Zuppa tiepida di gazpacho: una delizia per il palato

zuppa tiepida di gazpacho
Commenti: 0 - Stampa

Zuppa tiepida di gazpacho: una delizia che conquisterà al primo sguardo.

Oggi voglio solleticare la vostra creatività parlandovi della zuppa tiepida di gazpacho con crostini di pane alla canapa e scampi arrostiti. Siete alla ricerca di una soluzione per un primo piatto leggero ma creativo? Perché non una variante straordinaria di una ricetta di successo?

Questo primo, che conquista davvero al primo sguardo solo per la sua raffinatezza, è l’ideale per dare il via a una cena in maniera diversa dal solito ma anche per portare in tavola qualcosa di adatto anche ai celiaci!

Pronti a scoprire i benefici di questa ricetta fresca, sana e semplice? Sono tantissimi e vi sorprenderanno, aiutandovi a capire che, quando si parla di cucina per celiaci, basta davvero un po’ di creatività per cucinare dei piatti speciali.

Farina di canapa: tutte le virtù di un alimento speciale per i celiaci

Diversi studi internazionali di questi anni hanno portato in evidenza come la farina di canapa rappresenti un’ottima soluzione per i celiaci che vogliono mangiare dolci e pasta.

Ma quali sono le sue proprietà? Scopriamole assieme parlando prima di tutto del valore proteico, superiore rispetto a molti altri alimenti grazie anche all’importante contenuto di amminoacidi.

Da ricordare quando si parla di farina di canapa è anche la presenza di omega 3 e omega 6, grassi benefici che aiutano il processo antiossidante e che, soprattutto, proteggono il cuore da patologie gravi.

I benefici della farina di canapa non finiscono certo qui! Questo alimento contiene infatti una grande quantità di fibre, il che significa una migliore regolarità intestinale e un rilascio degli zuccheri nel sangue più lento, che vuol dire un minor rischio di picchi glicemici.

Viva l’aceto di riso, un elisir di salute dalla medicina tradizionale orientale

A rendere ancora più speciale la ricetta ci pensa una chicca come l’aceto di riso. Diffuso in Europa grazie al successo della cucina orientale, in particolare di quella giapponese e delle ricette a base di sushi.

Si tratta di un condimento leggero caratterizzato da un gran numero di benefici, tra i quali è possibile ricordare l’efficacia antiossidante e il contrasto alla formazione del colesterolo LDL, dannoso per il sistema cardiovascolare.

Da ricordare è anche il fatto che l’aceto di vino è un ottimo antisettico, e che è in grado di eliminare tantissimi batteri.

Ingredienti per 4 persone

  • 4 scampi

per la zuppa

  • 1/2 Peperone verde
  • 4 Pomodori Ciliegina,
  • 1/2 costa di Sedano,
  • 3 cucchiai di aceto di riso
  • 2 foglie di Basilico fresco
  • 1 cucchiaio di olio di semi di Canapa
  • 1 pane alla canapa
  • q.b sale e pepe

pane alla farina di canapa

  • 100 g di farina di canapa
  • 150 g di farina di riso
  • 250 g di amido di riso
  • 50 ml olio di semi di canapa
  • 25 g di tuorlo d’uovo
  • 150 g di albumi
  • 25 g di lievito di birra
  • 17 g di semi di guar
  • 350 ml di acqua
  • 15 g di  sale

Preparazione della zuppa: Frullate gli ingredienti  tutti insieme con l’aiuto di un frullatore ad immersione, quindi passate la polpa ottenuta attraverso un colino a maglia fine. Mettete la zuppa in una ciotolina, e aggiustare di sale e pepe.

Preparazione degli Scampi : Pulite quattro scampi freschi, in base alla grandezza, privandoli del carapace e tenendo la coda pulita.

A questo punto ungete le code su di un piatto con un filo di olio di canapa e passate leggermente le stesse nella farina di riso.

Posizioniate sopra una teglia da forno e infornate a 200°C per circa tre minuti. Dopodiché controllate la cottura e servite.

Preparazione del pane :  Mescolate tutti gli ingredienti in una terrina e, una volta che l’impasto risulterà omogeneo, con l’aiuto di un sac à poche versate in uno stampo rettangolare della grandezza desiderata. Lasciate lievitare bene e infornate alla temperatura di 180° in forno preriscaldato finché il pane non risulterà cotto. Affettate il pane  dello spessore di 2 cm e bruschettate su una griglia rovente. Ricavate dei crostini cubici dello spessore di circa 2 cm per lato.

Impiattamento:  Versate in una fondina la zuppa di gazpacho e adagiate al suo interno i crostini. Appoggiatevi gli scampi arrostiti e ultimate il piatto con un filo d’olio di canapa. Guarnite con basilico fresco in foglie. Servite il piatto tiepido.

5/5 (376 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


30-01-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti