bg header
logo_print

Pain des fleurs miste, delle tartine golose senza glutine

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Le Pain des Fleurs miste
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (48 Recensioni)

Le pain des fleurs miste, snack o antipasti?

Oggi vi presento i pain des fleurs miste, delle tartine realizzate con ingredienti variegati, che possono essere impiegati come snack o come antipasti. Spiccano per il sapore intenso, per l’abbondanza di colori e per una spiccata leggerezza. Si contraddistinguono anche per l’assenza di glutine, quindi possono essere consumati senza alcun timore anche dai celiaci. I pain des fleurs possono essere considerati come fette di pane simili al tramezzino ma croccanti. Sono prodotti dall’omonima azienda francese, che ha inteso creare una base per tartine completamente gluten-free, versatili e davvero gustose. Ne esistono di diversi tipi, ciascuno dei quali si caratterizza per la presenza di una farina specifica.

I pain des fleurs rappresentano una chiave per unire a tavola celiaci e non. Sono infatti accessibili agli uni e gradevoli per gli altri. Sono dunque il prodotto giusto per vedere la celiachia non come una pesante limitazione alla propria dieta, bensì come un’occasione per scoprire nuovi alimenti e farli scoprire agli altri.

Ricetta pain des fleurs

Preparazione pain des fleurs

Per preparare le pain des fleurs con crema di melanzane iniziate tagliando la melanzana a fette, cospargete queste ultime di sale e lasciatele a spurgare per circa mezz’ora. Quindi rimuovete la buccia e disponetele su una teglia foderata di carta da forno con l’aglio sbucciato, cospargetele d’olio e fate cuocere a 190° in forno ventilato per circa 10 minuti.

Rimuovete la teglia dal forno e mettete tutto il contenuto in un mixer con un filo d’olio e del basilico, frullate fino ad ottenere una crema omogenea. Regolate di sale e pepe a vostro piacimento.

Per la preparazione delle pain des fleurs con pomodori e basilico basta semplicemente tagliare i pomodori a dadini e condirli con olio extravergine d’oliva e un po’ di sale. Poi si mette tutto sulle tartine e si decora con qualche foglia di basilico fresco.

Infine pe preparare le pain des fleurs con crema di pomodori secchi basta spalmare il formaggio cremoso sulle tartine e mettere sopra qualche fetta di pomodori secchi. Poi arricchite con le foglie di maggiorana e servite.

Pain des fleurs con crema di melanzane:

  • 1 confezione di Pain des Fleurs,
  • la polpa di una melanzana,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • qualche fogliolina di basilico,
  • q. b. di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale e di pepe.

Pain des fleurs con pomodorini e basilico:

  • 1 confezione di Pain des Fleurs,
  • 8 pomodorini ciliegino,
  • 2 foglie di basilico fresco,
  • q. b. di olio e di sale.

Pain des fleurs con crema di pomodori secchi e formaggio cremoso:

  • 1 confezione di Pain des Fleurs,
  • formaggio fresco cremoso Senza Lattosio Exquisa,
  • qualche pomodoro secchi sott’olio,
  • qualche fogliolina di maggiorana fresca.

Pain des Fleur

Le farine usate nei pain des fleurs

In commercio, e soprattutto online, si trovano pain des fleurs di tutti i tipi. I più apprezzati sono quelli al grano saraceno. D’altronde stiamo parlando di un cereale eccellente sotto tutti i punti di vista in quanto coniuga un sapore rustico ad un’elevata digeribilità e ad uno spessore nutrizionale elevato. Il grano saraceno abbonda infatti di sali minerali, tra cui spicca il ferro. Molto apprezzati sono anche i pain des fleurs all’avena, che valorizzano una farina a torto considerata “troppo” popolare e poco raffinata. In realtà l’avena può regalare molte soddisfazioni in cucina in virtù di un sapore corposo e di una spiccata abbondanza di fibre.

Interessanti, poi, sono le pain des fleurs alla quinoa. La quinoa è uno uno pseudo-cereale che appartiene alla famiglia dei legumi e rende molto bene in cucina. Per inciso, è ricco non solo di carboidrati e vitamine, ma anche di proteine. L’offerta di queste sfiziose tortine comprende anche varianti realizzate con la farina di castagne, che determina un sapore intenso e leggermente dolce. Troviamo anche tartine con farina di lenticchie (ultra-proteica), con farina di ceci e molto altro ancora.

pain de fleurs crema melanzane ver cl

Tre idee per i pain des fleurs

Le pain des fleurs si contraddistinguono anche per la loro versatilità. A prescindere dalla farina con cui sono realizzati, prestano il fianco alle composizioni più creative. Per l’occasione ve ne propongo tre.

Pain des fleurs con crema di melanzane. In questo caso il condimento è realizzato mediante cottura e frollatura di melanzane. La cottura avviene al forno ma previa rimozione del liquido di vegetazione, mentre la frollatura vede la partecipazione di olio extravergine d’oliva, aglio e basilico.

Pain des fleurs con pomodori e basilico. E’ la versione più semplice in assoluto, ma anche quella che rende di più in termini di sapori e colori. Basta tagliare i pomodorini a dadini, condirli con olio e sale. Infine si pongono sulle tartine e si arricchiscono con qualche fogliolina di basilico.

Pain des fleurs con crema di pomodori secchi. E’ la versione più corposa in assoluto, ma anche una delle più semplici. Basta spalmare del formaggio cremoso sulle tartine, distribuire su di esse un paio di fette di pomodori secchi e arricchire il tutto con qualche fogliolina di maggiorana.

pain de fleurs pomodorini basilico ver

Uno spalmabile davvero speciale

L’ultima versione delle pain des fleurs miste vede la partecipazione di uno spalmabile cremoso. Il suo sapore emerge chiaro ed è solo leggermente coperto dalla presenza dei pomodori secchi. Proprio per questo fate molta attenzione alla scelta del prodotto giusto. In queste preparazioni io opto sempre per gli spalmabili Exquisa, un brand leader nella produzione di derivati del latte. Exquisa profonde massima attenzione nella scelta delle materie prime e conferisce ai processi di produzione un provvidenziale tocco artigianale.

pain de fleurs pomodori secchi crema exquisa ver al

L’offerta di spalmabili Exquisa è abbondante, varia e coinvolge anche diversi tipi di latte (ad esempio quello di capra). Io utilizzo spesso l’Exquisa Fresco Cremoso Senza Lattosio. E’ adatto a chi soffre di intolleranza al lattosio ma è buono, nutriente e gradevole al palato, proprio come la controparte originale. D’altronde il processo di rimozione del lattosio consiste nella sola aggiunta dell’enzima lattasi nel latte, che scinde la sostanza in due zuccheri semplici digeribili da tutti.

Ricette di antipasti ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata

2 commenti su “Pain des fleurs miste, delle tartine golose senza glutine

  • Dom 13 Set 2020 | Alberto ha detto:

    Quale è il metodo di produzione? Estrusione?

    • Lun 14 Set 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve, non ne ho idea. So che sono prodotti buonissimi

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tortini di broccoli e patate

Tortini di broccoli e patate, un antipasto per...

I celiaci e gli intolleranti al lattosio possono mangiare questi tortini di broccoli e patate? Chi soffre di celiachia non può mangiare questo tortino di broccoli e patate, in quanto l’impasto...

Involtini di zucchine gialle

Involtini di zucchine gialle, dei rotolini davvero deliziosi

Involtini di zucchine gialle: al forno o in padella? Gli involtini di zucchine gialle, come quelli di carne, si possono cuocere in padella. Questo metodo, sebbene tradizionale, tende ad essere più...

Casatiello napoletano

Casatiello napoletano, la tradizione pasquale che profuma di...

Origini e significato del casatiello napoletano Il casatiello napoletano è un tipico piatto pasquale della tradizione culinaria napoletana. Le sue origini risalgono al periodo dell'antica Roma,...