bg header

Fregola con vongole, un primo tra mare e terra

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Fregola con le vongole

Fregola con vongole, un piatto dal sapore rustico

La fregola con vongole è un primo piatto tipico della cucina sarda e dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non si utilizzano le linguine, o un tipo qualsiasi di pasta lunga o corta, bensì la fregola sarda . Si tratta di un formato di pasta della tradizione sarda che assomiglia al nostro semolino, anche se per certi versi rievoca il cous cous. E’ un tipo di pasta molto versatile, che può valorizzare diversi condimenti, sia di mare che di terra. La fregola, vista la sua forma minuta, può essere cotta insieme al suo condimento. Anzi è proprio questa la modalità di preparazione che più gli si addice, permettendo una commistione di sapori più efficace.

Per questa ricetta vi consiglio una fregola particolare che non è preparata con semola di grano dura. E’ diversa e capace di esprimere al meglio la tradizione sarda, ossia la fregola de il Molino Conti, distribuita da P&T, un’associazione che promuove i migliori prodotti dedicati agli intolleranti e ai celiaci. Si tratta di una fregola pensata appositamente per chi soffre di disturbi dell’assorbimento del glutine. E’ infatti realizzata con la farina di riso e di mais, che sono naturalmente gluten-free. Queste farine spiccano anche per il gusto, che consente una marcata aderenza alla preparazione originale, pur dando vita a sentori più delicati. La fregola de il Molino Conti è la dimostrazione di come questa azienda sia in grado di aprire una finestra sulle migliori tradizionali locali, pur in una prospettiva di accessibilità verso chi soffre di intolleranze.

Ho scoperto da poco che esiste anche in versione verde con cui ho preparato la fregola alla spirulina con verdure croccanti. Un piatto che coniuga il rispetto della tradizione con la voglia di sperimentare. E’ una zuppa alla fregola, come se ne preparano tante in Sardegna, ma è realizzata con la fregola alla spirulina, frutto dell’unione con la celebre alga azzurra. Essa garantisce un sapore più sapido, che ricorda i frutti di mare, oltre a fornire un carico di principi attivi che fanno bene alla salute.

Tutti i pregi nutrizionali delle vongole

Le vongole  sono le vere protagoniste di questa fregola. Stiamo parlando di un mollusco bivalve, che è tra le specie ittiche più apprezzate in cucina. In occasione di questa ricetta le vongole vengono adeguatamente spurgate in acqua e sale, e riscaldate per favorire l’apertura, infine vengono cotte nel vino. Successivamente una parte, privata del guscio, viene preparata insieme agli altri ingredienti e alla fregola. La restante parte, invece, viene aggiunta a fine preparazione con il guscio a mo’ di guarnizione.

Fregola con le vongole

La presenza delle vongole è giustificata ovviamente dal loro sapore delicato e peculiare, ma anche dalle loro proprietà nutrizionali. Sono poco caloriche, molto proteiche e contengono anche una certa quota di carboidrati. Eccellono anche in vitamine e sali minerali. In particolare si segnala la presenza della vitamina B6, come anche il calcio, il ferro, il magnesio e il potassio. Inoltre contengono parecchio sodio, quindi è consigliabile salare moderatamente gli ingredienti.

Vi state chiedendo come pulire le vongole? Sicuramente, abbiamo a che fare con un mollusco molto amato, che conquista adulti e bambini, e che può rivelarsi l’ingrediente di moltissime preparazioni dal sapore di mare… dai sughi ai sauté, dalle zuppe ai risotti. Il nome di questo alimento ha lontane origini e, infatti, deriva dal latino e il suo significato è “conchiglia”. In effetti, questa traduzione è a dir poco perfetta, non credete? Ma la domanda che ci poniamo oggi è: come possiamo eseguire una corretta pulizia?

Innanzi tutto, acquistatele fresche e di qualità (le migliori sono quelle veraci, ma anche quelle comuni sono ottime) e ricordate che quando sono aperte o rotte non sono buone: in questi casi, purtroppo, la vongola all’interno del guscio è morta e non dovrà essere consumata. Con queste importanti premesse, potrete passare alla pulizia delle vongole subito dopo l’acquisto, buttando via quelle morte per poi passare alla cottura o alla conservazione.

Il delicato contributo del prezzemolo

Il prezzemolo gioca un ruolo diverso dal solito nella fregola sarda con le vongole. Infatti non viene usato a fine preparazione per insaporire il piatto, ma piuttosto funge da ingrediente vero e proprio. Viene rosolato nell’olio per poi ospitare gli altri ingredienti come i pelati, la fregola, le vongole e la loro acqua di cottura. In questo modo si ottiene una commistione di sapori più efficace e il piatto risulta  molto più gustoso.

Il prezzemolo contribuisce inoltre ad aumentare la profondità nutrizionale del piatto. Essendo presente in dosi leggermente superiori al normale, trasferisce su di esso buona parte delle sue eccellenti proprietà. Il riferimento è all’abbondanza di vitamine, e in particolare della vitamina C, della A e della K. Stesso discorso per i sali minerali, e soprattutto per il calcio e il potassio. Il prezzemolo è anche ricco di acido folico, una sostanza fondamentale per la salute dell’organismo. Infine si caratterizza per l’abbondanza di antiossidanti, per la funzione diuretica e per la presenza del betacarotene.

I puristi solitamente non cedono alle tentazioni e ammettono modifiche alle ricette originari. Sono convinta che la variante gustosa che propongo oggi è indicato per l’estate e non rimarranno delusi. Non esistono solo gli spaghetti alle vongole ! Oggi un primo piatto tipico della Sardegna .

Ecco la ricetta della fregola con vongole:

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr. di fregola di Molino Conti,
  • 1 kg. di vongole,
  • 200 gr. di pomodori pelati o passata di pomodoro,
  • 2 spicchi di aglio,
  • q. b. di olio extravergine di oliva,
  • 100 gr. di vino bianco,
  • q. b. di prezzemolo tritato,
  • una manciata di sale grosso,
  • q. b. di sale fino e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della fregola spurgate le vongole immergendole in acqua fredda e sale grosso affinché si spurghino per bene e lasciate in ammollo per qualche ora. Una volta che sono spurgate lavatele sotto l’ acqua corrente. Poi prendete una padella, versate un po’ d’olio, soffriggete leggermente l’aglio e fateci insaporire le vongole scolate con cura. Infine aggiungete il vino e continuate a cuocere con il coperchio per circa 10 minuti, ossia il tempo necessario affinché le vongole si aprano. In una pentola a parte scaldate nuovamente un po’ di olio d’oliva, unite l’aglio e fatelo rosolare brevemente. Poi togliete l’aglio e mettete il prezzemolo.

Continuate così per pochi minuti, poi aggiungete i pomodori pelati e regolate con un po’ di sale e un po’ di pepe. Scolate nuovamente le vongole, senza buttare il liquido di cottura, e togliete il guscio a circa metà di esse. Ora aggiungete la fregola nel sugo di pomodoro, integrate il liquido di cottura delle vongole (ben filtrato) e lasciate cuocere per qualche minuto mescolando di tanto in tanto. Quando la fregola e il sugo sono quasi pronti, unite le vongole private del guscio e fate scaldare ancora per poco (circa 14 minuti). A cottura ultimata, impiattate guarnendo con l’altra metà delle vongole (con il guscio) e servite questa pasta tipica sarda ben calda.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

2 commenti su “Fregola con vongole, un primo tra mare e terra

  • Gio 12 Ago 2021 | Bruno ha detto:

    La fregola è molto buona, con i frutti di mare poi…

    • Gio 12 Ago 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Bruno sono in Sardegna in vacanza e sto provando varie ricette. Ne scoverò di nuove per voi!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...

Pici con le briciole

Pici con le briciole, il primo rustico della...

I differenti tipi di pici I pici con le briciole sono il simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina toscana, sono realizzati con farina, acqua e sale. L’impasto viene poi tirato a...

logo_print