logo_print

Satay di salmone e avocado, un piatto dalla Malesia

Satay di salmone e avocado
Stampa

Cos’è il satay e quali sono le sue proprietà?

Il satay di salmone e avocado è una variante del celebre piatto malese e indonesiano. La ricetta originale consiste in uno spiedino di carne di pollo o manzo, verdure e spesso anche riso. Questo satay è leggermente diverso in quanto ha come protagonisti il salmone e l’avocado, due alimenti che non si trovano spesso nella cucina del sud est asiatico, ma comunque in grado di fornire un certo valore aggiunto alla ricetta. Per il resto, il procedimento non è molto diverso dall’originale. Dunque, è anche piuttosto semplice, alla portata di tutti, anche di chi non si è mai approcciato alla cucina orientale.

A suo modo, è anche un piatto sano. I grassi aggiunti sono davvero pochi, il minimo necessario per cuocere il salmone. L’avocado, poi, va ovviamente inserito crudo. Per giunta, vanno preferiti i frutti meno maturi, in quanto la polpa deve essere sufficientemente soda da sopportare lo spiedino. Per quanto riguarda i valori nutrizionali, siamo su livelli ottimali, infatti tutti gli ingredienti eccellono sotto questo punto di vista, per quanto molto diversi in termini di principi nutritivi. Ovviamente, nessuno vi vieta di arricchire lo spiedino con qualche salsa, magari piccante o esotica. Sotto questo profilo, avete un ampio margine di libertà.

Gli eccellenti principi nutritivi dell’avocado

L’avocado è uno dei protagonisti di questo satay di salmone. Si tratta di un frutto prezioso, dal carattere spiccatamente esotico, molto diverso rispetto alla frutta cui la macchia mediterranea ci ha abituato. E’ comunque un frutto ormai largamente diffuso nel nostro paese, apprezzato per il gusto particolare e per la versatilità (l’impiego va dal consumo al cucchiaio al condimento per la pasta). E’ anche, va detto, un frutto grasso: 100 grammi di prodotto contengono quasi 200 kcal, che è praticamente un record per un alimento vegetale. Il motivo è semplice, è ricco di grassi, anche se si tratta di grassi buoni.

Satay di salmone e avocado

Dal punto di vista nutrizionale, l’avocado presenta molti pregi, infatti è ricchissimo di fibre, che notoriamente fanno bene alla digestione. E’ anche una fonte eccellente di vitamine, e in particolare la K, la E e la C. Importantissima la presenza della vitamina B9, ovvero dei folati, che hanno una funzione antiossidante. Stesso discorso per il potassio, essenziale per il controllo della pressione sanguigna e per la pressione cardiaca. In questa ricetta, l’avocado va tagliato e ridotto a pezzi, e posto sullo spiedino in alternanza con il salmone.

Il valore nutrizionale del salmone

L’altro ingrediente principale del nostro satay è il salmone. D’altronde, stiamo parlando di satay di salmone e avocado. Sostituisce la carne, sia essa di manzo o di pollo, tradizionalmente associata alla ricetta originale. Una sostituzione che ha un suo perché, in quanto si sposa a meraviglia con la cremosità e la pastosità dell’avocado, e propone comunque un sapore sì delicato, ma anche riconoscibilissimo e carico di personalità. E poi il salmone fa bene. Il motivo principale è, forse un po’ paradossalmente, l’abbondante concentrazione di grassi. Nella maggior parte dei casi, però, si tratta di grassi che fanno bene alla salute. Il riferimento è in particolare agli acidi grassi omega tre, che impattano positivamente sull’apparato cardiovascolare, sulle funzioni cognitive, sulla vista e molto altro.

Il salmone, poi, è ricco di proteine, quasi come le più sostanziose carni rosse. Stesso discorso per le vitamine e i sali minerali. Questa specie ittica apporta una certa quantità di vitamina B6, vitamina B12 e altre del gruppo B. Analogamente apporta grandissime quantità di fosforo e selenio. In quanto a calorie, c’è da dire, il salmone abbonda. Non in senso assoluto, sia chiaro, quanto piuttosto rispetto alle altre specie ittiche. Un etto di salmone contiene infatti 182 kcal. Niente di ingestibile, ovviamente, soprattutto quando le dosi sono equilibrate (come per questa ricetta).

Ecco la ricetta del satay di salmone e avocado:

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 filetti di salmone fresco;
  • 1 avocado maturo;
  • succo di 1 lime;
  • qualche fogliolina di menta;
  • 1 spicchio di aglio tritato;
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva;
  • q.b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del satay di salmone iniziate riducendo a pezzi grossi i filetti di salmone, per farlo aiutatevi con un coltello molto affilato. Inserite in una ciotola il salmone, l’olio extravergine d’oliva, il succo di lime, l’aglio, la menta tagliuzzata ed un po’ di sale. Mescolate bene in modo che si amalgami il tutto. Poi coprite la ciotola con la pellicola trasparente e fate riposare in frigorifero per 10 minuti, in questo modo il salmone subirà una leggera marinatura e assorbirà il sapore degli altri ingredienti.

Tagliate in due l’avocado, fate pressione sui bordi per aprire completamente le due metà, rimuovete la buccia e fatelo a pezzi di dimensioni simili a quelli del salmone. A questo punto componete gli spiedini alternando i pezzi di salmone con quelli di avocado. Spennellate il tutto con il sughetto della marinatura e grigliate gli spiedini per circa sei minuti rigirandoli almeno una volta. Servite gli spiedini quando sono ancora caldi.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


07-07-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti