bg header

Dorayaki: in arrivo dall’Oriente per la tua colazione

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Dorayaki

Dal Giappone alla vostra tavola, ecco i Dorayaki

Il Dorayaki si presenta come un delizioso dolce tradizionale giapponese, la cui ricetta risale al 1914. Prima di allora, la ricetta originale era costituita da un solo pancake di farina, uova e zucchero. L’attuale versione prevede invece ben due cialde, unite a mo’ di panino e farcite con una sfiziosa crema di fagioli azuki rossi. La nostra ricetta sarà un po’ diversa, senza glutine e lattosio, ma comunque molto sfiziosa…

Ho letto una curiosità su Wikipedia: In giapponese dora significa “gong”, e probabilmente la forma simile a quella dello strumento musicale ha dato origine al nome del dolce. La leggenda narra che un samurai di nome Benkei dimenticò il suo gong a casa di un contadino presso il quale si nascondeva, e che questi lo usò per preparare il primo dorayaki.

I dorayaki hanno acquistato fama in Occidente negli anni 80 grazie al cartone animato Doraemon, il gatto spaziale che amava mangiarli a merenda e, perché no, in qualsiasi altro momento della giornata! Quale bambino non ha mai desiderato scoprire che sapore avessero questi golosi pancake? Se avete dei figli, dei fratellini o dei nipoti più piccoli, certamente potrete chiedere loro cosa ne pensano… Ma solo preparando questi dolcetti, potrete rimanere tutti entusiasti nello scoprire quanto sia semplice prepararli in casa e quanto siano buoni!

Un dolce tradizionale realizzato con ingredienti semplici e genuini

Questi pancake semplicissimi e genuini si presentano come la pietanza ideale da gustare in una vera colazione giapponese o come spuntino pomeridiano o a metà mattinata. Sono ottimi persino da offrire come dessert dopo pasto. A differenza dei classici pancake americani, i dorayaki non contengono burro e olio, e dunque risultano, se vogliamo, persino meno calorici e più salutari. Acqua, farina, zucchero e uova fresche sono gli ingredienti principali da usare e presenti sicuramente nella dispensa di ogni casa.

dorayakiW

Tuttavia, come vedrete fra poco, la ricetta dei dorayaki che vi propongo è un po’ più particolare, ma non meno coinvolgente. Si rivelerà persino altamente nutriente ed energetica, facile da digerire e capace di conquistare tutti. Inoltre, è priva di lattosio e, invece del ripieno a base di fagioli rossi, useremo la marmellata di sambuco. Non a caso, la salsa agli azuki, chiamata tradizionalmente “anko”, è una crema molto simile alle confetture di frutta, ricche di vitamine, minerali e di un’altra valida dose di energia!

Preparate i dorayaki per sorprendere i vostri amici e familiari!

Così come i fagioli azuki, oltre a essere molto gradevoli al palato, sono un alimento benefico per la salute e contenente una innumerevole varietà di sali minerali, anche per la marmellata di sambuco vale la stessa cosa. Ad ogni modo, vi suggerisco di comprare un prodotto biologico e senza zucchero, oppure di preparare questa confettura con le vostre mani e rendere i vostri dorayaki ancora più buoni!

Seguendo passo dopo passo la ricetta che troverete fra poco, potrete realizzare dei soffici pancake da godervi in qualsiasi momento della giornata e in compagnia di chi amate di più. Infine… inutile dire che è possibile sbizzarrirsi con la fantasia e farcirli con salse diverse dalla marmellata di sambuco! Con i dorayaki sono ben gradite tutte le confettura di frutta e i bambini non potranno resistere dinnanzi a dei golosi pancake farciti con la crema alle nocciole… non credete? In ogni caso, il successo in è assicurato!

Ingredienti per 4 persone:

  • 100 gr. di farina di riso
  • 60 gr. di zucchero di canna
  • 60 ml di  latte intero consentito a temperatura ambiente
  • 2 cucchiai di miele millefiori
  • 2 uova medie
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • Confettura di sambuco o crema al cioccolato q.b.

Preparazione

Setacciate la farina con lo zucchero  ed il bicarbonato. Trasferite in una bacinella.

Mescolando con una frusta a mano, aggiungete le uova, il miele millefiori e l’acqua a temperatura ambiente. Continuate a mescolare fino ad ottenere una pastella liscia, senza grumi.

Scaldate una padella antiaderente a fuoco medio. Versate sulla stessa un mestolo di pastella e fate cuocere per circa 3 minuti. Utilizzando una spatola, alzate il Dorayaki e ruotatelo; fate cuocere per un minuto e trasferitelo su un piatto.

Eseguite questi passaggi fino ad esaurire tutta la pastella. Fate raffreddare completamente i Dorayaki e farciteli distribuendo un cucchiaio di marmellata sul dorso degli stessi e ricoprendoli poi con un altro dischetto. Potete preparare anche i Dorayaki alla nutella sostituendo la confettura.

VERSIONE TRADIZIONALE (vietata a intolleranti al glutine)

Ingredienti

  • 250 gr. di farina 00
  • 150 gr. di zucchero a velo
  • 190 gr. di acqua a temperatura ambiente
  • 20 gr. di miele millefiori
  • 2 uova
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • Marmellata a piacere o crema spalmabile al cioccolato o crema di nocciole

Il procedimento è lo stesso

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Brandade de Morue à la Nimoise

Brandade de Morue à la Nimoise: lo snack...

Tutto il sapore del baccalà Il protagonista di questa ricetta è il baccalà, che qui viene sottoposto a un trattamento particolare. Tanto per cominciare viene dissalato, ossia viene lasciato in...

Gulab jamun

Gulab jamun, i dolcetti al latte della tradizione...

Un impasto fuori dal comune L’impasto dei gulab jamun è fuori dal comune per almeno due motivi. In primo luogo perché viene valorizzato dal cardamomo, una spezia che raramente compare negli...

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...

logo_print