Sformato di miglio con tofu di canapa

Sformato di miglio con tofu di canapa
Commenti: 3 - Stampa

Oggi prepareremo lo Sformato di miglio con tofu di canapa. L’utilizzo del miglio è cresciuto in modo così esponenziale da assistere oggi alla preparazione di migliaia di ricette, anche in tv, che lo vedono come protagonista. Quello che stupisce del miglio è il modo in cui esso vada ad amalgamarsi con gli altri ingredienti, a motivo della sua composizione, ma la vera principale ragione per la quale esso risulta particolarmente apprezzato è il fatto di essere privo di glutine.

Il che, in un’epoca come la nostra tanto attenta al fattore gluten free, non è poco.

Il miglio si sposa bene con molti ingredienti ed in maniera eccellente con il tofu di canapa, una particolare variante del tofu che si ottiene appunto dalla canapa e che rappresenta un’interessante alternativa ai classici secondi vegetariani.

Sformato di miglio dal sapore inaspettato

Il miglio, inizialmente, ha trovato plauso nella nostra dieta mediterranea soprattutto, come detto, per l’assenza di glutine nella sua composizione. Una caratteristica questa molto apprezzabile, perché consente ai celiaci di poter assaporare piatti gustosi anche molto diversificati ed appetitosi.

Via via si è scoperto che il miglio vanta delle proprietà davvero eccellenti, che lo hanno reso, sembrerà assurdo, piatto valorizzato da tutti ed entrato a pieni voti nella dieta anche di coloro che celiaci non sono.

Sformato di miglio con tofu di canapa

Sono le sue proprietà antistress, ma anche diuretiche ed energizzanti che lo rendono cibo d’eccellenza anche del pubblico femminile che ha imparato a consumarlo a vantaggio della qualità della propria pelle.

Il miglio è, di fatto, ricco di numerosi sali minerali quali potassio, magnesio, selenio, fosforo, ferro, zinco, una presenza questa che ne rende il suo consumo particolarmente consigliato anche alle donne in stato interessante.

Stando a recenti studi condotti sul miglio sembrerebbe che esso abbia anche un potere antidepressivo.

Tofu di canapa: nuovo prodigio della natura

Di recente il miglio ha trovato largo impiego ed abbinamento con il tofu di canapa, un alimento questo di nuova concezione che unisce alla versatilità di consumo del tofu le proprietà nutritive proprie della canapa.

Ricco di fibre, il tofu di canapa contiene aminoacidi essenziali in una quantità addirittura maggiore rispetto a quella contenuta in cereali e legumi.

Ragguardevole l’apporto di lisina e metionina, amminoacidi essenziali questi che, grazie all’intervento della vitamina C, rientrano nella composizione del collagene. Anche conosciuto come hemp-fu esso è stato di recente molto sopravvalutato proprio per via della presenza in esso di proprio tutti gli aminoacidi essenziali, senza i quali, nel nostro corpo, sarebbe seriamente compromessa la sintesi proteica.

Passiamo ora in rassegna ingredienti e preparazione dello sformato di miglio, prezioso per la nostra salute, ma anche tanto gustoso ed appetitoso.

Ed ecco la ricetta Sformato di miglio con tofu di canapa

Ingredienti per 4 persone

  • 200 gr miglio
  • 400 gr tofu di canapa
  • 5 gr curcuma
  • 1 porro
  • 10 gr timo
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe
  • q.b. olio extravergine d’oliva

Preparazione

Lavare accuratamente il miglio. Fate soffriggere il porro, affettatelo sottilmente, in un poco d’olio, salate e pepate.

Quando il soffritto sarà pronto versare in esso il miglio e fare tostare. Coprire completamente con dell’acqua facendo attenzione che essa sia pari al doppio del miglio.

Fate cuocere al dente e fino a quando il miglio non avrà assorbito tutto il liquido. Lasciate intiepidire e incorporate il tofu tagliato a dadini, il timo e la curcuma.

Mescolate accuratamente e fate riposare per una decina di minuti.
Versate il composto in una teglia da forno e livellatelo in modo da ottenere una superficie uniforme.

Infornate per 20 minuti a 200 gradi. Quando si sarà formata una crosticina allora vorrà dire che sarà pronto.

5/5 (323 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

3 commenti su “Sformato di miglio con tofu di canapa

  • Ven 8 Gen 2016 | Raffaella ha detto:

    Il miglio è buonissimo con i porri ;) abbinato al tofu di canapa non l’ho mai assaggiato, lo proverò presto! Grazie per la bella ricetta! :)

    • Ven 8 Gen 2016 | Tiziana ha detto:

      Raffaella, io da quando ho scoperto il tofu di canapa non lo mollo piu!!! E’ ottimo. Il miglio è buono con tutto. Ci facciamo i grissini, il pane, le polpette…

  • Sab 17 Mar 2018 | Mitrea erosa ha detto:

    Salve grisinu e pane di miglio mi interesa anche me! Per mio bimbo e anche polpetone!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Millefoglie di trota e radicchio

Millefoglie di trota e radicchio, un secondo dolce

Millefoglie di trota e radicchio, un’idea gourmet La millefoglie di trota e radicchio è un secondo dall’aspetto elegante, che gioca su una distribuzione ben pensata di sapori e colori. E' un...

Filetto di rombo con pistacchi

Filetto di rombo con crema di pistacchi, gustoso

Filetto di rombo con crema di pistacchi, un secondo da leccarsi i baffi Il filetto di rombo con crema di pistacchi è un secondo piatto di pesce dal carattere gourmet. In primis perché il rombo...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-10-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti