bg header

Pasta fave e salmone: un piatto che fa la differenza

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pasta fave e salmone

Pasta fave e salmone: un piatto da leccarsi i baffi! Gli spaghetti fave e salmone costituiscono un piatto davvero semplice e, allo stesso tempo, sfizioso. Il dolce sapore delle fave si lega perfettamente alla delicatezza del salmone creando una pietanza incredibilmente unica, in grado di stupire anche i palati più pretenziosi. Potete prepararlo per pranzo o per cena, per la vostra famiglia o quando avete degli ospiti perché, nonostante la sua semplicità, è un piatto molto ricercato e apprezzato.

Per di più, questo primo piatto è ricco di proprietà benefiche, è genuino, leggero, tipico della stagione primaverile, ma adatto anche per l’estate e permette di alzarsi da tavola con la pancia piena, ma senza sentirsi troppo appesantiti. Perciò, cosa state aspettando? Procuratevi questi pochi e salutari ingredienti e mettetevi all’opera per preparare quello che diventerà un piatto richiestissimo a casa vostra!  Ma prima andiamo a scoprire meglio di cosa si tratta…

Un primo piatto tanto buono quanto sano?

Questa ricetta richiede due ingredienti principali ed entrambi hanno un’azione positiva sul nostro organismo. Le fave, infatti, sono prive di grassi, contengono molto ferro e offrono un buon apporto di proteine e fibre vegetali. Grazie a parte di questi nutrienti, contribuiscono alla regolarità intestinale e migliorano lo svolgimento dei processi digestivi. Il salmone è invece ricco di vitamine del gruppo B, sali minerali e omega 3.

La rapidità e la semplicità della preparazione degli spaghetti fave e salmone vi consentiranno di riproporre questo piatto in ogni occasione e in ogni stagione. Metterà d’accordo grandi e piccoli, vegetariani e non, e si presenterà come una buona opportunità per far mangiare ai vostri bambini un qualcosa di genuino e allo stesso tempo gustoso e ricco di sostanze nutritive.

Pasta fave e salmone

Non bisogna sottovalutare il fatto che non tutti i primi piatti offrono la possibilità di mangiare sano senza rinunciare al gusto, e questa è proprio una delle peculiarità di questa pietanza. Inoltre, stiamo parlando di una ricetta che si può preparare durante tutto l’anno, dal momento in cui le fave si trovano anche surgelate o sottovuoto, senza che le loro proprietà vengano alterate. Insomma, è una portata che si può preparare ogni volta che lo si desidera!

La preparazione e pulizia delle fave

La preparazione delle fave non è particolarmente difficoltosa, ma varia in base al trattamento che hanno ricevuto. Se per esempio acquistate le fave secche, dovrete fare attenzione alla presenza o meno della buccia, che incide sui tempi di ammollo. Le fave decorticate, infatti, richiedono circa 8 ore, mentre quelle con buccia ne richiedono anche 16. Trascorso il tempo di ammollo, potete poi sciacquarle e cuocerle. Ma passiamo ora alla pulizia delle fave. Pulire le fave fresche è molto facile, anche se è necessario un po’ di tempo. I semi vanno sgranati uno ad uno. Per fare questo dividete il baccello per lungo, apritelo ed estraete i semi scorrendo il pollice dal basso verso l’alto.

Il passaggio successivo consiste nella rimozione della buccia che ricopre i semi. Con l’unghia tagliate via l’eventuale crestina superiore, dopodiché premete il seme per farlo uscire fuori. Solo a questo punto potete capire se le fave sono veramente fresche. Infatti, il colore e la consistenza del baccello e della buccia non sono indicativi. In genere, se i semi presentano un colore verde brillante, allora le fave sono molto fresche. Per quanto concerne la conservazione, una volta pulite e private del baccello si conservano per 2 o 3 giorni in frigo. Poi potete lessarle brevemente, raffreddarle e congelarle. Le fave secche, invece, si conservano dai 4 ai 6 mesi, se riposte in contenitori ben chiusi e all’asciutto (non in frigo).

Con questa ricetta farete sempre una bella figura!

Trattandosi di un piatto così semplice e veloce da preparare, siamo sicuri che diventerà parte integrante del vostro abitudinario ricettario. Ad ogni modo, tenete a mente che un primo a base di pesce rimane rientra nella categoria dei piatti più prelibati. Proprio per questo motivo, non esitate a prepararlo anche per le occasioni speciali: i vostri ospiti potranno sicuramente apprezzarlo molto!

In brevissimo tempo, potrete servire in tavola i vostri spaghetti fave e salmone: un piatto gustoso, nutriente, ricercato e super salutare di cui, ne siamo certi, non potrete fare più a meno. Ora non vi resta altro che correre a comprare il salmone e le fave (e degli spaghetti, se in casa non ne avete!) e mettervi ai fornelli!

Ed ecco la ricetta della Pasta fave e salmone

Ingredienti per 4 persone

  • 360 gr. spaghetti  consentiti,
  • 250 gr. di ricotta consentita,
  • 200 gr. di fave pulite,
  • 100 gr, di filetto di salmone affumicato,
  • 1/2 bicchiere di vino bianco,
  • q.b. di olio extravergine di oliva

Preparazione

Pulite le fave e lessate per circa 10 minuti in acqua salata. Fermate la cottura otto il getto di acqua fredda e togliete dalla buccia.

Tagliate il salmone a striscioline e versate in una padella con l’olio. Sfumate con il vino bianco e fate cuocere per qualche minuto.  In una terrina riunite le fave e la ricotta e schiacciata grossolanamente con una forchetta.

Scolate la pasta al dente, mantecate con la crema di ricotta e fave allungando con acqua di cottura della pasta e per ultimo unite i dadini di salmone. Servite caldissima

3/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti con asparagi e totani

Spaghetti con asparagi e totani, un primo tra...

Cosa sapere sugli asparagi viola I protagonisti di questa ricetta, nonché gli ingredienti che la valorizzano maggiormente, sono gli asparagi viola. Rispetto agli asparagi classici non si...

Gazpacho di pesche (

Gazpacho di pesche, una ricetta dolce e aromatica

Quale pesche utilizzare per questo gazpacho? Per questo particolare gazpacho di pesche vi consiglio di utilizzare le pesche gialle. Sono le pesche più dolci, e quindi in grado di spiccare in mezzo...

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...

logo_print