Voglia di pasta fatta in casa? Gnocchi di zucca!

gnocchi di zucca
Commenti: 0 - Stampa

Un’alternativa golosa!

Gli gnocchi di zucca sono un primo piatto molto gustoso che si pone come valida alternativa ai comunissimi gnocchi di patate. In realtà, siamo abituati a portare sulle nostre tavole quest’ultimi, ma quelli che vi propongo oggi sono davvero buoni e, essendo preparati con la farina di mais, sono gluten-free. Questa variante non ci fa rinunciare al gusto, favorendo al tempo stesso un buon apporto nutritivo.

Naturalmente, si tratta di un tipo di pasta fresca ideale per preparare un piatto tipicamente autunnale, questo perché la zucca viene raccolta principalmente nel periodo di settembre e dicembre. In ogni caso, si tratta di una pietanza adatta ad ogni palato, perché in grado di soddisfare non solo gli amanti dei sapori semplici ma, se arricchito da aromi e/o sughi particolari, può accontentare anche coloro che preferiscono una cucina ben più prelibata ed elaborata.

Alla scoperta di un alimento a dir poco speciale

Dovreste sapere che la zucca è un alimento ipocalorico: 100 grammi contano appena 17 calorie. Inoltre, è un ottimo antiossidante, è ricca anche di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E, K e J, e si rivela una buona fonte di beta-carotene, di importanti aminoacidi e di minerali quali potassio, calcio, selenio, zinco, fosforo, magnesio, rame, ferro e manganese. Perciò, è un alimento particolarmente utile per favorire la salute della pelle, della vista e del sistema circolatorio.

Le ricerche affermano inoltre che possiede valide proprietà antitumorali, antinfiammatorie e anti-età, e che influisce positivamente sul corretto funzionamento del nostro organismo.  In base a tutto questo, sappiate anche che l’ingrediente protagonista della ricetta degli gnocchi di zucca offre persino un buon effetto diuretico e, secondo gli esperti, potrebbe inoltre contrastare la comparsa del diabete e ridurre i problemi di ipertensione.

In più, non dobbiamo dimenticare la sua capacità di regolare le funzioni intestinali, grazie al suo contenuto di fibre. Altri studi di nutrizionisti, invece, suggeriscono un consumo costante di pietanze a base di zucca proprio per la sua proprietà calmante. Infatti, pare che in antichità venisse usata da chi cercava un effetto sedativo, anche al fine di contrastare gravi disturbi depressivi e frequenti attacchi di panico e stati d’ansia!

Le altre qualità degli gnocchi di zucca

Il sapore dolciastro della zucca si sposa perfettamente con quello della farina di mais che l’accompagna e, naturalmente, anche con i condimenti che solitamente vengono combinati con gli gnocchi. Quindi, date il via libera alla vostra fantasia… come li condireste? Infine, ricordate che il fatto che questa pasta sia fatta con la farina di mais, conferisce al piatto finale molta più leggerezza e digeribilità, rispetto agli gnocchi preparati con la farina tradizionale (gustosi ma più pesanti).

Insomma, è un ottimo piatto, ideale per rispettare il nostro corpo senza rinunciare al gusto! Quanto alla preparazione degli gnocchi di zucca, dobbiamo dire che non sono difficili da portare in tavola e che possono prepararli tranquillamente anche coloro che non hanno abbastanza dimestichezza tra i fornelli. Vi bastano pochi ingredienti e un frullatore!

Seguite la ricetta e buon appetito! La zucca ha un contenuto di nichel medio/basso a seconda della coltivazione percui puo’ essere inserita nella dieta a rotazione !

Ingredienti per 4 persone

  • 1 kg di zucca
  • 200 di farina di mais
  • 2 uova
  • un cucchiaino di noce moscata
  • q.b. sale

Preparazione

Pulite la zucca e tagliatela a pezzi. Cuocetela in forno (50-60 minuti a 180 º) o in pentola a pressione per 5-6 minuti.

Una volta cotta, passatela nel mixer per pochi secondi, così da ottenere una polpa morbida.

A questo punto versate sopra la farina e unitela alla polpa poco per volta, facendo attenzione a non formare grumi.

Aggiungete il sale, le uova e mescolate. Versate il composto in una sac a poche.

Mettete sul fuoco una pentola di acqua salata. Una volta raggiunta l’ebollizione premete e tagliate a piccoli pezzi direttamente in pentola.

Mano a mano che gli gnocchi saliranno in superficie, raccoglieteli con un mestolo forato e trasferiteli su un piatto. Ripetete l’operazione fino a quando non esaurirete tutto il composto

5/5 (368 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca,...

Glassa a specchio

Glassa a specchio senza glutine e lattosio

Cos'è la glassa a specchio? La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può...

Pasta biscotto

Pasta biscotto, una base eccellente per dolci e...

Alcune importanti precisazioni sulla pasta biscotto La pasta biscotto è una preparazione che sembra facile ma occorre fare molta attenzione senza attingere ad un bagaglio di conoscenze sbagliato....

pane di castagne farcito

Pane con farina di castagne, una ricca merenda...

Pane con farina di castagne, merenda mediterranea e americana Il pane con farina di castagne e burro di arachidi, lo avrete capito già dal nome, non è un pane come tutti gli altri. A prescindere...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


24-10-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti