliorando lo stato di salute generale. Un superfood che attraverso il chetone riesce ad aumentare il metabolismo e quindi la possibilità di bruciare i grassi per un giro vita davvero impeccabile. Per la preparazione di quest’acqua aromatizzata è preferibile acquistarli freschi e biologici per conferire un sapore autentico e genuino alla bevanda.

Ecco la ricetta dell’acqua aromatizzata con arance e lamponi:

Ingredienti per 1 caraffa:

  • 1 lt. di acqua naturale;
  • 1 vaschetta di lamponi;
  • 2 arance bio;
  • q. b. di ghiaccio.

Preparazione:

Per la preparazione dell’acqua aromatizzata con arance e lamponi dovete lavare le due arance: una deve essere tagliata a fette sottili (con la buccia), mentre l’altra va spremuta per usarne solo il succo. Utilizzate un infusore o una brocca in vetro per versare le fette di arance, insieme al succo e ai lamponi. Coprite la caraffa con un coperchio o con la pellicola trasparente e lasciate in infusione per una notte in frigorifero. Prima di servire questa gustosa bevanda potete aggiungere del ghiaccio per una piacevole sensazione rinfrescante.

5/5 (544 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cocktail analcolico con guava e fragole

Cocktail analcolico con guava e fragole, un drink...

Cocktail analcolico con guava e fragole, un cocktail fruttato ed esotico Il cocktail analcolico con guava e fragole è un drink fresco, gustoso e adatto per gli aperitivi come per il consumo in...

Cocktail lacroix con guava e ananas

Cocktail lacroix con guava e ananas, un drink...

Cocktail lacroix con guava e ananas, per un aperitivo rinfrescante Il cocktail lacroix con guava e ananas è una bevanda rinfrescante e decisamente esotica. Contiene, infatti, ben tre ingredienti...

Digestivo alla camomilla

Digestivo alla camomilla, un perfetto fine pasto

Digestivo alla camomilla, una bevanda utile e gustosa Il digestivo alla camomilla è una bevanda fortemente analcolica che si inserisce parzialmente nella tradizione dei digestivi all’italiana. Il...

Tropical Punch

Tropical Punch: il cocktail che fa gola al...

È sempre la stagione giusta per gustare un buon cocktail Tropical Punch Il cocktail Tropical Punch vede messi insieme in un connubio perfetto, armonico ed equilibrato, limone ananas e rum. Come si...

Liquore alla melissa

Liquore alla melissa, una bevanda alcolica e aromatica

Le caratteristiche organolettiche del liquore alla melissa Il liquore alla melissa può essere definito come un alcolico da fine pasto. D’altronde è realizzato con una pianta officinale...

Tisana con camomilla e lavanda

Tisana con camomilla e lavanda, una bevanda salutare

Tisana con camomilla e lavanda, la bevanda della buona notte La tisana con camomilla e lavanda è all’apparenza una tisana come tutte le altre, d’altronde è realizzata con l’ingrediente...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-08-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti