Vegetarian burger alla quinoa, un concentrato di salute

Vegetarian burger alla quinoa
Commenti: 0 - Stampa

Vegetarian burger alla quinoa, un concentrato di salute.L’alimentazione vegetariana non è più una moda passeggera. Sono sempre di più le persone che abbracciano questo regime alimentare non solo per motivi etici, ma anche per questioni di salute (un recente studio dell’Università di Oxford ha sottolineato che l’adozione di un regime alimentare vegetariano potrebbe portare a una riduzione consistente della mortalità, pari a circa 8 milioni di morte in meno da qui al 2050).

Scegliere di mangiare vegetariani  non significa certo rinunciare a gusto e creatività in cucina! Se non ci credete non vi resta che dare un’occhiata alla ricetta del Vegetarian burger alla quinoa.

Quinoa, un falso cereale alleato della salute

I cereali sono in generale ottimi alleati della salute. Ne esiste uno, che è un falso cereale, che raccoglie però tantissime proprietà e che è in grado di apportare benefici che hanno pochi uguali. Sto parlando della quinoa, la cui assunzione è sinonimo di apporto di energia e di un vero e proprio regalo all’efficienza del sistema immunitario.

Ricchissima di antiossidanti come flavonoidi e vitamina E, la quinoa è una soluzione perfetta quando si tratta di combattere l’azione dei radicali liberi, nemici della bellezza della pelle in quanto principali cause dell’invecchiamento dei tessuti.

Priva di glutine e contraddistinta dalla presenza di acidi grassi polinsaturi, la quinoa è una soluzione perfetta per chi soffre di celiachia e vuole prendersi cura della propria salute, senza trascurare la prevenzione dell’apparato cardiocircolatorio.

Vegetarian burger alla quinoa

Tutte le proprietà benefiche della barbabietola

Parlare della barbabietola significa chiamare in causa una pianta caratterizzata da proprietà benefiche importantissime, sulle quali si stanno effettuando studi internazionali ormai da tanti anni.

Inizio quindi con il ricordare le proprietà antitumorali, che riguardano soprattutto la prevenzione di neoplasie a carico del seno e della prostata (in questi casi è molto efficace l’assunzione di estratto di barbabietola).

Come ho già ricordato, la barbabietola è una pianta che permette di prendersi cura in maniera completa della propria salute, come dimostra la presenza delle saponine, sostanze che ricoprono un ruolo fondamentale nell’eliminazione delle sostanze lipidiche e nel miglioramento del livello di purificazione dell’organismo.

Le proprietà della barbabietola non finiscono certo qui, ma comprendono anche l’azione nei confronti del sistema immunitario, la cui efficienza può essere implementata grazie all’assunzione di vitamina C, presente in quantità molto importanti in questa pianta straordinaria, che è ingrediente principale di tantissime ricette vegane e vegetariane.

Questo burger è una di queste e, vi assicuro, darà un tocco di unicità alla vostra prossima cena. Ricordo  anche che, scegliendo il parmigiano reggiano 36 mesi senza lattosio, può essere proposto anche a chi soffre d’intolleranza a tale zucchero. Quindi ad un brunch potete accontentarli un po tutti e facendo attenzione a distinguerli.

Ed ecco la ricetta del Vegetarian burger alla quinoa

Ingredienti per 4 persone

  • 300 gr quinoa già cotta
  • 100 gr barbabietole precotte
  • 80 gr di germogli
  • 1 scalogno
  • 100 gr di parmigiano reggiano Verdiano grattugiato
  • 1 uovo
  • q.b. sale e pepe macinato al momento
  • q.b. insalata novella fresca
  • 6 panini piccoli aperti e tostati gluten free

Preparazione

Preriscaldate il forno a 180 gradi. Tagliate la barbabietola a dadini. Fate rosolare lo scalogno in una padella e quando si sarà ammorbidito  aggiungete la barbabietola.

Trasferite il tutto in una ciotola, aggiungete il parmigiano e la quinoa e regolate di sale e pepe. Lasciate raffreddare del tutto, poi unite l’uovo.

Se risultassero troppo morbidi potete aggiungere del pangrattato gluten free. Lavate e asciugate l’insalata e i germogli.

Con il composto formate 6 hamburger alti 2,5 cm e pressate li bene. Adagiateli su di una teglia ricoperta dall’apposita carta e infornate. Dopo qualche minuto girateli dall’altro lato.

Potete comporre il panino mettendo come base dell’insalata , un hamburger, della salsa di yogurt o dei germogli o della guacamole e per finire ancora dell’insalatina.

5/5 (327 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Wraps con barbabietole e formaggio

Wraps con barbabietole e formaggio, un piatto insolito

Wraps con barbabietole e formaggio per valorizzare le tortillas. Le wraps con barbabietole e formaggio sono un’idea molto interessante per un finger food corposo, ricco di sapore e nemmeno troppo...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Quesadillas con pollo

Quesadillas con pollo per valorizzare le celebri tortillas

Quesadillas con pollo, un finger food da leccarsi i baffi Le quesadillas con pollo sono uno splendido esempio di finger food messicano. Ne sono anche l’esponente più semplice, visto che rispetto...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

Tacos con arista

Tacos con arista, un secondo messicano-europeo

Tacos con arista, un fast food versione fusion I tacos con arista sono un esempio di preparazione fusion, in quanto mixano elementi della tradizione messicana con elementi della cucina europea. A...

Crocchette di salmone e patate

Crocchette di salmone e patate, un piatto insolito

Crocchette di salmone e patate dolci, particolari Le crocchette di salmone e patate dolci sono preparazioni di rosticceria sui generis. Si caratterizzano, infatti, per una lista di ingredienti...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-05-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti