Club Sandwich di cialde con mortadella

Club Sandwich di cialde con mortadella
Commenti: 0 - Stampa

Un club sandwich speciale.

Il Club Sandwich di cialde con mortadella e crema al prezzemolo è una vera passione per mio figlio Stefano, sarà per i suoi tre strati? Per la sua golosità? Non lo so, però è una di quelle ricette semplici che fanno la differenza quando si è affamati. Il mio Club sandwich di cialde con mortadella e crema al prezzemolo è ancora più divertente e gustoso.

Al posto del pane a cassetta ho provato a preparare delle soffici cialde di farina di riso, di piselli e di mais: una novità sorprendentemente buona e, soprattutto, adatta anche agli intolleranti al glutine!

Per chi fosse intollerante al lattosio o al glutine, non preoccupatevi: ho sostituito il latte vaccino con il latte d’avena!

È un pasto completo e saziante, che potete consumare al volo se siete di fretta! Coraggio, mettetevi all’opera!

Il Club Sandwich di cialde con mortadella diverso dal tradizionale

Il Club Sandwich è tra i panini più famosi al mondo, ma perché? E qual è la sua storia?

Torniamo indietro nel tempo. New York, a fine 800, quando il cuoco del Saratoga Club-House, un locale di gioco d’azzardo, si trovò a dover placare la fame di accaniti giocatori d’azzardo, che avevano bisogno di un pasto veloce e altamente saziante così da non doversi alzare lasciando il gioco, e quindi senza correre il rischio di essere imbrogliati.

club sandwich cialde piselli

La soluzione? Un sandwich con tre strati di pane a cassetta tostato, farcito con pollo, bacon, lattuga, pomodoro e maionese. Ovviamente questa è la ricetta originale, ma a noi piace inventare e sguinzagliare la creatività, per questo vi propongo la mia versione del club sandwich. Una vera goduria!

Prezzemolo, ricco di sostanze nutritive

Sapevate che un cucchiaio di foglie di prezzemolo contiene la stessa quantità di vitamina C di una piccola arancia?

Questa pianta aromatica così comune e profumata a quanto pare è una grande fonte di sostanze nutritive.

Oltre alla vitamina C, che potenzia le difese immunitarie, rinforza il sistema circolatorio fluidificando il sangue, contiene betacarotene, un potente antiossidante per la pelle, calcio, fondamentale per le ossa e per tenere in buona salute unghie e capelli.

Le radici sono ricche di potassio, che conferiscono a questa erba aromatica proprietà diuretiche e regolatrici della pressione.

Fate attenzione: tutte queste caratteristiche si perdono una volta cotto, quindi è preferibile consumarlo crudo per preservare tutti i valori nutrizionali.

Ed ecco la ricetta del Club Sandwich di cialde con mortadella e crema al prezzemolo

Ingredienti per 4 persone

per le cialde

  • 100 gr. di farina di riso
  • 70 gr. di farina di piselli
  • 100 gr. di fecola di mais
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di lievito per torte salate consentito
  • 360 – 400 ml di latte d’avena (occhio all’etichetta!)
  • sale fino

per la salsa di prezzemolo

  • 1 mazzetto di prezzemolo fresco
  • 40 gr. di pistacchi sgusciati non salati
  • 20 ml. di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale e pepe
  • 120 gr. di mortadella

Preparazione

In un contenitore setacciate le farine ed il lievito. Tenete il tutto da parte.

In una seconda bacinella, con la frusta a mano, sbattete leggermente i tuorli, aggiungendo di volta in volta il sale. Ricordate di non buttare gli albumi, vi serviranno in seguito!

Aggiungete le farine setacciate ai tuorli, versate lentamente nella ciotola il latte d’avena, continuando a mescolare con la frusta, finché non avrete ottenuto una pastella liscia.

In una scodella a parte montate a neve gli albumi ed incorporateli delicatamente alla preparazione. Sapete come incorporare gli albumi ad un altro composto? Ve lo spiego: amalgamate con un cucchiaio, compiendo dei movimenti circolari dal basso verso l’alto, in questo modo gli albumi si uniranno gradualmente e delicatamente, senza “smontarsi”.

Completato questo passaggio, coprite la bacinella con la pellicola trasparente e fate riposare il tutto in frigorifero per circa 30 minuti.

Nel frattempo, scaldate la piastra per cialde. Quando sarà arrivata a temperatura, versatevi un mestolo di pastella. Chiudete la piastra e fate cuocere per un paio di minuti, fino a far dorare la cialda.

Una volta pronta, toglietela dalla piastra e ripetete il procedimento fino ad esaurire il composto. Quando lo avrete terminato, fate raffreddare le cialde ottenute.

Nella bacinella del robot da cucina, aggiungete i pistacchi, l’olio extravergine d’oliva, il sale, il pepe nero e le foglie di prezzemolo. Ed azionate fino ad ottenere una crema omogenea.

Finalmente potete farcire: distribuite sulle cialde un cucchiaino di crema di prezzemolo e una fetta di mortadella. Quindi tagliate in due le cialde, ricavando così due triangoli.

Potete conservare i vostri club sandwich in frigorifero, coperti con la pellicola trasparente.

Buon appetito!

5/5 (665 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


13-08-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti