bg header
logo_print

Cannelloni con cernia e gamberi, il piatto della domenica

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

cannelloni cernia e gamberi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4/5 (2 Recensioni)

Il pesce trionfa insieme alla pasta con i cannelloni con cernia e gamberi

I cannelloni con cernia e gamberi sono un’originale alternativa ai classici cannelloni con ripieno di carne, protagonisti quasi indiscussi dei pranzi della domenica in famiglia. Si presentano come un piatto insolito: con questa farcitura potrete infatti sorprendere parenti e amici. La cernia è molto carnosa e la sua polpa si presta bene come ripieno.

Potrete servire questo primo sostanzioso e conquistare tutti, anche gli intolleranti al glutine e al lattosio, in quanto lo prepareremo con ingredienti privi di queste sostanze. Questi cannelloni non vi deluderanno e il successo è garantito!

Ricetta cannelloni con cernia

Preparazione cannelloni con cernia

  • Lessate i cannelloni in abbondante acqua salata, scolateli e stendeteli sopra un tovagliolo.
  • Preparate un court-bouillon con la cipolla,l’aglio, l’alloro e un poco di sale e cuocetevi la cernia e i gamberi per una deci­na di minuti, poi scola­teli conservando il brodo di cottura.
  • Sminuzzate la cernia e i gamberi e uniteli alla salsa di pomodoro, mettendoli a fuoco lento per amalgamarli, poi unite anche i tuorli, mescolando fin che il tutto non sia ben lega­to.
  • Riempite i cannello­ni con questo composto e collocateli in una pirofila da forno imburrata.
  • Preparate una besciamella con 1 cucchiaio di burro, 2 cucchiai di farina, 1/4 di latte e 1/4 di brodo di cottura del pesce, versatela nella teglia sopra i cannelloni, spolverate con formag­gio grattugiato, e sopra distribuite il burro rimasto, a pezzetti.
  • Gratinate per alcuni minuti a forno forte, poi servite a tavola.

Ingredienti cannelloni con cernia

  • 12 cannelloni di riso Le Celizie
  • 4 tranci di cernia
  • 250 gr. di gamberi
  • 4 cucchiai di salsa di pomodoro
  • 1/4 di latte intero consentito
  • 2 tuorli d’uovo
  • 30 gr. di burro chiarificato
  • 2 cucchiai di farina di riso
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 foglia di alloro
  • 40 gr. di Parmigiano Reggiano 48 mesi grattugiato
  • q. b. di sale.

Un ripieno di pesce e benessere

Questi cannelloni con cernia e gamberi racchiudono al loro interno tutte le proprietà benefiche del pesce. La cernia propone carni pregiate e gustose, nonostante le sue dimensioni ridotte, e tra le sostanze nutritive che spiccano al suo interno si rintracciano sicuramente gli acidi grassi omega 3, con funzioni protettive a livello cardiovascolare e circolatorio. Ad essi si aggiungono fosforo e potassio, ma anche le vitamine del gruppo B, fondamentali per il funzionamento del nostro metabolismo.

La cernia contiene ottime dosi di B12, la vitamina fondamentale anche nella sintesi dell’emoglobina e nel sistema nervoso, e di B6, ovvero la vitamina necessaria per il corretto funzionamento del metabolismo. Grazie al valore nutrizionale di questo pesce, i cannelloni con cernia e gamberi diventano un piatto molto sostanzioso e nutriente.

Ma naturalmente non possiamo dimenticarci dei gamberi! Questi ultimi sono crostacei particolarmente saporiti, il cui apporto di ferro, sali minerali e, anche nel loro caso, di omega3 è particolarmente elevato. Buono è anche il contenuto di acidi grassi polinsaturi; tuttavia, rispetto alla cernia e ad altri tipi di pesce, è meglio non abusarne. La loro combinazione nella farcitura dei cannelloni permette di raggiungere il giusto equilibrio di sapori.

Cos’è il court bouillon

La ricetta dei cannelloni con cernia e gamberi impone la preparazione del court bouillon. Il suo scopo è supportare la cottura della cernia e dei gamberi, facendo le veci dell’acqua bollente. Infatti, si tratta di un brodo molto saporito, originario della cucina francese e non di rado chiamato in causa per la realizzazione delle zuppe. Nello specifico è un brodo vegetale preparato con cipolla, aglio, alloro e sale. È un po’ più complesso rispetto al brodo classico,  ma è alla portata di tutti, principianti compresi.

Si tratta di tagliare le verdure in pezzi piccoli, se possibile a rondelle, soffriggerle leggermente e aggiungere – senza sfumare – l’aceto e il vino. A questo punto non rimane che irrorare con un po’ di olio extravergine di oliva, abbassare la fiamma e cuocere per una ventina di minuti. Poi si elimina la schiuma, si filtra e il gioco è fatto: ecco un brodo ristretto e decisamente aromatico.

Il ruolo dei tuorli nei cannelloni con cernia e gamberi

La lista degli ingredienti comprende anche i tuorli. La loro funzione è fondamentale in quanto vengono aggiunti quasi al termine della preparazione del ripieno, una volta che cernie e gamberi sono cotti e già mescolati al sugo di pomodoro. Nello specifico i tuorli aggiungono sapore e conferiscono corpo al ripieno, facendolo diventare più denso e quindi compatibile con la farcitura dei cannoli.

I tuorli rappresentano la componente più pesante delle uova. Sono infatti ricchi di proteine ma anche di grassi, infatti apportano ben 320 kcal per 100 grammi. Tuttavia non temete per la linea, un tuorlo pesa solo 18 grammi, quindi apporta a malapena 70 kcal. In ogni caso se ne utilizzano due per tutte e quattro le porzioni.

Al di là di ciò, i tuorli apportano alcune sostanze benefiche, come la vitamina A, la vitamina D, il potassio e il magnesio.

Qualche indicazione per una besciamella perfetta

Come ogni piatto a base di cannelloni che si rispetti, anche questo piatto vanta il contributo della besciamella. Tuttavia, la besciamella non partecipa al ripieno, in quanto viene inserita sopra i cannelloni a mo’ di condimento. Il risultato è comunque eccezionale, soprattutto se si opta per una minima gratinatura.

Come fare la besciamella? Qui sul sito ho pubblicato alcune ricette ma vi consiglio di andare sul classico. La procedura per la besciamella consiste nella preparazione del roux, un composto a base di burro sciolto e farina sul quale si innesta il latte. La cottura, o per meglio dire l’addensamento, va realizzato a fiamma molto bassa e mescolando più volte possibile. Si può aggiungere anche qualche aroma, sebbene la spezia più indicata sia la noce moscata.

Una guarnizione classica per i cannelloni con cernia e gamberi

I cannelloni con cernia e gamberi vengono valorizzati da una copertura d’effetto. Essa è composta dalla besciamella, che a seguito della gratinatura al forno acquisisce una texture interessante e quasi croccante; inoltre troviamo anche l’immancabile Parmigiano Reggiano. Vi consiglio di utilizzare un Parmigiano Reggiano stagionato 48 mesi, che è facile da grattugiare ma propone comunque un sapore intenso, che sa imporsi sugli altri ingredienti.

La presenza del Parmigiano, oltre a rendere sapida la guarnizione, aumenta lo spessore nutrizionale della ricetta. È infatti uno dei formaggi più salutari in assoluto al netto dell’apporto di calorie e di sodio, che è rilevante e garantisce proteine, calcio e vitamina D in quantità molto elevate.

Una ricetta per chi soffre di intolleranze

I cannelloni con cernia e gamberi sono buoni e facili da preparare. Sono anche a prova di intolleranze alimentari? Per rispondere a questa domanda dobbiamo distinguere tra i vari disturbi.

Per quanto concerne la celiachia il semaforo verde. Di norma i cannelloni sarebbero off limits per i celiaci in quanto sono ricchi di alimenti cerealicoli, come i cannelloni e la besciamella. Tuttavia, in questo caso si utilizzano i cannelloni a base di farina di riso. Quest’ultima è piuttosto delicata, quindi valorizza gli altri ingredienti senza imporsi più di tanto. È anche ricca di vitamine e sali minerali, ma piuttosto povera di grassi e proteine.

Stesso discorso per gli intolleranti al lattosio. Il burro chiarificato e il Parmigiano sono privi di lattosio, ma il latte no. Tuttavia si fa presto a rimediare, basta utilizzare il latte delattosato. Questo prodotto si trova con facilità nei supermercati e propone un gusto identico all’originale, sebbene un po’ più dolce.

E per quanto concerne gli allergici al nichel? La questione è più complessa in quanto il pomodoro contiene nichel e non può essere sostituito, lo stesso si può dire per la cipolla, l’aglio e l’alloro. L’unica soluzione è acquistare versioni coltivate in idroponica, un metodo che esclude il nichel dal processo di sviluppo.

Ultimi consigli prima di preparare i cannelloni con cernia e gamberi

Un connubio piuttosto insolito, quello della cernia, considerato un ingrediente “forte”, con i gamberi tradizionalmente protagonisti di ricette raffinate. Ma il risultato è ottimo e, per di più, la ricetta è abbastanza veloce da portare in tavola. In questo, sia i tranci di cernia che i gamberi (questi poi addirittura già sgusciati) si trovano molto facilmente surgelati, evitandoci così le laboriose operazioni di preparazione. ln più, le dimensioni della cernia sono abbastanza ragguardevoli, l’acquistarla perciò surgelata, in tranci, invece che fresca, intera rappresenta anche un risparmio.

Anche i cannelloni si trovano già belli e pronti, e chiedono solo di essere cotti al punto giusto perché non si ammollino appiccicandosi l’uno all’altro, rendendo poi più difficile l’operazione di mettervi il ripieno. Un segreto per non farli attaccare è quello di mettere nell’acqua qualche goccia di olio. Con questi piccoli accorgimenti, i nostri cannelloni cernia e gamberi, preparati con ingredienti senza glutine e senza lattosio, saranno perfetti e deliziosi sotto ogni punto di vista.

FAQ sui cannelloni con cernia e gamberi

Come farcire i cannelloni?

In genere i cannelloni vengono farciti con macinati di carne, formaggio, besciamella e pangrattato. In alternativa vengono farciti con ricotta e spinaci. Questa ricetta fa eccezione, in quanto propone un delicato ripieno di cernie, gamberi, sugo e uova.

Dove sono stati inventati i cannelloni?

Le origini dei cannelloni sono in parte oscure. Sembra però che siano stati inventati nelle corti del centro Italia in pieno Seicento. All’inizio erano dolci e si ispiravano ai classici cannoli siciliani.

Ricette cannelloni ne abbiamo? Certo che si!

4/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cous cous con vongole e zucchine

Cous cous con vongole e zucchine, un piatto...

Uno sguardo alle vongole Tra i protagonisti di questo cous cous spiccano le vongole, tra i molluschi più apprezzati in quanto capaci di trasmettere delle note ittiche in un contesto di generale...

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...