Un tocco di magia con la polvere di cavolo nero

Tempo di preparazione:

Una polvere milleusi

Se vi state chiedendo a cosa mai possa servire ridurre in polvere un cavolo nero, allora avete davvero bisogno di un po’ di questa polvere magica per stuzzicare la vostra fantasia! La polvere di cavolo nero essiccato, così come altre polveri multiuso che abbiamo realizzato con frutta e verdura, è un eccellente passepartout a scopo culinario. Come decorazione o ingrediente per risotti, paste, zuppe, primi o secondi, le polveri di verdure essiccate sono estremamente versatili ed utili. Una volta preparate, avrete mille idee per utilizzarle e non vorrete più farne a meno!

Ovviamente, il vantaggio principale – oltre alla praticità – sarà il poter disporre comodamente “in barattolo” di tantissime preparazioni, da usare di volta in volta secondo fantasia e senza la preoccupazione che possano deperirsi. L’essiccazione, infatti, estende di moltissimo la vita degli alimenti, consentendone un uso prolungato nel tempo. L’unica accortezza necessaria sarà quella di conservare i prodotti essiccati in luoghi asciutti e protetti. La dispensa di casa potrà arricchirsi di una varietà di prodotti essiccati, disponibili a necessità e fruibili per ulteriori ricette.

polvere di cavolo nero

Una polvere magica con tutte le proprietà del cavolo nero

Il cavolo nero, anche se ridotto in polvere come prevede questa ricetta, sarà sempre portatore delle sue eccezionali proprietà. In primis il cavolo nero è un eccezionale anti-infiammatorio, soprattutto se consumato dopo una cottura in umido (come per la ribollita toscana).

Riconoscibilissimo grazie alle sue foglie di colore verde scuro, il cavolo nero è un’ottima riserva di antiossidanti utili al nostro organismo. Si sottolinea inoltre che il consumo di cavolo nero aiuta la digestione e costituisce un vaccino naturale contro i virus (ed i malanni di stagione!). Sali minerali e vitamine (in particolar modo la C) completano il quadro di un prodotto naturale eccezionale, utile anche in caso di dolori, infiammazioni articolai e distorsioni.

polvere di cavolo nero

I vantaggi dell’essiccazione

Con l’essiccazione possiamo fermare il tempo per frutta e verdura. Una magia questa che vorremmo poter applicare anche a noi stessi, per non invecchiare! Disidratando ortaggi e frutti grazie all’essiccatore o con una lunga cottura nel forno, garantiamo loro una vita maggiore, prima dell’inevitabile deperimento.

Le caratteristiche nutrizionali rimangono quasi inalterate ma la vita del prodotto risulta enormemente estesa. Inoltre, come nel caso dei chips, l’essiccatura apre nuove ed inedite prospettive di consumo a dei prodotti generalmente destinati ad usi differenti. Nel caso della polvere di cavolo nero essiccato questa verdura diventa enormemente più versatile e capace di “mimetizzarsi” in piatti molto diversi tra loro. Da quando abbiamo scoperto l’essiccatore, creare queste polveri multiuso è davvero diventata una passione che desideriamo trasmettervi! 

Ed ecco la ricetta della polvere di cavolo nero essiccato:

Ingredienti (per un piccolo barattolo di polvere):

  • 300 gr. di cavolo nero 

Preparazione:

Lavate, mondate ed eliminate steli e parti dure del cavolo nero; conservate solamente le foglie e le parti più tenere. Spezzate il tutto e lavate ancora con cura. Tamponate i liquidi in eccesso con della carta da cucina oppure con un panno pulito di cotone. Prendere il vassoio dell’essiccatore ed adagiate con cura un foglio di carta da forno, ponete sopra questo ripiano le foglie lavate di cavolo nero, dopo averle debitamente tamponate. Adagiate il tutto avendo cura di non sovrapporre una foglia sull’altra. Avviate l’essiccatore l’impostando la modalità adatta per verdure/erbe aromatiche, secondo quanto precisato nel manuale d’istruzioni. Quando saranno completamente essiccate e croccanti, mettetele nel frullatore e polverizzatele, azionando le lame a scatti (per evitare che si surriscaldi). Adagiate la polvere così ottenuta in un piatto e distribuitela il più possibile. Lasciatela asciugare all’aria per 4-5 ore, poi potrete richiuderla in un barattolo ermetico in vetro. Dopo questi passaggi potrà essere conservata per diversi mesi, purché sia posizionata in un luogo non troppo umido (solitamente la dispensa di casa è l’ideale).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *