bg header
logo_print

Spaghetti al pesto di basilico e noci: la tradizione

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Spaghetti al pesto di basilico e noci
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
3.5/5 (2 Recensioni)

Gli spaghetti al pesto di basilico e noci sono un primo piatto semplice e profumato da preparare ogni volta che si vuole. Si tratta di una pietanza perfetta sia per i vegetariani che per gli intolleranti al lattosio e al glutine se si utilizza una pasta gluten free. I suoi ingredienti genuini e unici, infatti, rendono questa preparazione indispensabile in ogni ricettario che si rispetti.

Pasta, basilico, noci, olio, sale e parmigiano reggiano sono gli ingredienti da avere a portata di mano per creare questo piatto. Sono alimenti che la maggior parte delle famiglie italiane hanno spesso in dispensa. Per questo, può essere una pietanza da preparare quando si ha poco tempo o non si sa cosa mangiare a pranzo.

Ricetta spaghetti al pesto di basilico e noci

Preparazione spaghetti al pesto di basilico e noci

Mondate il basilico, lavate le foglie sotto l’acqua corrente e asciugatelo tamponandolo leggermente con della carta da cucina.

Nel bicchiere del mixer mettete gli spicchi d’aglio con qualche grano di sale. Frullateli poi aggiungete le noci e i pinoli, frullate di nuovo poi aggiungete le foglioline di basilico.

Quando sono ben frullate aggiungete il parmigiano e per ultimo, facendolo cadere molto lentamente, l’olio.

In una pentola con abbondante acqua salata cuocete gli spaghetti multicereali, scolateli ancora al dente poi conditeli con il pesto al basilico e noci.

Completate il piatto con un filo d’olio e a piacere con qualche fogliolina di prezzemolo

Ingredienti spaghetti al pesto di basilico e noci

  • 320 gr. di spaghetti multicereali bio Felicia
  • 50 g di basilico a foglia piccola
  • 1 cucchiaio di gherigli di noce spezzettati
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • 2 spicchi d’aglio
  • 8 cucchiai di Parmigiano stagionato 36 mesi grattugiato
  • ½ bicchiere di olio extravergine di oliva
  • qualche grano di sale grosso

Il pesto e le sue mille varianti

Il pesto è un alimento conosciuto ormai in tutto il mondo. Nonostante ciò, nei supermercati è possibile trovare moltissime imitazioni che non rendono giustizia a questa salsa ligure. Nella nostra ricetta degli spaghetti al pesto di basilico e noci non utilizzeremo la ricetta originale ma una versione un po’ più light, evitando l’uso di pecorino, aglio e pinoli che vengono sostituiti dalle noci.

Nonostante il pesto o le relative versioni che si trovano nei supermercato siano più rapide da usare, vi consigliamo di creare il pesto di basilico e noci direttamente a casa, usando un mortaio o un frullatore, finché gli ingredienti non formeranno una crema. Noterete la differenza di sapore e di odore rispetto a un pesto industriale!

Gli ingredienti principali degli spaghetti al pesto di basilico e noci

Per parlare degli spaghetti al pesto di basilico e noci partiamo con il basilico! . Probabilmente il basilico fu portato dall’India in Europa attraverso il Medio Oriente. Giunse in Gran Bretagna nel XVI secolo e in America nel XVII, cosi in Occidente il suo impiego è relativamente recente. In India il basilico viene impiegato poco in cucina, ma un tipo di basilico è il tulsi, per cui gli Indu hanno un tale rispetto che quando gli inglesi vollero trovare qualcosa su cui obbligarli a giurare ( essi non hanno nulla d’equivalente alla Bibbia), il tulsi fu una delle voci sacre prescelte.

In Occidente il basilico è il simbolo della fertilità. Boccaccio narra la storia di Lisabetta, che con le sue lacrime innaffiava il vaso di basilico in cui aveva sepolto la testa dell’amante. (Isabella o Il vaso di basilico di Keats ne dà un’altra versione). Con vena del tutto diversa il dottore fiammingo Van Helmont, uno dei padri della scienza sperimentale, riteneva che il basilico tritato lasciato in mezzo a due mattoni si trasformasse in scorpione! Queste fantasticherie non sono d’origine belga, ma vengono dall’Europa meridionale, dove è facile trovare piccoli scorpioni sotto le pietre, se si cerca bene.

Il basilico è una pianta annuale, è adatto ai climi assai temperati e non sopporta il gelo. Raggiunge un’altezza di circa 30 cm ed ha foglie setose, verdi e tenere, grandi pressappoco come quelle del faggio. I coltivatori di piante però hanno lavorato molto e adesso ne esistono varietà che hanno foglie più grandi. I fiori sono piccoli e d’un bianco cremoso.

Il basilico si può seminare in terreno leggero e ricco o composto, o sotto vetro o in giardino quando non c’è più pericolo di gelate. Si può coltivare al riparo dai venti freddi in posti soleggiati. Le piante devono essere a una distanza di 25 cm l’una dal- 1′ altra, e si possono far crescere a forma di cespuglio recidendo i germogli. Ma il basilico che viene coltivato in condizioni climatiche avverse è solitamente grasso e duro. Quel che è peggio, perde il suo dolce e delicatissimo profumo e assume toni forti. È molto meglio seminare per gradi, magari in cassette, e usare soltanto pianticelle giovani.

A Genova, dove il basilico è coltivato su vasta scala, viene forzato nelle serre in condizioni di calore e umidità tropicali, e lo si coglie sempre quando raggiunge un’altezza di soli 12 cm. Poi viene venduto sui mercati, a mazzi e con le radici ancora intatte, avvolto tra foglie verdi o tra erba e carta. Questo perché si avvizzisce piuttosto in fretta. Sempre in Liguria, vi è però anche la simpatica abitudine di coltivare il basilico in semplici vasetti o cassette poste sul proprio balcone o davanzale. Il basilico fa eccezione alla regola generale delle erbe labiate: è migliore coltivato in condizioni di agio e usato giovane. Altri membri di questa famiglia, invece, sviluppano un aroma migliore quando per vivere · devono combattere.

Il basilico è senza dubbio uno dei simboli della cucina italiana. Questa erba aromatica viene utilizzata in una vasta gamma di primi e secondi piatti e condisce moltissime pietanze come la pizza o la pasta. Il segreto di questo ingrediente sta nel gusto e nell’odore che riesce a conferire a qualsiasi ricetta!

Le noci: nutrimento e sapore in cucina

Nel vasto panorama delle ricette italiane, poche sanno di tradizione e innovazione come il pesto. Originario di Genova, il pesto classico è una fusione di basilico fresco, pinoli, aglio, Parmigiano Reggiano o Grana Padano e olio d’oliva. Tuttavia, in questa variante degli spaghetti al pesto di basilico e noci , i pinoli lasciano spazio alle noci, un sostituto che non solo arricchisce il pesto con una nota distintiva e rustica, ma lo impreziosisce anche di benefici nutrizionali notevoli.

Le noci, a differenza dei pinoli, sono note per il loro alto contenuto di acidi grassi omega-3, che giocano un ruolo cruciale nella salute cardiovascolare e nella riduzione dell’infiammazione. Un cucchiaio di noci offre una quantità significativa di questi acidi grassi essenziali, rendendole un’aggiunta preziosa a qualsiasi dieta. Inoltre, le noci sono una ricca fonte di antiossidanti, tra cui l’acido ellagico e i polifenoli, che possono aiutare a combattere lo stress ossidativo e migliorare la salute cerebrale.

Integrare le noci nel pesto non è solo una scelta salutare ma introduce anche una variazione del sapore. I pinoli sono dolci e burrosi, mentre le noci hanno un carattere più pronunciato, con un retrogusto leggermente amaro che contrasta piacevolmente con la dolcezza del basilico e la pungente vivacità dell’aglio. Questa combinazione non solo arricchisce il profilo gustativo del pesto ma ne esalta anche la texture, aggiungendo un croccante sottile e soddisfacente che contrasta splendidamente con la pasta morbida o crostini croccanti su cui viene spesso servito.

La preparazione del pesto con le noci segue la stessa procedura del pesto tradizionale, con l’aggiunta di noci tostate leggermente in padella o in forno per intensificarne il sapore prima di triturarle insieme agli altri ingredienti. Questo passaggio non solo esalta il sapore delle noci ma garantisce anche che il loro olio si mescoli perfettamente con il basilico e l’olio d’oliva, creando una emulsione liscia e omogenea che lega magnificamente con la pasta.

Esplorare l’uso delle noci in sostituzione dei pinoli nel pesto non solo offre una deliziosa variazione su un tema classico ma apre anche la porta a nuove sperimentazioni culinarie, incoraggiando gli chef casalinghi e i cuochi professionisti a reinterpretare e personalizzare le ricette tradizionali in base alle proprie preferenze di sapore e alle esigenze dietetiche. Il pesto di basilico e noci diventa così non solo un condimento per la pasta ma un invito a riscoprire e reinventare la cucina italiana, un piatto alla volta.

Ricette pesto ne abbiamo? Certo che si!

3.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...