bg header

Testaroli al pesto: un salto nelle cucine del passato

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Testaroli al pesto

Un buon piatto di testaroli al pesto? Almeno ogni tanto ci vuole!

Che ne dite di assaporare i testaroli al pesto? Sapete di cosa si tratta? Abbiamo a che fare con una tipologia di pasta fresca e con un condimento molto conosciuto. Questi due protagonisti uniscono le loro storie e i loro sapori in un piatto semplice e al tempo stesso gustoso. Si tratta di un primo piatto saziante e coinvolgente, senza glutine e senza lattosio, che piace agli adulti e anche ai bambini. Quindi, che ne pensate? Desiderate prepararlo? Sicuramente sì ma, prima di portarlo in tavola, ci tengo a raccontarvi qualcosa su entrambi gli alimenti…

Partendo dalla pasta, sappiate che quella che useremo oggi si presenta come un primo piatto alquanto antico, originario del territorio della Lunigiana. I testaroli con il pesto si rivelano una “coppia” recente, ma sembra che questo tipo di pasta venisse addirittura preparato nell’Antica Roma… Ma quali sono gli ingredienti usati per la sua preparazione? Andiamo a scoprire ogni dettaglio!

Pochi alimenti per un piatto ricco di gusto e sostanza

Secondo alcuni, i testaroli al pesto ci permettono di portare in tavola la più antica tipologia di “pastasciutta”, la cui storia si nasconde nelle strade di cittadine come Fosdinovo, Pontremoli e Castagnetoli (Lunigiana), e nell’estremo levante ligure. Nonostante le sue lontane origini, pare che questo piatto della tradizione si diffuse principalmente nel secondo dopoguerra, attraverso la produzione di tipo industriale. Quest’ultima, chiaramente, permetteva di aumentare la quantità di pasta prodotta, riducendo le tempistiche dei processi di realizzazione.

Ma adesso è arrivato il momento di svelare un segreto… I testaroli venivano anticamente preparati con acqua, farina e sale. Alcune fonti confermano che la farina usata era quella di farro. Gli ingredienti venivano uniti creando una pastella, che veniva cotta a legna per una manciata di minuti. In pratica, si tratta di una sorta di crespella, che però noi andremo a preparare con la farina di riso (senza glutine) e a cuocere in padella o in una crepiera. Il risultato sarà comunque favoloso… Credetemi!

Testaroli al pesto

Testaroli al pesto: anche il condimento ha la sua storia

Come dicevo in precedenza, con questo piatto possiamo portare in tavola non solo una pasta dal sapore antico, ma anche un condimento tradizionale e longevo.  Il pesto è una preparazione tipica della Liguria, recentemente inserito nella lista dei PAT, Prodotti Agroalimentari Tradizionali. Si prepara pestando il basilico insieme all’olio extravergine di oliva, all’aglio, ai pinoli e al parmigiano, e gustandolo a crudo… Ma chiaramente sapete già di cosa si tratta! Non è così? Per i nostri testaroli con il pesto, potrete preparare tutto in casa oppure no.

Scegliendo alimenti di qualità avrete la possibilità di realizzare entrambi i componenti del nostro primo piatto con le vostre mani, e rimarrete ampiamente soddisfatti. Con questi presupposti, direi che è arrivato il momento di darci da fare.

Nella maggior parte delle ricette i testaroli vengono conditi con il pesto di basilico ma si può spaziare con la fantasia e scegliere un altro condimento. Siete pronti per scoprire come si preparano i testaroli al pesto? Se amate cucinare, vi divertirete tanto. Una volta in tavola, la soddisfazione sarà alle stelle! Quindi, che dire di più? Buona preparazione e buon appetito!

Una ricetta per cucinare i testaroli la trovate anche neii Testaroli con cavolini di Bruxelles, un primo rustico

Ricetta testaroli al pesto

Ingredienti:

  • 300 gr. di farina di riso
  • 100 gr. di fecola di patate
  • 700 ml di acqua
  • 230 gr. di pesto alla genovese
  • 60 gr. di parmigiano reggiano 48 mesi
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Versate in una terrina la farina, la fecola, l’acqua e un pizzico di sale. Iniziate a impastare fino a ottenere una pastella.

Oleate una padella antiaderente o una crepiera. Asciugate con un po’ di carta assorbente. Scaldate la padella o la crepiera e versate su di essa un mestolo di pastella. Cuocete per circa 2 minuti, girate sull’altro lato e cuocete per circa 2 minuti.

Proseguite fino a quando la pastella sarà finita. Tagliate a losanghe e adagiate su di un panno pulito. Sbollentate in acqua bollente salata fino a quando i testaroli saranno diventati teneri. In seguito, versateli direttamente in una padella dove avrete scaldato il pesto.

Aggiustate di sale e pepe, aggiungete il parmigiano e servite ancora caldi.

 

4/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...

Pici con le briciole

Pici con le briciole, il primo rustico della...

I differenti tipi di pici I pici con le briciole sono il simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina toscana, sono realizzati con farina, acqua e sale. L’impasto viene poi tirato a...

logo_print