Scopri quanto benessere è racchiuso nei semi di chia

Semi di chia
Commenti: 0 - Stampa

A tavola con i semi di chia

Al giorno d’oggi, i semi di chia sono sempre più diffusi, sempre più noti per le loro proprietà e vengono usati molti più spesso rispetto agli anni passati.

Grazie a numerose ricerche, è aumentata la nostra consapevolezza a riguardo e, sappiamo che si ricavano da una pianta erbacea di nome Salvia Hispanica, originaria del Messico, che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae.

Gli esperti hanno portato alla luce numerosi motivi per portare in tavola i semi di chia e, principalmente, ci fanno sapere che questo alimento è una rilevante fonte di acidi grassi essenziali, quali omega 3 e omega 6, utili per il benessere del nostro cuore e di tutto il sistema cardiocircolatorio.

Pertanto, è ovvio che ci aiutano a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e a prevenire numerose patologie. La popolazione atzeca li utilizzava già molto tempo fa, come un cibo alla base della loro alimentazione… Oggi tocca a noi!

Le altre potenzialità di questi semi

Questo alimento è ricco di proteine, grassi sani e fibre; propone minerali importanti per il nostro organismo, come ad esempio il potassio, il calcio, il ferro, il magnesio, il fosforo, lo zinco e il selenio, ma anche notevoli dosi di vitamina A, B1, B2, B3, C ed E.

Secondo le ricerche, i semi di chia sono potenti antiossidanti e possono quindi allontanare molte malattie e prevenire tumori. Rallentare il naturale processo di invecchiamento cellulare e contrastare i danni arrecati dai radicali liberi.

Semi di chia

Gli esperti affermano inoltre che, essendo ricchi di fibre, i semi di chia possono essere aggiunti a molte delle nostre pietanze, aumentando il senso di sazietà e favorendo così il controllo o la perdita di peso.

Sembra che possano aiutare ad equilibrare i livelli di zuccheri nel sangue, permettendo di evitare i picchi glicemici tipici del diabete di tipo 2. Non contengono glutine, possono aiutare a regolare la pressione e apportare benefici alle ossa e vantano notevoli proprietà disintossicanti.

La salute e la genuinità dell’olio di semi di chia

Conosciamo bene la pianta e i suoi semi, e adesso anche l’olio di semi di chia sta diventando noto, apprezzato e utilizzato in tutto il mondo. Il motivo di tutto questo è dato decisamente dalle innumerevoli proprietà di questo alimento, che lo rendono un vero e proprio rimedio naturale polivalente e utile per trattare numerose problematiche.

Pertanto, oggi andremo a conoscere a fondo quest’olio e le sue potenzialità, con l’intento di aiutarvi a comprendere se e come potrebbe esservi d’aiuto. Ad ogni modo, trattandosi anche di un integratore naturale molto potente, non dimenticate che può rivelarsi sicuramente un alleato per la prevenzione di numerose problematiche e patologie… A questo proposito, andiamo subito ad analizzarlo nel dettaglio e a scoprire cosa può fare per noi.

Tutte le caratteristiche dalla pianta dalla quale viene estratto

Per capire le potenzialità di questo rimedio naturale, è opportuno partire dall’inizio, ovvero dalla Salvia Hispanica. Quest’ultima appartiene alla famiglia della menta, viene dal sud dell’America ed è proprio la pianta che ci regala i portentosi e noti semi di chia. Questi semi venivano usati anche dall’antica popolazione dei Maya, che usufruivano del loro naturale potere energizzante: non a caso, la parola “chia” fa parte della loro lingua e vuol dire “forza”.

Attualmente, questi alimenti vengono definiti “super-food” e da essi si estrae appunto l’olio di semi di chia, che si rivela un concentrato di proprietà e benefici per la salute. Sappiamo che quest’olio e i semi dal quale viene ricavato sono ipocalorici, nutrienti, energici e ricchi di fibre, proteine e grassi vegetali (in gran parte Omega 3). Questi alimenti si presentano anche come un concentrato di manganese, calcio, magnesio e fosforo.

Sono anche una buona fonte di vitamina B1, B2, B3, zinco e potassio, e sono privi di glutine. Tutte queste sostanze nutritive permettono a quest’olio di vantare di interessanti proprietà antiossidanti e non solo. Pertanto, si rivelano un vero toccasana per la salute sotto moltissimi punti di vista.

In cucina con l’olio di semi di chia

Questo rimedio naturale può essere facilmente inserito nella nostra alimentazione. Molti preferiscono consumare direttamente i semi, mentre altri utilizzano l’olio per condire i propri pasti. In ogni caso, è opportuno rispettare la dose raccomandata che è di 20 grammi al giorno, ovvero un totale di 3 cucchiai semi di chia. Con questa piccola aggiunta possiamo davvero cambiare la nostra vita.

Infatti, grazie alla giusta dose di olio di semi di chia, possiamo aumentare il senso di sazietà, mangiare molto meno e perdere peso, migliorare le funzioni intestinali e la salute metabolica, offrire proteine di qualità al nostro corpo (utili in particolare a vegani e vegetariani, ma anche per gli atleti), proteggere il sistema cardiovascolare, ridurre il rischio di diabete di tipo 2 e rinforzare le ossa.

Che dire di più? Si tratta di un rimedio davvero unico e di un integratore naturale da non sottovalutare!

E adesso… usiamo i semi di chia nelle nostre ricette!

Ultimamente, questo piccoli semi vengono utilizzati principalmente da coloro che seguono una dieta vegana o vegetariana.

Tuttavia, questo non ci vieta di portarli in tavola e offrirli anche a coloro che hanno uno stile alimentare completamente diverso! Anzi, come abbiamo visto, i semi di chia sono un toccasana per l’organismo e possono arricchire tantissime pietanze, sia da un punto di vista nutrizionale che organolettico.

Possiamo iniziare a consumare i semi di chia nelle insalate e nello yogurt, ma anche usare il salutare olio da essi ricavato.

Sappiate inoltre che sono perfetti per la preparazione di golosi e genuini budini con prugne e mandorle, con lamponi, con mandorle e bacche di Goji, con frutta secca o con muesli e semi di melograno.

Questo alimento è ottimo persino per la preparazione delle schiacciatine di mais con formaggio, dei pancakes e dell’acqua aromatizzata con melone.

Provate anche la crema Cacao con semi di chia e la confettura di mango ai semi di chia!

Timballo di peperoni con patate, parmigiano, semi di chia e clorofilla di rucola

Per stupire gli ospiti, provate il timballo di peperoni con patate

Una preparazione altisonante, ma in realtà molto più semplice di ciò che sembra, è quella del timballo di peperoni con patate, parmigiano, semi di chia e clorofilla di rucola. Questa ricetta vegetariana, senza glutine e senza lattosio, si rivela la scelta ideale per fare un’ottima figura con gli ospiti, senza impegnarsi in maniera eccessiva. È una pietanza che non vi deluderà e che vede come principali protagonisti i peperoni, che fanno parte degli alimenti più ricchi di vitamina C, sali minerali e antiossidanti.

Data l’elevata presenza di acqua al loro interno, sono adatti anche ad una dieta ipocalorica. Le patate, che li accompagnano nella ricetta del timballo di peperoni con patate, parmigiano, semi di chia e clorofilla di rucola, sono perfette per controllare il senso di fame, grazie alle loro capacità sazianti. Favoriscono inoltre la diuresi, proprio come i peperoni e, aiutando ad alleviare le infiammazioni. Sono alimenti molto importanti per coloro che scelgono un sano regime alimentare.

E’ subito magia, gustosità e nutrimento!

Nel timballo di peperoni con patate, parmigiano, semi di chia e clorofilla di rucola è presente il noto formaggio stagionato, il cui sapore unico non è secondo a nessuno! Dato però l’importante apporto calorico, è consigliabile non eccedere ed essere sempre moderati nei dosaggi. Il parmigiano apporta all’organismo una quota essenziale di calcio, fondamentale soprattutto per i più piccoli nel corso della crescita. Sono tantissimi anche gli altri minerali e le vitamine che aggiunge ai nostri pasti.

Non è possibile dimenticarsi poi dei semi di chia, importanti fornitori non soltanto di calcio, ma anche di altri minerali e acidi grassi essenziali omega 3. Questi importanti ma piccoli componenti del timballo di peperoni con patate, parmigiano, semi di chia e clorofilla di rucola si presentano come una rilevante fonte di antiossidanti, saziano e collaborano con l’organismo per favorire la corretta motilità intestinale. Pare inoltre che siano coinvolti nel miglioramento dell’attività di tutto il sistema nervoso centrale.

La bontà del timballo di peperoni con patate

Per ultima, ma non meno importante, avremo a che fare con la clorofilla di rucola, ottenuta da questa pianta erbacea dalle caratteristiche antitumorali e antibatteriche. La sua ricchezza in vitamina C ne fa un ottimo alleato per il sistema immunitario, potenziandone gli effetti. Non contenendo grassi, questo immancabile tocco finale per il nostro timballo di peperoni con patate, parmigiano, semi di chia e clorofilla di rucola è l’ideale per insaporire ogni buon piatto ipocalorico.

Insomma, questa pietanza senza glutine né lattosio, adatta ad intolleranti e vegetariani, è davvero speciale, sotto ogni punto di vista. Il timballo di peperoni con patate, parmigiano, semi di chia e clorofilla di rucola sarà in grado di soddisfarvi appieno e di coinvolgere completamente ogni vostro ospite… Non vi resta che provarlo!

Ingredienti per 4 persone

  • 4 peperoni
  • 2 patate di dimensioni medio-grosse
  • 250 g di rucola
  • 80 g di parmigiano reggiano 36 mesi
  • 12 g di semi di chia
  • Noce moscata q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale e pepe q.b.

Preparazione

Pulite i peperoni e scottateli i peperoni in forno secco ventilato a 250° C per qualche minuto. Successivamente fateli raffreddare e rimuovetene la pelle.

Una volta pelati i peperoni tagliateli a listarelle e metteteli da parte.

Cuocete le patate in abbondante acqua salata e, una volta cotte, pelatele e tagliatele a dadini dallo spessore di circa 5 millimetri. Una volta tagliate le patate, conditele con olio, sale, pepe, noce moscata e parmigiano, aggiungendo un po’ d’acqua di cottura se troppo asciutto.

Sistemate i peperoni in uno stampo e all’interno unite le patate, coprendolo nuovamente con i peperoni.

Una volta formato il timballo, ponetelo in forno per 8 minuti circa a 175° C. Per ottenere la clorofilla di rucola dovrete semplicemente centrifugarla.

Impiattate il timballo unendo la clorofilla di rucola e olio extra-vergine di oliva.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una delle piante più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...

limone

Limone: usi nell’alimentazione e nella pulizia

La storia del limone. Si ritiene che il limone sia originario del sudest asiatico, forse della Malesia. Tutti i frutti di questa famiglia sono probabilmente originari del sudest asiatico,...

melanzane

La melanzana, un ortaggio molto versatile

Le proprietà nutrizionali delle melanzane Oggi vi parlo della melanzana, uno degli ortaggi più apprezzati in assoluto, protagonista di molte ricette, specie se afferenti alla tradizione...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-04-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti