Insalata di anguria e feta: un’idea insolita, ma gustosa!

Insalata di anguria e feta
Commenti: 2 - Stampa

Perché mangiare una bella insalata di anguria e feta?

Avete mai assaggiato l’insalata di anguria e feta? Quando fa tanto caldo, non si ha molta voglia di mangiare. Tuttavia, dobbiamo farlo, in quanto ovviamente abbiamo bisogno di nutrimento e dobbiamo compensare ciò che perdiamo tramite la sudorazione. Di certo, la scelta ricade su piatti non troppo pesanti: l’ideale sono delle belle insalatone ricche e in grado di fornirci tutti gli elementi nutritivi di cui abbiamo bisogno senza appesantirci.

Oggi, voglio parlarvi però di un’alternativa ancor più veloce e ricca di nutrienti, ma composta solamente da due ingredienti principali: il anguria e la feta. Questa pietanza può presentarsi come un’interessante variante della classica insalata, che usa uno degli alimenti estivi e di stagione per eccellenza, e tutto il nutrimento di questo speciale formaggio…

Le caratteristiche di un’insalata particolare

Il Cocomero o anguria è il frutto del Citrullus vulgaris, pianta originaria dell’Africa, ora estesamente coltivata in tutta l’Europa Meridionale e in altri Paesi a clima caldo. Le varietà più apprezzate in Italia sono il cocomero di Faenza e di Pistoia (polpa rossa e seme nero), il cocomero napoletano (con semi biancastri) e il cocomero calabrese (grosso, polpa rossa molto zuccherina).

I cocomeri sono, in genere, sferici od ovoidali, del diametro di 15- 20 cm; il loro peso può arrivare fino a 4-5 kg. Hanno buccia liscia, verde all’esterno e bianca all’interno, mentre il colore della polpa varia dal rosso al bianco sporco a seconda delle varietà.

Si consumano nei mesi caldi e si apprezzano perché dissetano. La maggior parte delle varietà matura tra giugno e settembre. Evitate frutti eccessivamente maturi o immaturi o con parti deteriorate o ammaccate.

Refrigeratelo se molto maturo o consumatelo al più presto. È una buona fonte di vitamina A, e contiene anche vitamina C.

A volte pensiamo che il anguria, o cocomero, sia solo un frutto rinfrescante, che non apporta particolari benefici all’organismo e che non nutre come si deve. Pensiamo ad esso come ad un mix rosso fatto di acqua e zucchero. Tuttavia, questo è assolutamente sbagliato! Il anguria contiene sì un’elevata quantità di acqua, utile per reidratarci durante l’estate, ma è soprattutto ricco di vitamine e sali minerali.

Insalata di anguria e feta

Ad esempio contiene il potassio, essenziale per la buona salute dei reni, e anche ottimi livelli di vitamina C, che contribuisce a mantenere il nostro corpo giovane e sano. Secondo le ricerche, mangiare una fetta di anguria aiuta persino a tenere sotto controllo i livelli di pressione sanguigna e tutti questi benefici sono sicuramente amplificati se si decide di mangiare un’insalata di anguria e feta. Infatti, quest’ultimo ingrediente è un formaggio tipico greco, prodotto con latte di pecora e capra, dal valore nutrizionale elevato.

Ha un sapore deciso, coinvolgente e può fare la differenza nella nostra alimentazione, in particolare per la valida quantità di proteine che propone per il benessere dell’organismo, (utile per lo sviluppo dei muscoli e dei tessuti, e per completare alcuni processi metabolici). Si tratta di proteine ricche di amminoacidi essenziali, che si digeriscono con grande facilità. Inoltre la feta contiene sodio, calcio e fosforo, nonché molti fermenti lattici che aiutano il benessere della flora intestinale.

Un pasto estivo a base di insalata di anguria e feta

Ideale in particolare a pranzo, anche in spiaggia, e come antipasto da accompagnare persino a un valido aperitivo, questa insalata vi stupirà e non poco. Infatti, gli ingredienti si combineranno a meraviglia, vi daranno tanta soddisfazione e rappresenteranno una semplice ma prelibata combinazione… pur se non ve lo sareste mai aspettato!

La preparazione di questo piatto è molto semplice e fra poco la scoprirete nel dettaglio, ma non dimenticate che, naturalmente, potrà essere arricchita con altri ingredienti, da scegliere in base ai vostri gusti. Tuttavia, non è indispensabile, in quanto la forte aromaticità del formaggio greco è già abbastanza coinvolgente e viene perfettamente stemperata dal sapore fresco e un po’ dolciastro dell’anguria… Pronti per assaporare l‘insalata di anguria e feta? Prepariamola insieme!

Ingredienti per 4 persone

  • ¼ di anguria matura
  • 100 g. di feta Olympus
  • qualche foglia di menta fresca
  • 2 cucchiai di aceto balsamico o miele
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Tagliate il anguria a cubetti di un centimetro circa per lato. Potete lasciare i semi se non vi danno fastidio: essi sono ricchi di proprietà e sostanze nutritive, contengono numerosi minerali (tra cui ferro e magnesio), proteine, vitamine del gruppo B e acidi grassi insaturi (in particolare omega-6), che favoriscono la riduzione del colesterolo “cattivo” in favore di quello “buono”.

Tagliate a cubetti anche la feta, sbriciolatene metà e lasciate gli altri interi.

Preparate un’emulsione con l’olio, l’aceto o il miele, sale, pepe e qualche fogliolina di menta: mettete gli ingredienti in un barattolino, chiudete il coperchio e shakerate tutto insieme per qualche secondo.

Condite i dadi di anguria e feta con l’emulsione e servite il vostro piatto fresco, guarnendo con foglie di menta.

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Insalata di anguria e feta: un’idea insolita, ma gustosa!

  • Mar 14 Set 2021 | Rosanna Mosca ha detto:

    Super. Lo provo subito

    • Mar 14 Set 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Rosanna la ringrazio per il suo feedback. Per noi sono molto importanti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cetrioli allo Skyr

Cetrioli allo Skyr, un’insalatona gustosa

Cetrioli allo Skyr, colore e gusto per un’insalata corposa I cetrioli allo Skyr sono un'insalata molto corposa, che si caratterizza per un sapore composito e per la presenza di molti alimenti...

Insalata di fiori ed erbe con Skyr

Insalata di fiori ed erbe con Skyr, un...

Insalata di fiori, un’idea davvero particolare L’insalata di fiori ed erbe con Skyr è un’idea particolare e solo a primo acchito bizzarra, per un contorno fuori dal comune che premia gusto e...

Insalata di spinaci

Insalata di spinaci, un contorno completo

Insalata di spinaci, una particolare selezione di ingredienti Oggi vi presento una particolare variante dell’insalata agli spinaci, una ricetta che si completa con un'emulsione squisita e...

Bowl con avocado e fiocchi di latte

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte,...

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte, una lista creativa di ingredienti La poke bowl con avocado, edamame e fiocchi di latte è un'insalata molto corposa, che spicca per l’abbondanza di colori...

Insalata estiva con uova sode

Insalata estiva con uova sode, un contorno iper-proteico

Insalata estiva con uova sode, un contorno tra il dolce e il salato L’insalata estiva con uova sode è un contorno che spicca in primis per l’impatto visivo. La lista degli ingredienti,...

Insalata di mele e sedano

Insalata di mele e sedano, una meraviglia agrodolce

Insalata di mele e sedano, l’abbinamento che non ti aspetti L’insalata di mele e sedano si inserisce sul solco delle insalate “agrodolci”, che si caratterizzano per degli abbinamenti...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-08-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti