Scopri quanto benessere è racchiuso nei semi di chia

A tavola con i semi di chia

Al giorno d’oggi, i semi di chia sono sempre più diffusi, sempre più noti per le loro proprietà e vengono usati molti più spesso rispetto agli anni passati.

Grazie a numerose ricerche, è aumentata la nostra consapevolezza a riguardo e, sappiamo che si ricavano da una pianta erbacea di nome Salvia Hispanica, originaria del Messico, che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae.

Gli esperti hanno portato alla luce numerosi motivi per portare in tavola i semi di chia e, principalmente, ci fanno sapere che questo alimento è una rilevante fonte di acidi grassi essenziali, quali omega 3 e omega 6, utili per il benessere del nostro cuore e di tutto il sistema cardiocircolatorio.

Pertanto, è ovvio che ci aiutano a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e a prevenire numerose patologie. La popolazione atzeca li utilizzava già molto tempo fa, come un cibo alla base della loro alimentazione… Oggi tocca a noi!

Le altre potenzialità di questi semi

Questo alimento è ricco di proteine, grassi sani e fibre; propone minerali importanti per il nostro organismo, come ad esempio il potassio, il calcio, il ferro, il magnesio, il fosforo, lo zinco e il selenio, ma anche notevoli dosi di vitamina A, B1, B2, B3, C ed E.

Secondo le ricerche, i semi di chia sono potenti antiossidanti e possono quindi allontanare molte malattie e prevenire tumori. Rallentare il naturale processo di invecchiamento cellulare e contrastare i danni arrecati dai radicali liberi.

Semi di chia

Gli esperti affermano inoltre che, essendo ricchi di fibre, i semi di chia possono essere aggiunti a molte delle nostre pietanze, aumentando il senso di sazietà e favorendo così il controllo o la perdita di peso.

Sembra che possano aiutare ad equilibrare i livelli di zuccheri nel sangue, permettendo di evitare i picchi glicemici tipici del diabete di tipo 2. Non contengono glutine, possono aiutare a regolare la pressione e apportare benefici alle ossa e vantano notevoli proprietà disintossicanti.

E adesso… usiamo i semi di chia nelle nostre ricette!

Ultimamente, questo piccoli semi vengono utilizzati principalmente da coloro che seguono una dieta vegana o vegetariana.

Tuttavia, questo non ci vieta di portarli in tavola e offrirli anche a coloro che hanno uno stile alimentare completamente diverso! Anzi, come abbiamo visto, i semi di chia sono un toccasana per l’organismo e possono arricchire tantissime pietanze, sia da un punto di vista nutrizionale che organolettico.

Possiamo iniziare a consumare i semi di chia nelle insalate e nello yogurt, ma anche usare il salutare olio da essi ricavato.

Sappiate inoltre che sono perfetti per la preparazione di golosi e genuini budini con prugne e mandorle, con lamponi, con mandorle e bacche di Goji, con frutta secca o con muesli e semi di melograno.

Questo alimento è ottimo persino per la preparazione delle schiacciatine di mais con formaggio, dei pancakes e dell’acqua aromatizzata con melone.

Provate anche la crema Cacao con semi di chia e la confettura di mango ai semi di chia!

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Nota per l’intolleranza al nichel

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *