bg header
logo_print

Spaghetti al pomodoro fresco: la tradizione a tavola

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Spaghetti al pomodoro fresco
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.5/5 (2 Recensioni)

Viva la pasta al pomodoro fresco

Chi non ha mai preparato gli spaghetti con pomodoro fresco? Questo primo piatto è un sinonimo di semplicità e di bontà targata made in Italy. E’ un primo amato da grandi e piccini, inoltre è un’opzione perfetta per quando si ha poco tempo per stare dietro i fornelli.

La facilità di preparazione degli  spaghetti col pomodoro fresco, però, non ci deve far pensare che non sia necessario prestare attenzione alla sua elaborazione. Innanzitutto bisogna scegliere ingredienti genuini e di qualità, infatti la scelta delle materie prime è fondamentale in questa ricetta! Attenzione anche ai tempi di cottura sia della pasta che dei pomodorini.

Ricetta spaghetti pomodoro fresco e basilico

Preparazione spaghetti al pomodoro

Per la preparazione della pasta pomodoro fresco e basilico la prima cosa da fare è il sugo.

  • Sbucciate e tritate finemente lo scalogno.
  • Scottate i pomodori in acqua bollente per 1 minuto, scolateli,  tagliateli a pezzi eliminate la pelle e i semi.
  • Scaldate l’olio in una padella e fate rosolare lo scalogno.  Poi aggiungete i pomodori, aggiustate di sale e portate a cottura.
  • Cuocete gli spaghetti al dente in abbondante acqua salata. Scolate e saltate nel condimento preparato per un paio di minuti.
  • Servite i vostri spaghetti con il sugo di pomodoro ben caldi aggiungendo le foglioline di basilico, una macinata di pepe e una generosa manciata di formaggio grattugiato.

Ingredienti spaghetti al pomodoro

  • 350 gr. di spaghetti consentiti
  • 300 gr. di pomodori pelati Sfera
  • 1 scalogno
  • 4 o 5 foglie di basilico fresche Sfera
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 4 cucchiai di parmigiano reggiano 36 mesi
  • un pizzico di sale e di pepe di Timut.

Quale tipo di pasta scegliere per gli spaghetti al pomodoro?

Uno dei tipi di pasta più usati per questo piatto sono senza dubbio gli spaghetti.  Scegliete la marca che preferite (oramai di ottime marche di spaghetti senza glutine sono pieni gli scaffali!!!)  ma ricordatevi che dovranno essere cotti al dente per poi essere saltati e insaporiti nella salsa di pomodoro.

La pasta col pomodoro fresco è idonea anche per gli intolleranti al lattosio e agli intolleranti al nichel. Il parmigiano grattugiato, usato in questa ricetta per condire il piatto alla fine della preparazione, infatti, non contiene lattosio in quanto si tratta di un formaggio stagionato. In ogni caso, ricordate di controllare sempre le etichette prima di utilizzare gli ingredienti.

In particolare, rappresentano la ricetta perfetta per approcciare i nostri bimbi al pomodoro, miniera sia di antiossidanti legati alla presenza del licopene che di sali minerali, potassio in particolare, che, in 100 grammi di prodotto, arriva ad essere pari a 237 mg.

Se li trovate sul mercato, provate gli spaghetti di quinoa. La scelta di questo pseudo-cereale indicata e consigliata nella dieta delle persone con problemi legati alla celiachia, decreta il successo di questi spaghetti dalle note orientali. La quinoa ha origine in Bolivia ed in Perù e in poco tempo si è diffusa a macchia d’olio anche in Occidente, a motivo del suo sapore e del suo essere senza glutine, qualità questa ormai sempre più apprezzata e ricercata in cucina.

La ricetta della pasta al pomodoro fresco mette insieme i sapori tipici delle Ande (da cui proviene la quinoa) con quelli classici del Mediterraneo. Gli spaghetti al pomodoro fresco sono presenti nei menu di tutti i ristoranti del mondo, inoltre si declinano anche in  questa versione gluten free che può esser consumata da chi ha problemi di intolleranze alimentari.

Cucina italiana e pomodori, un legame indissolubile

Per gli stranieri, uno dei piatti simbolo della nostra gastronomia è senza dubbio lo spaghetto al pomodoro fresco. Bruschette, pizze, insalate e primi piatti vengono spesso insaporiti o preparati con questo frutto. Originario dell’America, fu il sud Italia a intuire le potenzialità di questo alimento che veniva utilizzato solo per scopi ornamentali. Ho visto cucinare pasta al sugo in ogni continente dove sono stata.

La ricetta della pasta con il pomodoro fresco è il modo migliore per rendere omaggio alla scoperta di questo alimento così amato e indispensabile nella gastronomia italiana. Agli spaghetti e ai pomodorini non bisognerà aggiungere molto, semplicemente scalogno, basilico, olio, pepe e parmigiano che potenzieranno i sapori. La ricetta pasta con pomodoro fresco è davvero facile e in pochi minuti sarà pronto il vostro tributo alla cucina italiana!

Quali pomodori scegliere?

La ricetta degli spaghetti al pomodoro è semplice ma richiede una certa attenzione nella scelta della materia prima. Il riferimento è soprattutto ai pomodori. E’ dunque lecito chiedersi: quali pomodori utilizzare? D’altronde l’agroalimentare italiano è ricco e mette a disposizione numerose alternative. Io consiglio di utilizzare dei buoni pelati o dei pomodori freschi di tipo San Marzano. Questi infatti si caratterizzano per il giusto livello di acidità, per un sapore molto vivace, per un colore brillante e per una consistenza perfetta, morbida ma non troppo acquosa.

Come dovrebbero comportarsi coloro che soffrono di allergia o intolleranza al nichel? In linea teorica per loro il pomodoro è off limits, in quanto è ricco dell’allergene incriminato. Nella pratica esistono alcune alternative, la più interessante è data dai pomodori pelati Sfera. Questo produttore realizza pomodori e altri prodotti nichel-free, indistinguibili da quelli standard in quanto a sapore e consistenza.

Spaghetti al pomodoro, un piatto con infinite varianti

La ricetta degli spaghetti al pomodoro è così semplice da fungere da base per tante altre ricette. Con una certa dose di fantasia potrebbero persino essere preparate delle varianti, infatti basta aggiungere un po’ di guanciale per ottenere una splendida amatriciana. Allo stesso modo basta sostituire la cipolla o lo scalogno con l’aglio, infine va aggiunto il peperoncino per avere una classica arrabbiata. Se si aggiungono le olive, i capperi e le alici, ecco che gli spaghetti al pomodoro si trasformano nella celebre puttanesca.

In linea di massima gli spaghetti al pomodoro possono essere arricchiti come meglio si crede. L’unico limite è dato dalla coerenza degli abbinamenti, infatti le aggiunte devono sposarsi con il pomodoro ed evitare qualsiasi tipo di copertura per risultare interessanti al palato. La creatività e la conoscenza degli alimenti giocano un ruolo fondamentale in questo caso.

Gli spaghetti al pomodoro tra segreti e falsi miti

Gli spaghetti al pomodoro fanno parte integrante dell’immaginario collettivo, dunque non stupisce che siano oggetti di falsi miti e segreti. Un falso mito riguarda l’integrazione dell’olio extravergine di oliva nell’acqua della pasta. E’ infatti radicata la convinzione che basti questo a non far attaccare gli spaghetti, qualora venissero spezzati. In realtà l’olio non genera alcun effetto, se non quello di ungere la pentola. L’unica soluzione per non fare attaccare gli spaghetti è non spezzarli.

Un altro falso mito suggerisce che gli spaghetti al pomodoro facciano ingrassare. In realtà, gli spaghetti al pomodoro apportano un numero di calorie tutto sommato equilibrato: 400-500 kcal a porzione. Questo valore dipende però dalla quantità di olio utilizzato.

Per quanto concerne i trucchetti ve ne segnalo uno molto utile. Sapete che basta il cucchiaio di legno per capire in maniera “scientifica” quando il sugo è pronto? Spingete una piccola quantità di salsa col cucchiaio, in modo da toccare la padella. Se la zona “liberata” appare linda e non vi è traccia di acqua, allora il sugo ha raggiunto la consistenza perfetta.

Se invece è presente un po’ di liquido, basta cuocere per qualche altro minuto. Al limite potreste anche mescolare per bene e rimuovere il superfluo con un cucchiaio.

FAQ sugli spaghetti al pomodoro

A cosa fa bene la pasta al pomodoro?

Innanzitutto la pasta al pomodoro fa bene all’umore. E’ un piatto semplice, vivace e molto buono; inoltre può anche rappresentare una fonte di nutrienti più che soddisfacente. L’apporto calorico, infine, non è affatto eccessivo in quanto viaggia sulle 500 kcal a porzione (abbondante).

Come si fa a sapere se il sugo è pronto

Un trucchetto per sapere se il sugo è pronto consiste nello “spingere” la salsa con il cucchiaio di legno. Se la padella appare “linda”, e tale manovra non produce liquidi, allora la salsa ha raggiunto la consistenza auspicata.

Come fare se il sugo è acquoso?

Se il sugo è ancora acquoso basta cuocerlo ancora un po’, magari a fiamma alta.

Quando mettere il sugo?

Il sugo, o per meglio dire i pomodori, vanno inseriti quando il soffritto è ormai pronto, ovvero quando le cipolle o lo scalogno sono diventati dorati o traslucidi (a seconda della varietà).

RIcette pasta al pomodoro fresco ne abbiamo? Certo che si!

4.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti con asparagi e totani

Spaghetti con asparagi e totani, un primo tra...

Cosa sapere sugli asparagi viola I protagonisti di questa ricetta, nonché gli ingredienti che la valorizzano maggiormente, sono gli asparagi viola. Rispetto agli asparagi classici non si...

Gazpacho di pesche (

Gazpacho di pesche, una ricetta dolce e aromatica

Quale pesche utilizzare per questo gazpacho? Per questo particolare gazpacho di pesche vi consiglio di utilizzare le pesche gialle. Sono le pesche più dolci, e quindi in grado di spiccare in mezzo...

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...