Cannelloni di porri con patate e ricotta, un’idea geniale

Cannelloni di porri ripieni di patate e ricotta

Cannelloni di porri ripieni di patate e ricotta, un delicato equilibrio di sapori

I cannelloni di porri ripieni di patate e ricotta sono una deliziosa alternativa ai classici cannelloni. Sono frutto di un’idea semplice ma geniale, ovvero sostituire i tradizionali cannelloni di grano con i porri, che per forma e consistenza si prestano molto bene a questo particolare scopo. E’ sufficiente “scavare” l’interno dei porri per ricavare dei comodi cilindretti da farcire. Per quanto riguarda la farcitura, questa è frutto di una scelta degli ingredienti azzeccata, in quanto reperibili, gustosi e in grado di valorizzarsi a vicenda: patate, ricotta e pezzi di porri opportunamente tritati.

Per quanto i sapori si valorizzino a vicenda, quello dei porri spicca su tutti. I porri sono ortaggi che richiamano alla cucina povera, e forse per questo sono un po’ sottovalutati. Possono però dare tanto, sia per il loro sapore che per il loro valore nutrizionale. Tanto per iniziare, sono una vera miniera di vitamine e sali minerali. Il riferimento, in particolare, è alle vitamine C, A e K, nonché al calcio, presente in dosi considerevoli per una specie vegetale. La caratteristica nutrizionale più importante è però la presenza dei flavonoidi, antiossidanti che fanno bene al sistema cardiocircolatorio e agiscono in funzione antitumorale. Sullo sfondo un apporto calorico basso, che si attesta sulle 60 kcal per 100 grammi.

Quale varietà di patate utilizzare per i nostri cannelloni?

Le patate ricoprono un ruolo fondamentale in quanto costituiscono uno degli ingredienti della farcitura dei cannelloni, insieme alla ricotta e alla polpa di porro tritata. In particolare, le patate vanno bollite e poi schiacciate, come per preparare un purè. Quando si parla di patate all’interno di una qualsiasi ricetta, è impossibile non chiedersi che tipo di patate andrebbero utilizzate. Le varietà sono davvero numerose, e ciascuna si sposa con un genere di preparazione piuttosto che un’altra.

Cannelloni di porri ripieni di patate e ricotta

In questo caso la varietà di patate scelte non fa alcuna differenza, in quanto il trattamento cui vengono sottoposte è abbastanza semplice. Tuttavia, per un risultato perfetto consiglio le patate bianche. La loro polpa è infatti farinosa e morbida, dunque si prestano ad essere ridotte in poltiglia dopo un’adeguata operazione di bollitura. Insomma, si amalgamano meglio con la ricotta e con la polpa di porri, e fanno sì che la farcitura risulti più cremosa e uniforme.

Perché proprio il parmigiano reggiano 36 mesi?

La lista degli ingredienti dei cannelloni di porri si chiude con il parmigiano reggiano stagionato 36 mesi. Esso va grattugiato e mescolato con lo yogurt, in modo da formare una crema molto liquida. Quest’ultima fa le veci della besciamella, sebbene non venga posta sul fondo della teglia, a mo’ di letto (sarebbe troppo pesante). Perché proprio il parmigiano reggiano stagionato 36 mesi e non, per esempio, un analogo con stagionatura breve?

Ebbene, l’obiettivo è creare una cremina abbastanza liquida ma soprattutto uniforme. Per questo motivo, è necessario un parmigiano “secco”, meno olioso, che appunto possa amalgamarsi nel migliore dei modi. Ovviamente chi utilizza stagionature diverse otterrà un risultato simile, per quanto non ottimale. Il consiglio, poi, è di impiegare solo le dosi indicate, sia per una questione di equilibrio dei sapori sia per una questione di texture.

Ecco la ricetta dei cannelloni di porri ripieni di patate e ricotta:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 porri grandi freschi;
  • 700 gr. di patate lessate;
  • 300 gr. di ricotta consentita;
  • 300 gr. di yogurt al naturale consentito;
  • 50 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato;
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • 1 rametto di timo fresco;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di pepe rosa.

Preparazione:

Per la preparazione dei cannelloni di porri iniziate riscaldando il forno a 180 gradi. Poi sbucciate i porri e togliete le foglie verdi e la base, infine tagliateli in 2 o 3 pezzi (in pratica otterrete dei piccoli cilindri). Immergeteli in acqua bollente leggermente salata per pochissimi minuti, poi scolateli per bene. A questo punto scavate al loro interno ed eliminate la parte centrale, in modo da far assumere la forma dei cannelloni. Tuttavia, non buttate l’interno dei porri, bensì ricavatene un trito che farete saltare leggermente con un po’ di olio extravergine d’oliva. In una ciotola sufficientemente capiente versate il trito di porri, la ricotta e le patate lessate. Mescolate in modo da ottenere un composto denso ma allo stesso tempo cremoso, poi aggiustate di sale.

Con questo composto, farcite i cannelloni di porri. Potete farlo con le mani o con un cucchiaino, ma io consiglio di usare una sac à poche, è più comoda e non rischiate di rompere i porri. In una ciotola a parte realizzate un composto abbastanza liquido con il parmigiano e lo yogurt. Stendete della carta forno su una pirofila, adagiateci i cannelloni e poi copriteli con la crema di parmigiano e yogurt. Cuocete per 20-25 minuti nel forno già riscaldato a 180 gradi. Quando sono pronti, fateli intiepidire prima di servire, decorando con il timo sminuzzato ed il pepe rosa.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


28-10-2019
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti