Quiche al salmone e peperoni: per una serata speciale

Quiche al salmone e peperoni
Commenti: 0 - Stampa

Alla ricerca di un tortino sfizioso: quiche al salmone e peperoni

La quiche al salmone e peperoni è una torta salata unica nel suo genere. Ne potrete fare una grande o tante di piccole dimensioni. Ma in ogni caso sarà un successo. Utilizzeremo due ingredienti i cui sapori si valorizzano a vicenda. Regalando tante soddisfazioni, sia a livello nutrizionale che di gusto.

Questa ricetta è capace di conquistare adulti e bambini. Fornendo un apporto di sostanze nutritive completo: dalle proteine magre agli antiossidanti. Chi ama le torte salate e il pesce non potrà fare a meno di apprezzare questo intreccio di sapori unico e coinvolgente. Che si scioglie in bocca e ci regala sazietà. Con questi buoni presupposti, andiamo a scoprire qualcosa di più riguardo a questa particolare pietanza.

Quiche al salmone e peperoni: i due ingredienti protagonisti

Quando si parla di “quiche”, si parla di una torta salata sfiziosa e sostanziosa che, solitamente, è composta da una sfoglia ripiena di un mix a base di uova e altri ingredienti a piacere. Ne esistono numerose varianti, ma generalmente vengono usate le verdure. In questo caso, abbiamo scelto i peperoni. Ovvero ortaggi ricchi di acqua, minerali, vitamine e potenti antiossidanti, ideali per promuovere in particolare la salute della pelle e del sistema immunitario.

Questo ingrediente protagonista della nostra quiche al salmone e peperoni è capace di offrire all’organismo interessanti effetti idratanti, depurativi, diuretici e disintossicanti. Proponendo inoltre un buon carico di energia. Il sapore dei peperoni si sposa perfettamente con quello del salmone e, insieme ad esso, questi vegetali regalano a questa pietanza un valore nutritivo ancor più interessante di quello che potremmo pensare.

quiche salmone DSC_4369

Infatti, questo pesce aggiunge alla torta salata una buona dose di proteine magre, ma anche di vitamine B6 e B12, di selenio e di fosforo. Il salmone contiene inoltre elevati livelli di vitamina D, utile per aiutare il nostro corpo ad assorbire meglio il calcio contenuto nei peperoni e, di conseguenza, per favorire la salute delle ossa, ma anche per prevenire e trattare le relative condizioni e patologie, come ad esempio l’osteoporosi.

Questo pesce è inoltre una ricca fonte di omega-3: acidi grassi perfetti per ridurre il colesterolo cattivo e salvaguardare il benessere del cuore e di tutto il sistema cardiocircolatorio.

Una quiche al salmone e peperoni adatta anche agli intolleranti

Come avrete capito, il salmone e i peperoni sono una coppia di alimenti capaci di regalare salute e bontà ad ogni boccone, e per questo meritano di essere racchiusi in una quiche preparata a regola d’arte. Pertanto, abbiamo pensato alla pasta sfoglia senza glutine e senza lattosio, che risulta altamente digeribile anche per gli intolleranti. Andremo ad utilizzare ingredienti genuini e semplici come la farina senza glutine, l’aceto di mele, l’olio (di semi o extra vergine di oliva), l’acqua e un pizzico di sale.

Questa pasta sfoglia vi permetterà di portare in tavola una quiche al salmone e peperoni leggera e ancora più nutriente, sfiziosa e sostanziosa. A questo punto, non vi resta altro che fare la spesa, mettervi in cucina e assaporare una torta salata perfetta sotto ogni punto di vista. Buon appetito!

Ingredienti per 4 persone

per la pasta brisée

  • 50 gr fecola patate,
  • 150 gr farina riso,
  • 80 gr farina quinoa,
  • 60 gr farina tapioca,
  • 1 cucchiaio aceto mele,
  • 50 gr olio semi o olio extravergine oliva o 70 gr burro chiarificato,
  • 140/150 ml acqua ghiacciata,
  • q.b. sale

per il ripieno

  • 1/2 peperone rosso,
  • 1/2 cipolla rossa,
  • 50 gr Mascarpone consentito,
  • 2 uova,
  • 100 gr salmone scozzese,
  • q.b. sale e pepe,
  • q.b. erba cipollina per guarnire

Preparazione

Setacciate le farine. Versate le farine con l’aceto, l’olio, un pizzico di sale  e l’acqua ghiacciata e impastare velocemente.

Fate riposare l’impasto in frigorifero  per 30 minuti e poi distendete e tagliate in base alla forma scelta.

Lavate e mondate il peperone e la cipolla. Tritate e cuocete per pochi minuti in olio di oliva aiutandovi con un goccio di acqua.

Nella vasca della planetaria sbattete il mascarpone con le uova e una grattugiata di pepe.

Sul fondo della pasta distendete un paio di  fettine di salmone e coprite fino all’orlo con il composto ottenuto con i peperoni e il mascarpone.

Cuocete per 15/20  minuti circa in forno a 250°C o almeno fino a che si formi la crosticina in superficie.

Guarnite con erba cipollina.

5/5 (483 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Un brunch di San Valentino

Un brunch di San Valentino davvero originale

Proposte sfiziose per un San Valentino diverso dal solito Il brunch di San Valentino è un’idea per festeggiare la festa degli innamorati in modo diverso. Di solito, si predilige la classica cena...

Mini madeleine al pepe rosa

Mini madeleine al pepe rosa e cacao a...

Mini madeleine al pepe rosa e cacao, un dolce davvero speciale Le mini madeleine al pepe rosa e cacao sono un’ottima idea per San Valentino. L’impatto visivo, i colori (tendenti al rosa) e il...

croquembouche

Croquembouche, deliziosi bignè al caramello

Cosa sono i croquembouche? I croquembouche, osservati dall’esterno, assomigliano alla nostra pignolata, tuttavia dovrebbero essere associati più che altro ai celebri profiteroles. Si tratta,...

Tartare di bisonte con uova di quaglia

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un...

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un piatto di alta classe La tartare di bisonte con uova di quaglia è un secondo piatto raffinato, da sfoderare durante le occasioni speciali. Io lo...

Red Velvet al mais bianco

Red Velvet al mais bianco, torta per grandi...

Perché questa Red Velvet al mais bianco è diversa dalle altre? La Red Velvet al mais bianco e polvere di ibisco non è una torta come le altre, lo potete intuire dal nome. Certo conserva alcune...

Crostata con marmellata di arance e fragole

Crostata con marmellata di arance e fragole per...

Crostata con marmellata di arance e fragole, una combinazione suggestiva La Crostata con marmellata di arance, un dolce per tutti, Questa ricetta è stata preparata non solo perchè è squisita, ma...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-01-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti