bg header
logo_print

Scaloppine ai funghi e cipolle, un secondo invernale

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Scaloppine ai funghi, cipolle e carote
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4/5 (1 Recensione)

Tanta bontà in un piatto. Le scaloppine ai funghi, cipolle e carote

Quanto sono gustose le scaloppine ai funghi e cipolle? Se poi la preparazione è semplice, viene proprio voglia di farle una sera, per stuzzicare il palato dei nostri invitati a cena. Sapori e aromi s’intrecciano per offrire un bouquet sensoriale e gastronomico che di sicuro vi piacerà! Scopriamo insieme come preparare le scaloppine ai funghi, cipolle e carote per un secondo piatto di carne che non delude, mai.

Le carote arancioni sono ortaggi preziosi. A prescindere dal gusto, che può piacere o non piacere (ma in genere piace) presentano proprietà nutrizionali notevoli. Il riferimento è in particolare all’apporto di vitamine, che è straordinario. Le carote contengono grandi quantità di vitamina C (che rafforza il sistema immunitario), B, E e soprattutto vitamina A. Proprio la presenza della vitamina A ha alimentato la diceria, vera in parte, secondo cui le carote fanno bene alla vista. Questo ortaggio è anche ricchissimo di sali minerali, e in particolare di potassio, fosforo, calcio, magnesio, selenio, ferro, zinco e rame.

Un’altra nota fondamentale delle carote è la presenza del β-carotene, una sostanza davvero interessante. Il β-carotene è un precursore della vitamina A a carattere antiossidante, capace di stimolare la crescita cellulare. Insieme alla luteina e alla zeaxantina esercita una funzione di equilibrio dei meccanismi intestinali, produce un’azione depurativa, contribuisce ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo, protegge la vista e si rivela utile per prevenire le malattie acute dell’apparato digerente (ad esempio le coliti).

Lo sapevate che quest’ortaggio da radice, oltre a contenere vitamine e sali minerali, è un valido alleato per i nostri occhi? Infatti, grazie alla presenza del β-carotene e della vitamina A, le carote proteggono la vista. Inoltre, la presenza di vitamina C rende le carote degli ortaggi ricchi di antiossidanti, sostanze che contrastano i radicali liberi e l’invecchiamento. Il loro consumo è consigliato anche in caso di diarrea in quanto contengono la pectina, che agisce sul buon funzionamento dell’intestino. Oltre alle numerose proprietà, le carote vantano molti utilizzi in cucina: versatili e semplici da preparare, possono di certo stimolare la vostra creatività e fantasia!

Ricetta scaloppine ai funghi e cipolle

Preparazione scaloppine ai funghi e cipolle

  • Per preparare le scaloppine di vitello iniziate pulendo con molta cura i funghi. Ricordate che se utilizzate i porcini la pulizia è un particolare a cui dovete mettere molta attenzione. Non andrebbero mai lavati ma solo spazzolati molti bene. Se utilizzate li champognon l’operazione è più facile.
  • Mondate la cipolla, affettatela a velo e mettetela in una padella antiaderente con l’olio extravergine di oliva caldo e le carote mondate e tagliate a piccoli dadini.
  • Lasciate cuocere, mescolando, per 5 minuti e poi aggiungete i funghi tagliati a fettine. Infarinate le fettine di carne.
  • Regolate di sale e cuocete per altri 5 minuti, quindi togliete gli ortaggi dal tegame di cottura e metteteli da parte.
  • Nel loro fondo di cottura mettete le fettine di vitello in precedenza passate nella farina di riso; lasciatele rosolare da entrambi i lati, regolate di sale e rimettete nel tegame gli ortaggi messi da parte e cuocete per altri 2 minuti.
  • Infine, servite il tutto in tavola guarnendo con la scorza grattugiata del limone biologico e spolverizzate con il pepe nero.
  • Le vostre scaloppine di vitello sono pronte e buon appetito!

Ingredienti scaloppine ai funghi e cipolle

  • 600 gr di fettine di vitello
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 2 carote
  • 1 limone bio
  • 400 gr di funghi champignon o porcini
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di farina di riso
  • q. b. di sale e di pepe nero

Funghi, proprietà e benefici di questi alimenti poco calorici

Le scaloppine ai funghi e cipolle ci offrono l’opportunità di parlare di un alimento molto usato nelle ricette: i funghi. Per prima cosa dovete sapere che i funghi sono alimenti con poche calorie, fonti di minerali come fosforo, potassio, selenio e magnesio. Alleati del sistema immunitario, sono utili anche al sistema cardiaco. Siccome i funghi non contengono grassi e sono poco calorici, si adattano perfettamente a regimi alimentari dietetici.

I funghi contengono, inoltre, lisina e triptofano, vitamine del gruppo B e alcune sostanze antiossidanti, che aiutano nel combattere i radicali liberi e nel contrastare l’invecchiamento. Per aiutare l’organismo a difendersi meglio dal cambiamento di stagione i funghi sono spesso una valida risposta dal punta di vista culinario.

Scaloppine ai funghi, cipolle e carote

Nello specifico, poi, in 100 g di funghi porcini troviamo 26 calorie e principalmente acqua, proteine e fibra. Tra tutti i funghi, i più apprezzati sono probabilmente i porcini, carnosi e profumati, che s’iniziano a raccogliere tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, nei boschi di querce e di castagne.

Con il loro profumo, i porcini, presenti puntualmente sulle tavole dei nostri avi sin dai tempi più remoti, rappresentano uno degli ingredienti più pregiati e ricchi che la nostra cucina conosca. Alimento principe della gastronomia locale dei vari luoghi in cui fanno la loro gradita presenza, i porcini più di qualsiasi altro fungo al mondo si prestano all’ essiccazione.

Composti da quasi il 90% di acqua, i funghi porcini garantiscono un apporto calorico trascurabile, esattamente come gli ortaggi e le verdure, nelle cui categorie non è facile annoverarli. Ricercati, raffinati, i funghi porcini hanno proprietà nutrizionali e di gusto davvero apprezzabili che li rendono un prezioso alleato per la nostra salute.Vi posso garantire che le scaloppine ai funghi sono un secondo che piace proprio a tutti! Potete utilizzare anche i funghi secchi. Vi basterà reidratarli e sciacquarli molto bene.

Vi consiglio anche le scaloppine al vino bianco e funghi sono un secondo piatto di carne leggermente diverse dalla ricetta classica, ma in grado comunque di farsi apprezzare da tutti i palati. La differenza principale risiede nell’assenza di limone, che viene sostituito dal vino bianco e dai funghi.

La carne di vitello fa male?

Le scaloppine ai funghi e cipolle andrebbero preparate con la carne di vitello, se con un taglio magro come la fesa, lo scampone, la noce. Quando si parla di questo tipo di carne sorgono sempre dei dubbi sulla sua salubrità e sull’impatto nei confronti dell’organismo, insomma ci si chiede: fa male? Come per ogni alimento è la dose a fare il veleno. Se viene consumata con prudenza, e magari non più di due volte a settimana, è alquanto sicura. Invece, se si abusa si potrebbero correre dei rischi a causa dell’abbondanza di grassi saturi e di alcune sostanze in linea teorica cancerogene.

Per il resto siamo di fronte a un tipo di carne poco calorico, che non va oltre le 140 kcal per 100 grammi, ricco di proteine e di vitamine del gruppo, che interagiscono a vario titolo con il metabolismo energetico. La carne di vitello contiene anche il ferro, una sostanza fondamentale per garantire la corretta ossigenazione del sangue, soprattutto se si soffre di anemia.

La regina delle cipolle: la cipolla rossa di Tropea

La lista degli ingredienti delle scaloppine ai funghi comprende anche le cipolle, che insieme alle carote formano il soffritto classico. Vi consiglio di utilizzare la cipolla rossa di Tropea, in modo da conferire al piatto una raffinatezza spiccata e un sapore più delicato. Stiamo infatti parlando di una varietà aromatica ma leggera, che in linea di massima potrebbe essere anche consumata al crudo (infatti viene impiegata spesso per le insalate estive).

La cipolla rossa di Tropea eccelle anche dal punto di vista nutrizionale. Il riferimento è all’abbondanza di antocianine, sostanze che da un lato determinano il colore tendente al viola, e dall’altro esercitano una buona azione antiossidante. In virtù di ciò aiutano a prevenire il cancro, rallentano l’invecchiamento e inibiscono i radicali liberi. Per il resto troviamo gli stessi macronutrienti che caratterizzano le cipolle bianche, dorate etc.

Come accompagnare le scaloppine con funghi

Le scaloppine ai funghi e cipolle sono un secondo di carne rossa, e come tale andrebbe accompagnato con un vino rosso e corposo. Tuttavia, spicca per la delicatezza e per una raffinata armonia tra i sapori, dunque si lascia accompagnare anche dai vini di media struttura tendenti al dolce e dal profumo fruttato. Le soluzioni a disposizione, anche senza andare oltre l’Italia, sono numerose. I più famosi e indicati sono il Sangiovese, il Pinot Nero, il Merlot, il Barbera e il Dolcetto.

Al limite è possibile associare anche un vino bianco, purché anch’esso spicchi per le note fruttate e non si riveli troppo secco. Un buon abbinamento è quello con il Pinot Grigio, il Chardonnay, il Verdicchio, il Soave, il Cortese di Gavi, il Fiano di Avellino, il Greco di Tufo e il Vernaccia di San Gimignano.

Le scaloppine, un mondo da scoprire

Quello delle scaloppine è un mondo da scoprire. Più che di una ricetta, infatti, stiamo parlando di una classe di ricette, o per meglio dire di un punto di partenza per preparare in poco tempo dei secondi leggeri e raffinati. Di base può essere definita “scaloppina” qualsiasi fetta di carne infarinata e cotta in padella su un fondo cottura, che si trasforma in salsa o condimento.

Le scaloppine sono in genere di vitello, ma possono essere realizzate con una qualsiasi altra carne magra, come il pollo o il tacchino (è invece sconsigliato il maiale). Possono essere condite in maniera classica, ossia con i funghi e con il succo di limone (come accade nella ricetta che vi presento).

Le scaloppine possono essere arricchite anche con salsine fuori dal comune, che danno vita ad abbinamenti singolari, come la crema di carote. Possono andare incontro ad una sfumatura che impatta anche sul sapore finale. In questo caso si opta quasi sempre per il vino bianco, che fa pendant con la delicatezza della carne. Il gusto, la raffinatezza e la versatilità delle scaloppine le ha rese un must per i ristoranti di ogni ordine e grado, dai più rustici ai più prestigiosi.

FAQ sulle scaloppine ai funghi e cipolle

Quale taglio di carne si usa per le scaloppine?

Per le scaloppine si usa in genere un taglio di carne che produce delle fettine magre, sottili e tenere. Vanno bene, per esempio, lo scamone, la noce, la fesa e il filetto.

Come si lavano i funghi?

Più che lavati, i funghi vanno spazzolati a dovere in modo da eliminare i residui di terra dalle molte pieghe e rientranze. L’uso dell’acqua è sconsigliato in quanto alcuni funghi (tra cui i porcini) si comportano come una spugna, quindi si impregnano e acquisiscono una consistenza molliccia, poco gradevole al palato.

Quante calorie hanno le scaloppine con i funghi?

Considerando gli ingredienti in gioco e le quantità, una porzione di scaloppine con i funghi dovrebbe aggirarsi sulle 300 kcal. Dunque, siamo di fronte a un secondo poco calorico, oltre che squisito.

Come si fanno le scaloppine di vitello?

Per preparare le scaloppine di vitello è necessario rosolare la carne già cosparsa di farina su un fondo di un soffritto classico. Poi si reintegra il soffritto e si prosegue la cottura per qualche altro minuto, infine si condisce con il pepe nero e con la scorza grattugiata di limone.

Ricette di scaloppine ne abbiamo? Certo che si!

4/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata con arrosto di alce

Insalata con arrosto di alce, un secondo intenso...

Cosa sapere sulla carne di alce La ricetta dell'insalata con arrosto di alce ci permette di spendere qualche parola sulla carne di alce, così poco diffusa dalle nostre parti eppure così buona. Il...

Hamburger di verdure grigliate

Hamburger di verdure grigliate, un’alternativa vegetariana

Quali verdure usare per questo tipo di hamburger? L’hamburger di verdure grigliate si basa proprio su questi ultimi ingredienti per dare vita ad un secondo piatto davvero gustoso. Quali verdure è...

Lumache fritte

Lumache fritte, un finger food per stupire

Una panatura semplice ma efficace E’ proprio la panatura a qualificare come facile questa ricetta con lumache fritte. La impanatura è formata da farina, uova sbattute con sale e pepe,...