Focaccia di canapa dal sapore originale

Tempo di preparazione:

Semplice e salutare, senza glutine e senza lattosio

La focaccia di canapa, abbinata con altri alimenti come olive o pomodorini freschi o anche da sola, è un antipasto diverso dal solito, nonché un ottimo snack, ideale per la dieta di chi soffre di celiachia e apprezzato da tutti per il gusto intenso e per le proprietà nutrizionali. La farina di semi di canapa è infatti un concentrato di virtù e benefici per l’organismo che non dovremo sottovalutare ma che, purtroppo, non tutti conosciamo così a fondo.

Questo pasto sano e gustoso è inoltre privo di lattosio e viene preparato con una farina davvero speciale, ricavata dalla macinatura dei semi di canapa, ovvero dalla parte commestibile della pianta Cannabis sativa. Il sapore ricorda vagamente la nocciola e il colore tende al bruno ambrato. Tuttavia, quello che dobbiamo scoprire è ben altro!

Proprietà, benefici e caratteristiche incredibili!

Il corredo biologico e nutrizionale di questa preparazione è decisamente notevole. Infatti, si tratta di una pietanza semplice e nel contempo capace di apportare un buon tenore di carboidrati e proteine. Ricca di acidi grassi essenziali, quali omega 3 e omega 6 (linoleici 50-70%, alpha linolenici 12-25% e 4% gamma linoleico), fibre e aminoacidi importanti per l’organismo, questa focaccia si rivela utile per rinforzare il sistema immunitario e nervoso, e regolare i livelli ormonali.

L’ingrediente principale della focaccia di canapa, la farina, è una fonte preziosa di vitamine A ed E, oltre che di vitamine B1, B2 e B6, ottime per preservare l’integrità e l’elasticità della pelle. Contiene una buona quantità di antiossidanti in grado di prevenire allergie e infiammazioni, e di rallentare il naturale invecchiamento delle cellule. Al suo interno è buona persino la percentuale di sali minerali, in particolare ferro e fosforo.

Gli elementi psico-attivi di cannabidiolo CBD e tetraidrocannabinolo THC sono contenuti in quantità minima, motivo per il quale non deve preoccuparci. Essendo proteica e ricca di nutrienti, si tratta di una preparazione adatta anche ai regimi dietetici di vegetariani e vegani. Grazie alle proprietà benefiche, la farina di canapa è definita “alicamento”, termine che fonde le parole “alimento” e “medicamento”! Può essere condita sia con cibi dolci che salati.

Focaccia di canapa, storia e curiosità

Al primo assaggio, questa focaccia è una vera scoperta e se pensiamo che, fino a pochi anni fa, la canapa era usata solo come cibo per il bestiame, è strano constatare che oggi è apprezzata per le sue pregiate caratteristiche chimiche e nutrizionali. Inoltre, è utile sapere che questa pianta è una risorsa ecosostenibile: cresce senza concimi chimici e diserbanti, migliora la qualità del terreno, e può essere trasformata in carta, tessuti, materiali per bio-edilizia, cosmetici, combustibile, prodotti terapeutici, etc.

La canapa è una pianta millenaria e misteriosa usata già 10mila anni or sono in Asia e Medio Oriente. Nel XVI secolo, grazie alla qualità delle sue coltivazioni, l’Italia divenne il secondo produttore mondiale di canapa. Nel XVII secolo in Virginia, Massachusetts e Connecticut gli agricoltori erano obbligati per legge a coltivarla… e adesso tocca a voi portarla in tavola, preparando una gustosa focaccia di canapa!

Ingredienti per 4 persone

  • 120 gr. di farina di canapa
  • 180 gr. di farina di riso integrale
  • 300 gr. di amido di riso
  • 12 gr. di sale
  • 18 gr. di farina di semi di guar
  • 25 gr. di lievito di birra
  • 50 ml di olio di canapa
  • 3 albumi (circa 90 g)
  • 550 ml di acqua
  • olio extravergine di oliva q.b. per spennellare la superficie
  • sale per la superficie q.b.

Preparazione

Preparate tutti gli ingredienti, procurandovi un contenitore capiente che li possa contenere tutti durante la lavorazione dell’impasto.

Pesate gli ingredienti uno ad uno, seguendo l’ordine della ricetta: prima le farine e l’amido, poi il sale, i semi di guar, il lievito sbriciolato, l’olio di canapa e gli albumi.

A parte, in una caraffa, pesate l’acqua leggermente tiepida e iniziate a versarla a filo nel contenitore. Una volta che avrete terminato di versare l’acqua iniziate a mescolare in maniera energica l’impasto fino a quando risulterà cremoso.

Preparate la teglia pennellandola con uno strato leggero di olio, versateci sopra l’impasto se iniziate a stenderlo. Abbiate cura di lavorare con le mani bagnate in modo che l’impasto non si appiccichi fastidiosamente alle vostre dita.

Ultimata la stesura, pennellate con olio extravergine di oliva e lasciate lievitare l’impasto nella teglia.

La lievitazione a temperatura ambiente dura circa 90 minuti, ma l’importante è verificare che l’impasto raddoppi il proprio volume. Ottenuto questo risultato potrete considerare conclusa la fase di lievitazione.

Preriscaldate il forno ad una temperatura di 220° statico o 200° ventilato. Prendete la teglia con l’impasto giunto a lievitazione e salatelo in superficie. Regolate la quantità di sale in base al vostro gusto.

Cuocete in forno per circa 25 minuti. Trascorso questo tempo, sfornate la focaccia e spennellatene la superficie con dell’olio extravergine di oliva.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *