Come scegliere un buon melone? Ecco alcuni trucchetti

Come scegliere un buon melone? Anzitutto va ricordato che il melone è un emblema dell’estate a tavola. Per la sua freschezza e per la sua bontà, ma soprattutto per la sua versatilità. Il melone infatti può essere protagonista indistintamente di tutti i pasti della giornata.

Può essere assunto a colazione, durante uno spuntino oppure come pietanza principale a pranzo o a cena. Magari accompagnato da un ottimo prosciutto crudo: un abbinamento classico ma sempre di successo, proprio perché i due sapori si sposano alla perfezione, valorizzandosi l’uno con l’altro. Il melone è ottimo anche per preparare frullati e granite: entrambi sono buoni rimedi per combattere la calura. Il frutto in questione può anche essere utilizzato per un risotto alternativo, lo squisito risotto al melone.

Come scegliere un buon melone: i trucchi

Comprare un melone, come del resto un’anguria, comporta a volta un piccolo rischio: ovvero quello di incappare in un esemplare non eccelso, diciamo così. Questo purtroppo non dipende dal fruttivendolo. È un po’ come fare il lancio della monetina: può capitare testa o croce, in questo caso un melone buono o meno buono.

Il trucchetto più classico resta quello di bussare dolcemente sulla buccia con la mano chiusa: se il suono vi risulta per così dire sordo, allora quel melone potrebbe essere maturo al punto giusto. Mentre al contrario se avvertite un rimbombo, un suono vuoto, allora quel melone potrebbe essere non ancora arrivato alla giusta maturazione.

Alcuni esperti consigliano anche di ricorrere al nostro istinto olfattivo: se il frutto emana un profumo dolce, ecco che potrebbe risultare un buon affare. Un altro possibile indizio riguarda il picciolo, che non dovrebbe risultare eccessivamente secco in caso di frutto arrivato a una buona maturazione.

Dovrebbe essere morbido, facile a staccarsi. Insomma i consigli su come “investigare” dal fruttivendolo o tra i banchi di mercati e supermercati non mancano. Certo rimane l’incognita di fondo, anche dopo aver provato con gli esperimenti di cui sopra. Se il melone è veramente maturo al punto giusto e soprattutto buono lo potrete sapere davvero solo provandolo!

Condividi!

2 commenti a “Come scegliere un buon melone? Ecco alcuni trucchetti

  1. goran

    beh… premendo dalla parte opposta al picciolo deve risultare cedevole ma non troppo… basta provarne due tre e si riconosce la sensazione. Se la punta del dito affonda lievemente… come un muscolo teso il melone è “buono”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *