bg header

Crostata con anguria gialla, un tripudio di colori

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Crostata con anguria gialla

Crostata con anguria gialla, un dolce delizioso a base di frutta

Con tutta probabilità la crostata con anguria gialla è la crostata più “colorata” che possiate mai preparare. Si presenta infatti molto bene, valorizzata com’è da abbondante frutta. Essa funge da decorazione, oltre che da ingrediente vero e proprio. In questo frangente, vi consiglio di utilizzare frutti dal buon contrasto cromatico, come possono essere i kiwi, le fragole, i mirtilli, il ribes, i lamponi e l’anguria gialla. Proprio quest’ultima domina la scena, con il suo bel giallo splendente. Esso è dovuto a una spiccata abbondanza di betacarotene, sostanza presente in altri alimenti di colore giallo-arancio, come la zucca e le carote.

Il betacarotene, per inciso, è un antiossidante, e funge da precursore per la preziosissima vitamina A. Manca comunque il licopene, che caratterizza l’anguria e gli dona il colore rosso chiaro così caratteristico. Per il resto, l’anguria gialla presenta la medesime proprietà dell’anguria rossa. Infatti, è ricca di vitamina C, che esercita un impatto positivo sul sistema immunitario, ed anche di potassio. Inoltre, è ricchissima di acqua, dunque esercita una funzione idratante, depurativa e rinfrescante.

Una frolla davvero speciale

Una delle caratteristiche più importanti della crostata con anguria gialla, almeno nella versione che vi presento oggi, risiede nella frolla. Non si tratta di un frolla qualsiasi, bensì di una frolla realizzata con farine alternative, come quella di riso e quella di mais. Questi due tipi di farine sono entrambe senza glutine, dunque possono essere consumate da chi soffre di disturbi dell’assorbimento e dai celiaci.

Crostata con anguria gialla

Ma questo non è il loro unico pregio, infatti si caratterizzano per la capacità di dare vita a un impasto dal sapore delicato e allo stesso tempo non lineare. Tra l’altro, presentano anche buone capacità nutrizionali. La farina di mais si caratterizza per una spiccata abbondanza di calcio, mentre quella di riso si fa apprezzare per la quasi totale assenza di grassi, a cui si aggiunge una concentrazione elevata di vitamine e sali minerali.

Come fare la crema pasticcera?

Un’altra peculiarità di questa crostata con anguria gialla risiede nel ripieno, che non è composto dalla classica marmellata bensì dalla crema pasticcera, un ingrediente immancabile nelle torte. La crema pasticciera della crostata con anguria è tutto sommato classica. L’unica differenza con le varianti più diffuse risiede nell’assenza della farina, qui sostituita dall’amido di mais, che risulta un ottimo legante privo di glutine.

Anche in questa crema pasticceria è presente il burro. A tal proposito vi consiglio di utilizzare il burro chiarificato che, a differenza del burro standard, è totalmente privo di proteine. Ciò da un lato gli permette di resistere ottimamente alle elevate temperature, dall’altro gli consente di incidere in maniera più delicata sul piano organolettico. Il burro chiarificato, infatti, è più neutro, dunque non rischia di coprire gli altri ingredienti.

Ecco la ricetta della crostata con anguria gialla:

Ingredienti:

Per la frolla:

  • 300 gr. di farina di riso,
  • 150 gr. di farina di mais,
  • 1 uovo intero,
  • 1 tuorlo,
  • 175 gr. di zucchero di canna,
  • 150 gr. di burro chiarificato,
  • 1 pizzico di sale.

Per la crema pasticcera:

  • 1 lt. di latte intero consentito,
  • 120 gr. di zucchero,
  • 45 gr. di amido di riso,
  • 4 tuorli d’uovo,
  • scorza di un limone,
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia.

Per la decorazione:

  • q. b. di kiwi, mirtilli, anguria gialla, lamponi, ribes e fragole,
  • q. b. di foglioline di menta.

Preparazione:

Per la preparazione della crostata con anguria gialla iniziate riscaldando il forno a 160 gradi. Poi tagliate il burro a pezzi piccoli e lasciatelo a temperatura ambiente affinché si ammorbidisca. Ora setacciate le farine (di mais e di riso), poi mettetele in una ciotola e aggiungete il burro, lo zucchero, le uova, e un pizzico di sale. Amalgamate per bene il tutto e impastate con energia. Infine create una palla, avvolgetela nella pellicola alimentare e ponetela in frigo per mezz’ora. Trascorso questo lasso di tempo, stendete l’impasto sul piano di lavoro (leggermente infarinato) e ricavate un cerchio alto 2 cm. Poi riponetelo nella tortiera unta di burro e appianate il tutto con il mattarello.

Posizionate dei fagioli secchi (necessari affinché la frolla non si gonfi) e cuocete al forno a 180 gradi per 30 minuti. Intanto occupatevi della crema. In una ciotola unite i tuorli e lo zucchero, poi montate il composto. Ora scaldate il latte insieme all’estratto di vaniglia e alla scorza di limone, fino a quando non avrà raggiunto l’ebollizione. Rimuovete la scorza e unite l’amido di riso. Infine, mescolate con cura e, senza smettere, versate il latte a filo nella montata di tuorlo. Mescolate in continuazione, poi rimettete sul fuoco a fiamma bassa affinché la soluzione si addensi (non smettete di mescolare).

Quando la crema ha raggiunto la consistenza adeguata, trasferite tutto in una terrina e lasciate intiepidire. Ora passate alla frolla, non appena sarà fredda distribuite uniformemente uno strato di crema. Successivamente decorate con i kiwi sbucciati e fatti a fette, i pezzetti di lamponi, le palline di anguria gialla (ottenute con un cucchiaio), le fragole, i ribes e i mirtilli. Guarnite la crostata con anguria gialla mettendo sopra qualche fogliolina di menta e servite.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

4 commenti su “Crostata con anguria gialla, un tripudio di colori

  • Gio 29 Lug 2021 | Elio ha detto:

    Anguria gialla…. ma dai. Dove le trovi tutte queste novità. Mai vista in vita mia. Dove posso trovarla?

    • Gio 29 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Elio io la trovo al supermercato. Mi è venuta sotto gli occhi e non ho saputo resistere. Se la trovi provala. Ne vale la pena

  • Dom 7 Ago 2022 | Ennia Bove ha detto:

    Sarà sicuramente buonissima proverò a farla

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...

logo_print