Cialde alle castagne, ricotta e coulis di cachi

Una sfida: un dolce gustoso e goloso… senza! Senza nichel, glutine e lattosio. Prima di assaggiarlo mi sembrava impossibile, invece si può! Ecco quindi a voi le cialde alle castagne con ricotta e coulis di cachi

Non amo svelarmi e parlare di me, né ammetto molte persone nel mio mondo (come dico sempre alla Vale, sono selettiva). Mi piace, però, condividere le mie passioni con le persone che amo. Fashion designer, lavoro free-lance come consulente e docente di alta formazione. Adoro i gatti – senza la mia Baby, la Topa e Canny la mia vita non sarebbe la stessa – la natura, la fotografia, i viaggi e lo yoga. Devo a Luca la mia serenità e la pienezza della mia esistenza.

Credo possiate capire di più su di me curiosando tra queste pagine o leggendo le parole delle mie amiche, qui sotto – loro sanno certamente molto, anche quello che non ho mai detto. Ve le presento:

Gabriella Colombo è sinonimo di certezza – la certezza di una porta sempre aperta, di un cuore grande, di una sincerità totale. La certezza di poter contare su di lei sempre e comunque, senza dovermi giustificare, senza sentirmi giudicata.

“Che dire di Laura? L’ho conosciuta più di 15 anni fa e non avrei certo scommesso sulla durata della nostra amicizia quando lei è andata ad abitare in un’altra regione, a più di 150 chilometri, per seguire il suo amore. Invece… in questi anni lei mi ha sempre cercata, forse lei ha cercato me più di quanto io non abbia fatto con lei, e la nostra frequentazione sta continuando… Per quanto mi riguarda, l’affetto istintivo che provo per Laura è surrogato da un sentimento che, purtroppo, non provo per tante persone: la stima. Infatti di lei penso che sia una persona con le idee chiare: quando vuole una cosa – non un capriccio, ma qualcosa di ben ponderato – è determinata nell’ottenerlo, e di solito ci riesce, grazie alla sua forza di carattere e ostinazione nel perseguire i fini che ritiene meritino. Inoltre è senza ipocrisie, una persona che fa delle scelte precise, anche nelle amicizie: non tutti le vanno bene, ma solo le persone con cui stabilisce un feeling. Le altre, semplicemente, non le frequenta. Mi piace pensare che, se ci sentiamo e ci vediamo ancora, è perché io rientro nella cerchia delle persone che lei apprezza.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ingredienti per 4 persone

per le cialde alle castagne

50 gr burro chiarificato a temperatura ambiente
50 gr miele di acacia
50 gr farina di castagne
50 gr albumi

per comporre il piatto

300 gr ricotta delattosata
2 cachi grandi mondati e frullati
8 castagne bollite o cotte al vapore
10 gr zucchero di canna
12 foglioline salvia all’ananas

Procedimento

Per preparare le cialde alle castagne

Lavorare il burro e il miele con le fruste elettriche. Aggiungere metà degli albumi e metà della farina, amalgamare bene e unire gli ingredienti restanti.
Trasferire il composto in un sac à poche con la bocchetta liscia da 5 millimetri. Distribuire l’impasto a spirale su un foglio di carta da forno realizzando 8 dischetti di 8/9 centimetri di diametro e 4 dischetti più piccoli. Lasciare un paio di centimetri tra un biscotto e l’altro e cuocere in forno statico a 200° per 10/12’ – sfornare subito se i bordi tendono a scurire.
Sfornare e lasciare raffreddare su una gratella.

Per comporre il piatto

Lavorare la ricotta con un cucchiaio per ammorbidirla.
Comporre ogni piatto disponendovi un cucchiaino di ricotta e contornandolo con i cachi frullati. Appoggiarvi un biscotto, farcire con la ricotta, qualche pezzetto di castagna e poco zucchero. Disporre un secondo biscotto, poi di nuovo la crema di ricotta, le castagne e lo zucchero.
Completare con un biscottino piccolo e 3 foglioline di salvia all’ananas. Servire subito.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *