Tradizionale Tè affumicato cinese: Lapsang Souchong

Lapsang Souchong
Commenti: 0 - Stampa

Che cos’è il Lapsang Souchong?.

Non è la prima volta che poniamo la nostra attenzione alle specialità asiatiche. Come sapete il mondo orientale e la scoperta di tradizioni così diverse ed affascinanti è uno dei nostri hobbies. Quest’oggi desideriamo proporvi la il tè nero cinese, noto col nome Lapsang Souchong. Il tè Lapsang Souchong ha i più alti livelli di caffeina. Il tè verde contiene meno caffeina.

Vi parliamo di un tè ossidato, particolarissimo. Una bevanda dotata di un sapore così peculiare che può essere solo amato oppure odiato. Il Lapsang Souchong è un tè chiamato anche Xiao Zhong in base alla varietà di Camellia Sinensis usata. Questo tè tradizionale, contraddistinto da un forte sapore di affumicato, è originario dei monti Wuyi, ubicate nella provincia del Fujian. Attualmente il culto e la tradizione di questo sono estesi a tutta la Cina del sud.

La leggenda narra che questo tè sia stato scoperto per caso quando, durante la dinastia Quind (agli inizi del 600), un esercito si fermò in un villaggio, soggiornando proprio in un edificio destinato originariamente alla lavorazione del tè. I soldati bloccarono i lavoratori del tè per troppi giorni, costringendoli poi a dover cercare metodi più veloci per essiccare il tè e disporre di un prodotto finito da vendere al mercato. Proprio questa necessità indusse i lavoratori all’idea di bruciare il legno di pino per favorire ed accelerare l’essiccazione del tè. Destino volle che questo tè, così particolare, divenne poi un successo ed il prodotto – proprio per il suo gusto affumicato – fu gradito e sempre più richiesto tanto da diventare caratterizzante.

Lapsang Souchong

Un successo che deriva da tempi antichi

Come abbiamo detto le origini di questa varietà di sembrano nascere dalla leggenda ma da allora il suo mito si è esteso ed il suo consumo ha valicato i confini nazionali. Tra gli estimatori di questo particolare , parrebbe esserci stata anche Caterina di Braganza, una nobile portoghese che sposò il principe Carlo II d’Inghilterra nel 1662. Proprio questa “illustre” fan del tè affumicato fu la responsabile della diffusione di questo nella Gran Bretagna, consumo che ancora oggi è piuttosto radicato e che può essere considerato parte integrante del culto inglese per il té.

Ovviamente, rispetto alle lavorazioni tradizionali, attualmente il tè viene prodotto in modo differente. Le foglie di tè vengono accatastate e lasciate essiccare con il fumo derivante dal fuoco di legno di pino. Dopo questa prima essiccazione, il tè viene trasferito in specifiche padelle, simili a dei wok e nuovamente affumicato. Nell’ultimo passaggio, alcuni prediligono l’utilizzo di fumo d’abete rosso.

Vi piacciono i tè dai sapori forti?

Se vi piace questo affumicato, potrete apprezzare il Souchong tipico di Taiwan, un tè affumicato dal gusto più morbido e dolce. Per preparare il Lapsang Souchong dovrete introdurre 3 grammi di foglie per tazza. Versate dell’acqua calda a 95° e, per un risultato ottimale, lasciate in infusione per 3 minuti.

Potrete gustare al meglio questo tè anche in occasione di una colazione salata, persino con salumi e pesce ma anche con uova e bacon. Ma questo tè è eccezionale anche con i dessert, per esempio con la torta al cioccolato.

Qualche idea per utilizzare questo favoloso tè

Calda vellutata di patate al tè Lapsang , da provare! . Quando le giornate si fanno più fredde ed uggiose ed i primi raffreddori ci irritano naso e gola, ci viene sempre più voglia di mangiare qualche bella pietanza calda e morbida per risollevare la giornata. Con questa vellutata di patate al tè Lapsang Souchong possiamo assaporare un piatto caldo, saporito, aromatico e nutriente. Se siete alla ricerca di un’idea giusta per un pranzo leggero, veloce, caldo e nutriente, la vellutata sarà la soluzione giusta.

Potrete anche proporre questa vellutata per cena, come primo, insomma quando preferite! Il porro avendo un aroma simile alla cipolla, lascia la sua impronta di sapore su questa vellutata. Il suo gusto, tuttavia, viene mitigato dalle patate ed esaltato dall’apporto di questo particolarissimo tè.

Il Risotto affumicato al tè lapsang e orata, lo si può notare già solo spulciando gli ingredienti, non è un semplice risotto. Certo, la presenza del the lo pone al di fuori della tradizione culinaria italiana, ma a marcare una differenza sostanziale è il processo di preparazione in sé. Nei risotti tradizionali, quelli italiani almeno, il riso viene adagiato su un “fondo” fatto in genere di verdure o altri ingredienti specifici.

Nel caso del risotto affumicato al the lapsang e orata, invece, il riso viene cotto praticamente da solo, semplicemente con il brodo. La ratio di questo processo consiste nel valorizzare il riso con il sapore del brodo, che nella fattispecie viene “potenziato” dall’infusione con il the lapsang. L’orata viene aggiunta solo in un secondo momento, e in un modo che non copre il sapore del riso precedente valorizzato proprio dal the.

L’ hummus di ceci profumato al tè Lapsang Souchong rappresenta una splendida idea per l’antipasto. In primis, dal punto di vista visivo: questa piccola pietanza appare come una vera e propria sinfonia cromatica. Lo è anche sotto il profilo nutrizionale e del gusto. Il merito va alla scelta degli ingredienti e al modo in cui vengono trattati. Si tratta, tra l’altro, di una ricetta semplicissima e rapida, pronta in pochi minuti.

L’hummus di ceci profumato al tè Lapsang Souchong, nonostante possa essere classificato come antipasto, è una pietanza completa. La melanzana e il pomodoro offrono vitamine, minerali, antiossidanti, fibre. L’hummus di ceci offre carboidrati e proteine. Alla luce di tutto ciò, potrebbe essere persino considerato come un primo piatto veloce!

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una pianta tra le  più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...

05-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti