A tavola con i semi di papavero , più versatili di quanto pensi

Cosa porto in tavola? I semi di papavero!

Trovare piatti “nuovi” e sfiziosi non è sempre facile, soprattutto quando andiamo di corsa, ma con un pizzico (o più) di semi di papavero… tutto può cambiare in meglio! Con tanti impegni che si accavallano in una vorticosa ed inebriante routine quotidiana, potrete comunque imparare a usare più spesso questi golosi semi. Grazie alla scuola di cucina di NonnaPaperina.it, potrete dare alle vostre pietanze un tocco originale, un gusto particolare e un aroma a dir poco gradevole. Pronti per fare questo viaggio?

I semi di papavero sono oleosi, ricchi di vitamine e minerali, e facilmente reperibili nei supermercati. Pertanto, diventeranno ben presto il vostro asso nella manica. Ad oggi, non sono note particolari intolleranze nei confronti di questo alimenti tuttavia contengono nichel, e sappiamo bene quanto questo possa influenzare chi soffre di disturbi.

In questo articolo, vi darò alcuni spunti e consigli. Il resto… lo scoprirete seguendo gli aggiornamenti della scuola di cucina!

Cosa facciamo con questi semi?

Una volta acquistati i semi di papavero al supermercato, sarà ora di farli uscire dalla dispensa e mettersi alla prova per stupire amici e parenti con piatti dal sapore unico. Sicuramente, siete tutti pronti a cimentarvi in ogni tipo di preparazione e sperimentazione, ma voglio comunque darvi qualche suggerimento utile. Una portata che vi consiglio per iniziare – e che verrà certamente apprezzata da tutti – è questa: un buon piatto colmo di muffin al Parmigiano Reggiano con prosciutto!

semi di papavero

Questa pietanza piacerà a ogni ospite, anche ai più piccoli, e terrà alla larga i sintomi scatenati dalle intolleranze. Nel caso avanzasse, potrà essere proposta il giorno dopo a chi ama la colazione salata. Vi propongo inoltre le crocchette di ceci e rosmarino, dove i semi di papavero daranno quel tocco di bontà e croccantezza in più. Ad ogni modo, non dimenticate che i ceci dovranno essere stati a bagno per 12 ore prima della cottura. Quindi, dovrete organizzarvi per tempo! Qualunque sia la vostra scelta, questi piccoli e sfiziosi semi conferiranno al vostro pasto un’ulteriore dose di sali minerali e vitamine.

Le alternative? Sì, ci sono: ecco altre indicazioni utili per chi desidera portare in tavola i semi di papavero

A questo punto, avrete assaporato questo ingrediente in due ricette semplici e adatte persino agli intolleranti al lattosio e ai celiaci… Questo vuol dire che è arrivato il momento di sperimentare! Useremo i semi di papavero in tante ricette e, grazie a questa scuola di cucina virtuale, imparerete a utilizzarli con estrema sicurezza, aggiungendo a ogni piatto una valida fonte di vitamina E, manganese, calcio e acido linoleico (omega 6), ma anche un effetto sedativo e calmante per la mente.

In generale, questi alimenti si presentano come un tocco sfizioso in grado di stupire tutti e si rivelano perfetti ad esempio in un’insalata mista (magari ai lamponi!), nei frullati di frutta e in tantissimi prodotti da forno.

Se perciò desiderate preparare dei panini fatti in casa, potrete semplicemente cospargere i semi di papavero su di essi e… infornare! In poco tempo, vi renderete conto di aver a che fare con ingredienti ottimi per preparare tante differenti pietanze. Restate connessi per scoprire in quanti modi potrete usare questi semi!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *