Scaloppine ai funghi, cipolle e carote, sapori d’inverno!

Scaloppine ai funghi, cipolle e carote
Stampa

Tanta bontà in un piatto. Le scaloppine ai funghi, cipolle e carote

Quanto sono gustose le scaloppine ai funghi, cipolle e carote? Se poi la preparazione è semplice, viene proprio voglia di farle una sera, per stuzzicare il palato dei nostri invitati a cena. Sapori e aromi s’intrecciano per offrire un bouquet sensoriale e gastronomico che di sicuro vi piacerà! Scopriamo insieme come preparare le scaloppine ai funghi, cipolle e carote per imparare una ricetta che non delude, mai.

Funghi, proprietà e benefici di questi alimenti poco calorici

In generale, per prima cosa dovete sapere che i funghi sono alimenti ipocalorici, fonti di minerali come fosforo, potassio, selenio e magnesio. Alleati del sistema immunitario, sono utili anche al sistema cardiovascolare. Siccome i funghi non contengono grassi e sono poco calorici, si adattano perfettamente a regimi alimentari dietetici.

I funghi contengono, inoltre, lisina e triptofano, vitamine del gruppo B e alcune sostanze antiossidanti, che aiutano nel combattere i radicali liberi e nel contrastare l’invecchiamento. Per aiutare l’organismo a difendersi meglio dal cambiamento di stagione i funghi sono spesso una valida risposta dal punta di vista culinario.

Scaloppine ai funghi, cipolle e carote

Nello specifico, poi, in 100 g di funghi porcini troviamo 26 calorie e principalmente acqua, proteine e fibra. Tra tutti i funghi, i più apprezzati sono probabilmente i porcini, carnosi e profumati, che s’iniziano a raccogliere tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, nei boschi di querce e di castagne.

Carote, che passione!

Lo sapevate che quest’ortaggio da radice, oltre a contenere vitamine e sali minerali, è un valido alleato per i nostri occhi? Infatti, grazie alla presenza del betacarotene e della vitamina A, le carote proteggono la vista. Inoltre, la presenza di vitamina C rende le carote degli ortaggi ricchi di antiossidanti, sostanze che contrastano i radicali liberi e l’invecchiamento. Il loro consumo è consigliato anche in caso di diarrea in quanto contengono la pectina, che agisce sul buon funzionamento dell’intestino. Oltre alle numerose proprietà, le carote vantano innumerevoli utilizzi in cucina: versatili e semplici da preparare, possono di certo stimolare la vostra creatività e fantasia!

Ed ecco la ricetta delle scaloppine ai funghi, cipolle e carote

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr di scaloppine di vitello
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 2 carote
  • 1 limone bio
  • 400 gr di funghi porcini
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • q.b. di farina di riso,
  • q.b. sale e pepe nero

Preparazione

Mondate la cipolla, affettatela a velo e mettetela in una padella antiaderente con l’olio extravergine di oliva caldo e le carote mondate e tagliate a piccoli dadini.

Lasciate cuocere, mescolando, per 5 minuti e poi aggiungete i funghi mondati e tagliati a fettine.

Regolate di sale e cuocete per altri 5 minuti, quindi togliete gli ortaggi dal tegame di cottura e metteteli da parte.

Nel loro fondo di cottura mettete le scaloppine di vitello in precedenza passate nella farina di riso; lasciatele rosolare da ambo i lati, regolate di sale e rimettete nel tegame gli ortaggi messi da parte e cuocete per altri 2 minuti.

Infine, servite il tutto in tavola guarnendo con la scorza grattugiata del limone biologico e spolverizzate con il pepe nero.

Buon appetito!

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


29-01-2019
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti