Tabasco, la più deliziosa delle salse piccanti

Tabasco
Commenti: 0 - Stampa

Le origini del tabasco

Il tabasco è una salsa piccante, da qualche anno presenza fissa nei ristoranti, nelle pizzerie e nei supermercati. E’ apprezzata per il suo sapore forte, determinato non già dall’estrema piccantezza ma da una scelta azzeccata e certosina degli ingredienti.

Il termine “tabasco” viene generalmente scritto con la minuscola, eppure dovrebbe essere scritto con la “t” grande. Il motivo è semplice: si tratta di un marchio registrato. Il brevetto della ” pepper sauce ” è infatti in mano della Mcilhenny Company ad Avery Island ,negli Stati Uniti , che l’ha elaborato nel 1870 prendendo spunto dal peperoncino che funge da ingrediente principale.

Ad oggi, la salsa tabasco è diffusa un po’ dappertutto, e vanta alcune varianti, realizzate principalmente con altri peperoncini.

E’ una delle salse preferite da chi ama il piccante. Non si limita a “bruciare” ma offre anche un sapore particolare che è determinato dalla presenza dell’aceto che si sposa alla perfezione con il peperoncino.

La salsa può essere utilizzata un po’ dappertutto, ma si abbina soprattutto con tutti quei piatti che potrebbero essere valorizzati dai sentori dell’aceto, in primis le carni. Almeno in Italia, però, la si utilizza per insaporire soprattutto le patatine fritte o i panini farciti, in sostituzione dei più coprenti ketchup e maionese.

Va comunque specificato che il sapore del tabasco vanta una sua delicatezza, che in questa fattispecie si traduce in una versatilità spiccata. Dunque, se si escludono le preparazioni dolciarie, gli abbinamenti possibili sono davvero tanti.

Pochi ingredienti e tanto gusto per una salsa molto apprezzata

Proprio come suggerisce il nome, il peperoncino “ufficiale” per realizzare questa salsa è il tabasco o, per meglio dire, il “tobasco”. Si tratta di un peperoncino (si pensa) originario del Messico, appartenente alla famiglia della specie capsicum frutescens.

Si caratterizza per una piccantezza davvero elevata, che si pone tra  50.000 e gli 80.000 della scala Scoville. Giusto per intenderci, buona parte dei famigerati e “temuti” peperoncini calabresi non raggiungono i 30.000. Il peperoncino tabasco si presenta con una forma sottile e allungata, in genere di dimensioni medie (va dai 3 ai 6 cm).

E’ anche un peperoncino molto difficile da coltivare, dal momento che necessita di temperature elevate, sempre superiori ai 20 gradi. Per questo motivo, è coltivato soprattutto nelle zone tropicali.

Tabasco

Il peperoncino necessita anche di un terreno ben concimato, dal momento che la sua pianta è piuttosto avida di sostanze nutritive. Il tabasco è anche una pianta molto fragile che può essere oggetto di molte patologie.

Si tratta perlopiù di infezioni che attaccano in primo luogo le foglie, per poi estendersi ai frutti. Il sintomo principale della maggior parte di esse è la presenza di macchie di colore bianco. Se il peperoncino  viene consumao crudo emetterà sentori molto particolari, persino dolciastri – anche se ciò può sembrare paradossale.

I migliori peperoncini per il tabasco

Reperire il peperoncino tabasco habanero non è impossibile, nemmeno in Italia. Tuttavia, potrebbe porre in essere alcune difficoltà. Per questo motivo, alcuni preferiscono realizzare con altre specie di peperoncino.

Io, in questa semplice ricetta almeno, ho preferito menzionare in qualità di ingrediente un “generico” peperoncino, in modo da consentirvi un certo margine di libertà.

Una via di mezzo potrebbe essere rappresentato dall’habanero, anch’esso riconosciuto come uno dei peperoncini più piccanti in assoluto. Tengo a specificare che il procedimento è sempre lo stesso, In particolare, vi consiglio di non accelerare i tempi della macerazione.

Il vero tabasco riposa per ben tre anni! E’ impensabile per una preparazione casalinga, un mese potrebbe rappresentare la giusta via di mezzo per rimanere fedeli alla ricetta originale

E’ considerato un alimento a rischio per i celiaci in quanto potrebbe contenere glutine. Se lo acquistate già pronto vi raccomando di controllare ingredienti e processi di lavorazione. Meglio, se si può, farlo in casa! Non contiene lattosio.

Ecco la ricetta del tabasco

Ingredienti:

  • 600 gr. di peperoncini freschi, sodi e ben maturi;
  • 20 cl. di aceto di vino bianco di buona qualità;
  • 2 cucchiai di sale grosso.

Preparazione:

Per la preparazione del tabasco rimuovete i gambi e tritate i peperoncini senza togliere i semi (altrimenti eliminate la piccantezza). Aggiustate di sale (due cucchiai circa), disponete il trito in un barattolo sterilizzato e coprite con un tovagliolo.

Lasciate riposare per un mese. Passato il mese, aggiungete l’aceto e fate riposare ancora per un’altra settimana. Filtrate il tutto utilizzando un colino ed imbottigliate. Infine conservate in frigorifero ed utilizzate la salsa come condimento per i vostri piatti.

4/5 (4 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Burro al dragoncello

Burro al dragoncello, un’alternativa aromatica

Burro al dragoncello, un condimento per tanti usi Il burro al dragoncello è un’alternativa gradevole al burro classico. Fa parte della categoria dei burri aromatizzati, che apre scenari...

Aceto al dragoncello

Aceto al dragoncello, un sostituto dell’aceto di vino

Le differenze tra l’aceto al dragoncello e l’aceto di vino L’aceto al dragoncello è una gradevole alternativa al classico aceto di vino. E’ una preparazione semplice, che gioca sulla...

Pesto al dragoncello

Pesto al dragoncello, un condimento squisito

Pesto al dragoncello, una gradevole alternativa Il pesto al dragoncello è un’alternativa molto suggestiva rispetto al pesto alla genovese, realizzato con il basilico. Ovviamente gli utilizzi sono...

pesto di melissa

Pesto di melissa, un’alternativa al pesto genovese

Le differenza tra il pesto di melissa e il pesto classico Il pesto di melissa è una gradevole alternativa al pesto classico, quello realizzato con il basilico. La differenza principale, ma certo...

pesto di zucchine

Pesto di zucchine, una variante gustosa e delicata

Pesto di zucchine, una salsina multiuso Il pesto di zucchine non ha nulla da invidiare al classico pesto alla genovese. Anche perché condivide molto con quest’ultimo, persino il basilico....

burro alle ortiche

Burro alle ortiche, un condimento speciale

Burro alle ortiche, un’idea originale Il burro alle ortiche è una preparazione spalmabile dal gusto particolare in quanto si regge su una combinazione originale: quella tra il burro e l’ortica....


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-01-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti