Polpo croccante, crema di patate, pomodorini: idea top

Polpo croccante
Commenti: 0 - Stampa

Quando Oriente e Occidente si uniscono

Il Polpo croccante, crema di patate, pomodorini è un piatto particolarmente curioso perché unisce la cultura culinaria dell’Est asiatico a quella dell’Occidente. Infatti, questa ricetta si arricchisce di ingredienti dal sapore intenso, ma anche nuovi in quanto la scenografia si gioca sul doppio filo dei colori e dell’effetto dove fanno capolino le alghe croccanti.

Sofisticato e di non facile preparazione, questo prodotto della cucina più ingegnosa merita un menù di pesce che coccoli i vostri commensali sia in inverno che in estate. Versatile negli abbinamenti e adattabile con diversi ortaggi, anche di origini orientali, il Polpo croccante, crema di patate, pomodorini può essere preparato anche per lusingare il vostro partner durante una cena speciale, come quella di San Valentino, o per viziare la vostra voglia di una pietanza raffinata dove intingere dei caldi crostini.

Partiamo dal polpo

Il polpo è un alimento salutare, in grado di fornire molti nutrienti al costo di un minimo apporto calorico, infatti 100 grammi di polpo forniscono solo 60 kcal (relativamente alla parte edibile). Il motivo di ciò risiede nell’esiguità dei grassi. I pochi che ci sono, poi, fanno parte della categoria dei grassi “buoni”. Il riferimento è agli acidi grassi omega tre, che impattano positivamente sull’apparato cardiovascolare, sulla funzione cognitiva e su quella visiva. Il polpo, dunque, può essere considerato come un alleato del cuore, al pari di altre specie ittiche.

Il polipo, però, non difetta nemmeno per quanto concerne i sali minerali e le vitamine. Anzi, è particolarmente ricco di fosforo, che giova soprattutto al sistema nervoso centrale, e di vitamina B12, che favorisce un’equilibrata produzione dei globuli rossi. Il polpo, infine, vanta anche concentrazioni significative di magnesio, selenio e ferro, utili soprattutto in caso di anemia. Stesso discorso per lo zinco, che gioca un ruolo fondamentale nel rafforzamento del sistema immunitario.

Per aromatizzare il piatto: le alghe croccanti

La scenografia di questo affascinante piatto è fondamentale e prevede l’uso di alghe: una novità per noi dell’Occidente, se consideriamo che spesso fatichiamo a introdurre nella nostra alimentazione gusti e sapori asiatici. Nel Polpo croccante, crema di patate, pomodorini, le alghe croccanti arricchiscono ed esaltano il sapore, oltre che dare un tocco d’effetto ad un piatto dal sapore tradizionale, ma non esagerate nella porzione, altrimenti coprite troppo i sapori.

Le alghe si trovano comunemente nei supermercati, anche in busta e già essiccate. Esistono diverse varietà, ma l’alga Konbu e la Lattuga di Mare sono molto impiegate in cucina. Le alghe sono dotate di tante proprietà nutrizionali: vitamine, proteine, antiossidanti e pochi grassi. Inoltre, nel Polpo croccante, crema di patate, pomodorini, le alghe croccanti creano un gioco di colori e ben si sposano con la crema di patate e i pomodorini.

Polpo croccante

Abbinamenti e consigli per il Polpo croccante, crema di patate, pomodorini

Questo piatto che profuma di Oriente è realizzato con la tecnica della cottura sottovuoto, quindi avrete il massimo sapore unito alla massima conservazione dei principi nutritivi degli ingredienti. Nel Polpo croccante, crema di patate, pomodorini non aggiungete ulteriori aromi o spezie, al massimo un filo di glassa all’aceto o agli agrumi, ma solo dopo che avete già impiattato gli ingredienti.

Il Polpo croccante, crema di patate, pomodorini si sposa bene con vini bianchi e freschi, non troppo frizzanti ma dal sapore leggero perché la ricetta è abbastanza corposa dal punto di vista del gusto. Per un tocco di classe che allieterà il palato dei vostri ospiti, corredate il piatto con dei caldi crostini da intingere nella vellutata di patate dove farà capolino il mollusco croccante e fumante!

Questo piatto si prepara con un mix di cottura: tradizionale e sottovuoto. La cottura sottovuoto a bassa temperatura è ideale per quasi tutti i tipi di alimenti, specie carne e pesce, che mantengono un gusto intenso e una versatilità unica.

Cuocendo ad una temperatura al di sotto dei 100 gradi, l’alimento rimane tenero e saporito, senza grassi. Il polpo della ricetta di oggi va cotto ad una temperatura di 80 gradi circa: alla fine, ne ammirerete estasiati i colori vividi e il profumo di mare.

Ingredienti per 6 persone:

  • 900 gr. di polpo
  • 100 gr. di porri
  • 600 gr. di patate
  • q.b. brodo vegetale
  • 400 gr. di pomodori datterini
  • 1 arancia
  • 2 fogli di alga nori
  • olio per friggere
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale

Preparazione:

Lavare bene il polpo, inserirlo in un sacchetto da cottura, condizionare sottovuoto, cuocere nel bagno termostatato a 82°C per 3 ore e raffreddare.

Tagliare i porri a cubetti, farli appassire in una casseruola con poco olio, unire le patate sbucciate e tagliate a cubetti, coprire con il brodo, salare, pepare, cuocere per 40 minuti e frullare. Lavare e tagliare i pomodorini a metà, disporli su una placca, condirli con olio, sale, e le scorza dell’arancia grattugiata, fare appassire in forno a 100°C per un’ora.

Prendere i fogli di alga e tagliare a julienne, friggere in olio e scolare su carta assorbente e tagliare il polpo a pezzetti e farlo rosolare in padella con poco olio.

Versare la crema di patate nei piatti di portata, adagiarvi il polpo e completare con i pomodorini e le alghe croccanti.

5/5 (612 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele… una vera...

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele? Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò...

coniglio farcito con le verdure

Il coniglio farcito con le verdure: una vera...

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti