bg header
logo_print

Carote di brisée con crema di asparagi, un piatto raffinato

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

carote di brisée
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 40 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (5 Recensioni)

Carote di brisée ripiene di crema agli asparagi, un’idea singolare

Le carote di brisée ripiene di crema agli asparagi sono una ricetta che stupisce per il gusto, ma soprattutto per l’aspetto. Possono essere considerate come una declinazione della torta salata, che richiama nella forma le carote. La ricetta è molto fantasiosa e crea un accostamento simpatico in grado di divertire. Tutta questa originalità ha anche una funzione pratica, infatti in virtù di questa peculiarità, incontra l’apprezzamento dei bambini, che alle volte fanno molta fatica a mangiare le verdure. La ricetta permette quindi di trasformare un piatto di verdure in una specie di gioco tutto da gustare.

Tra l’altro il procedimento è anche abbastanza semplice, sebbene è consigliato realizzare la pasta brisée in casa, vista la necessità di inserire alimenti specifici come la carota. Tuttavia, la brisée è una delle pasta più semplici da preparare, niente in confronto con la sfoglia, che è quasi proibitiva.

Ricetta carote di brisée

Preparazione carote di brisée

Per preparare le carote di brisée ripiene di crema agli asparagi iniziate proprio proprio dalla pasta brisée. In una ciotola capiente impastate tutti gli ingredienti della pasta brisée, fino ad ottenere un impasto compatto e ben omogeneo; poi fatelo riposare in frigorifero per 30 minuti. Ora fate dei salamini finissimi e teneteli a disposizione. Poi imburrate dei coni di acciaio ed arrotolate intorno i salamini di pasta brisée. Schiacciate delicatamente la parte esterna in modo da bloccarla e cuocete in forno a 180° per circa 15 minuti. Infine sfornateli e metteteli da parte.

Ora passate al ripieno. Con uno schiacciapatate schiacciate le patate (che avete bollito) in una ciotola capiente. Intanto cuocete gli asparagi in acqua bollente salata per 5 minuti. Al termine scolateli e tagliateli per bene. Infine mettete qualche asparago da parte, mentre il resto frullatelo per bene con un mixer. Poi unite le patate, aggiungete la farina di mandorle, salate e mescolate delicatamente il tutto con una spatola. Mettete il ripieno in una sacca da pasticcere e riempite i coni di pasta brisée. Infine decorate creando delle punte che simulano il ciuffo della carota. Otterrete così un piatto simpatico, semplice e molto accattivante.

Ingredienti carote di brisée

  • 100 gr. di farina di mais fine
  • 100 gr. di farina di riso
  • 50 gr. di maizena
  • 120 gr. di burro chiarificato
  • 60 gr. di concentrato di pomodoro
  • q. b. di acqua fredda
  • 1 cucchiaino di sale fino
  • 200 gr. di patate bollite
  • 200 gr. di asparagi freschi
  • 50 gr. di farina di mandorle
  • 1 pizzico di sale.

Delle farine speciali per le carote di brisée

Le carote di brisée nascono come snack creativo, ma anche come piatto anti-intolleranze alimentari. Lo si evince chiaramente dalla lista degli ingredienti e in particolare dalle farine. Al posto della normale farina doppio zero troviamo la farina di mais e la farina di riso. Le due farine si sposano molto bene l’una con l’altra, valorizzandosi a vicenda. Alla corposità del mais, infatti, si abbina alla perfezione la delicatezza del riso.

L’assenza di glutine non è l’unico pregio di queste due farine, infatti si fanno apprezzare per l’eccellente profilo nutrizionale. La farina di mais è ricca di sali minerali che in genere scarseggiano negli altri cereali, come il calcio. La farina di riso contiene invece molto amido, una presenza sempre utile quando c’è bisogno di impastare; inoltre è quasi del tutto priva di grassi. La resa è ottimale, sebbene richieda un po’ di addensante garantito dalla maizena.

Un ripieno davvero cremoso

Tra i punti di forza di queste carote di brisée spicca il ripieno. Sia chiaro, non è niente di complesso o difficile da realizzare, anzi gioca sull’interazione di pochi ingredienti preziosi e ben azzeccati. Nello specifico il ripieno viene realizzato con le patate, gli asparagi e la farina. Lo scopo di quest’ultima è sicuramente di addensare e insaporire, a maggior ragione se si considera che è una farina di mandorle. Di essa si apprezza il sapore leggermente dolce, in grado di potenziare sia la morbidezza degli asparagi che la corposità delle patate.

Per quanto riguarda gli ingredienti principali non si può che apprezzarne il loro profilo nutrizionale. Le patate, in particolare, sono un alimento molto completo in quanto non si limitano a fornire carboidrati, ma abbondano in vitamine e sali minerali. Inoltre non sono affatto grasse o caloriche. Gli asparagi, invece, abbondano soprattutto di fibre e di acqua, pertanto stimolano la diuresi. Detto questo, come si prepara il ripieno? Si tratta molto banalmente di bollire separatamente le patate e gli asparagi, poi si schiacciano per bene le patate e si tagliano a pezzettini gli asparagi. Infine si frulla tutto nel mixer, condendo con il sale e arricchendo con la farina di mais. In questo modo si ottiene una crema molto densa, omogenea e di colore giallognolo. Questa va inserita nella sacca da pasticcere e utilizzata per farcire le carote.

Come preparare la pasta brisée?

L’unico elemento di difficoltà della ricetta delle carote brisée consiste proprio nella preparazione della pasta. La resa della pasta brisée è simile a quella della pasta sfoglia, ma il procedimento è alla portata di tutti. Occorre comunque profondere un minimo di impegno, visto che si tratta di una brisée leggermente “modificata”, infatti la texture è un po’ più elastica del normale e il colore tende all’arancione. Le modifiche rispetto alla normale pasta brisée prevedono la farina di mais, la farina di riso e il concentrato di pomodoro.

Per quanto concerne il procedimento si tratta di impastare gli ingredienti tra di loro fino ad ottenere un impasto omogeno e compatto, poi si fa riposare in frigo per una buona mezz’ora. Trascorso questo lasso di tempo si modella l’impasto a forma di salamino e si stende su dei coni in acciaio, in modo che assuma la forma della carota. Infine si cuoce al forno a 180 gradi per 15 minuti.

5/5 (5 Recensioni)

Ricette con pasta brisée ne abbiamo? Certo che si!

Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Carciofi alla giudia

Carciofi alla giudia, un piatto della tradizione romana

Origini e curiosità dei carciofi alla giudia I carciofi alla giudia sono uno dei piatti più famosi e prelibati della cucina romana. La loro origine risale al XVI secolo, quando la comunità...

Insalata di quinoa natalizia

Insalata di quinoa natalizia, un’idea esotica per il...

Melograno e quinoa, un abbinamento che non ti aspetti Lo avrete già capito, i protagonisti di questa ricetta sono il melograno e la quinoa. Due ingredienti che raramente si trovano insieme, eppure...